Accordo di cooperazione tra Trentino e British Columbia

Accordi
TRENTO - Firmato a Roma, in occasione della terza giornata del World Energy Council, un accordo di collaborazione tra la Provincia autonoma di Trento e la British Columbia, rappresentati rispettivamente dall'assessore alla programmazione, ricerca e innovazione Gianluca Salvatori e il ministro canadese per l'Energia, Richard Neufeld.
L'accordo apre la strada per una collaborazione strutturata tra le due Province nel settore della ricerca scientifica e tecnologica legata all'edilizia sostenibile, alle energie rinnovabili e alla mobilità sostenibile; prevede inoltre lo scambio di buone pratiche e informazioni concernenti le rispettive politiche per l'ambiente e lo sviluppo sostenibile. "L'avvio di un fronte di collaborazione con la British Columbia, una delle realtà territoriali più avanzate al mondo in tema di tecnologie ambientali, rappresenta per noi un importante riconoscimento e ci incoraggia a proseguire ed accelerare il cammino di internazionalizzazione del sistema trentino della ricerca e lo sviluppo di stabili legami internazionali del Distretto trentino Energia ed Ambiente Habitech", ha dichiarato l'assessore Salvatori a margine della firma dell'accordo. Un concetto condiviso dal ministro canadese Neufeld: "I due territorio condividono obiettivi comuni in tema ambiente e sviluppo sostenibile".

Costruire le basi per una cooperazione proficua e duratura su un tema cruciale per lo sviluppo di territori con esigenze e caratteristiche geo-economiche e ambientali simili quali quelli del Trentino e della British Columbia. E' con questo dichiarato obiettivo che la Provincia autonoma di Trento e la provincia canadese della British Colombia hanno firmato ieri a Roma un "Memorandum of understanding" (protocollo di intesa) per l'avvio di una collaborazione tra i due sistemi territoriali in materia di tecnologie ambientali e sviluppo sostenibile. Le due Province, rappresentate dall'assessore alla programmazione, ricerca e innovazione, Gianluca Salvatori e dal ministro per l'energia, miniere e risorse petrolifere della British Columbia, Richard Neufeld, hanno così posto le basi per l'avvio di una collaborazione istituzionale e tra i soggetti della ricerca operanti nelle due regioni sui temi della ricerca scientifica e tecnologica legata all'edilizia sostenibile, delle fonti rinnovabili di energia e della mobilità sostenibile.
L'accordo si incentra su due principali ambiti operativi: 1. Lo sviluppo di una collaborazione istituzionale finalizzata allo scambio di modelli di intervento e buone pratiche nel campo delle politiche per l'ambiente e di sostegno alle "tecnologie verdi" per la preservazione dell'ambiente e il risparmio energetico; 2. L'intensificazione della cooperazione scientifica e tecnologica attraverso la realizzazione di progetti di ricerca congiunti negli ambiti dell'edilizia sostenibile e della bio-architettura, delle fonti rinnovabili di energia, delle tecnologie per il risparmio energetico, dei sistemi intelligenti per la gestione della mobilità e, infine, della valorizzazione del legno.
"L'avvio di un fronte di collaborazione con la Provincia della British Columbia,  una delle realtà territoriali più avanzate al mondo in tema di tecnologie ambientali, rappresenta per noi un importante riconoscimento e ci incoraggia a proseguire ed accelerare il cammino di internazionalizzazione del sistema trentino della ricerca e lo sviluppo di stabili legami internazionali del Distretto trentino Energia ed Ambiente Habitech", ha dichiarato l'assessore provinciale alla programmazione, ricerca e innovazione Gianluca Salvatori a margine della firma dell'accordo. E' in questa prospettiva che si svolgerà nelle prossime settimane una missione della Provincia autonoma in Canada: la delegazione trentina sarà composta da rappresentanti del Distretto Habitech, dell'Università di Trento, della Fondazione Kessler e dell'Istituto CNR Ivalsa e avrà l'obiettivo di individuare le aree progettuali su cui strutturare la cooperazione bilaterale sancita attraverso l'accordo. La delegazione trentina, supportata dall'ambasciata canadese in Italia, incontrerà i principali centri di ricerca della British Columbia, i ministri provinciali responsabili per le politiche di sviluppo sostenibile nonché le imprese di eccellenza operanti in questo settore in Canada. Attraverso un serrato programma di lavoro e di istruttoria tecnica si costruiranno quindi i presupposti operativi per il lancio dei primi progetti pilota.
Anche il Ministro Neufeld in occasione dell'incontro tenutosi ieri a margine della firma dell'accordo nei saloni del World Energy Council, il forum economico mondiale sui temi dell'energia, ha ribadito l'interesse della British Columbia a porre le basi per una proficua collaborazione con il Trentino tenuto conto, delle evidenti complementarietà tra i due territori e della centralità che l'azione di sviluppo della ricerca e la protezione del territorio assumono nei rispettivi programmi istituzionali e di governo.