Alice, Arturo nei giardini Europa, il nuovo spettacolo della Nico Pepe al Giovanni da Udine

Foyer
[img_assist|nid=15543|title=|desc=|link=none|align=left|width=130|height=130]UDINE - Applaudita nell'anteprima di San Vito al Tagliamento, è pronta a debuttare ufficialmente al Nuovo di Udine l'ultima produzione della Civica Accademia d'Arte Drammatica Nico Pepe. Alice, Arturo nei giardini Europa, questo il titolo dello spettacolo che, stando alle prenotazioni, già si preannuncia come un tutto esaurito, approderà infatti sabato 1° novembre alle 20.45 sul palco del prestigioso teatro cittadino. In scena gli attori diplomandi del terzo anno di corso, affiancati dai “colleghi” del secondo, impegnati nella pièce con drammaturgia originale di Claudio de Maglio, anche alla regia in collaborazione con Giuliano Bonanni. Nel nuovo lavoro si confrontano l’universo fantastico descritto da Lewis Carroll in Alice nel paese delle meraviglie e in Alice oltre lo specchio, insieme con quello drammatico de La resistibile ascesa di Arturo Ui di Bertolt Brecht. Due mondi,[img_assist|nid=15544|title=|desc=|link=none|align=right|width=640|height=429] apparentemente distanti e inconciliabili tra loro che, invece, finiscono per porsi in relazione l’uno con l’altro, intrecciando le storie dei protagonisti e rovesciando valori che fino a poco prima sembrava non potessero essere scalfiti. In Alice, Arturo nei giardini Europa, infatti, sono in gioco due testi: quello di Carroll, che tratteggia la società vittoriana di fine Ottocento, tra colonialismo e capitalismo britannico, e quello di Brecht, che racconta i primi momenti dell’ascesa al potere di Adolf Hitler in una Germania alle prese con una forte crisi economica dovuta anche al crollo delle borse del ’29. La scelta di queste due opere fatta mesi fa – spiega de Maglio – diventa oggi di ancor più scottante e urgente attualità, vista la situazione della finanza mondiale e il periodo di stagnazione economica che sta soffocando i Paesi dell’intero pianeta. Proprio per dare maggiore risalto all’attualità dei testi – prosegue – abbiamo optato per un approccio filologico, per far immergere il pubblico da un lato nel mondo fantastico di Alice e nel rovesciamento di un mondo reale, e dall’altro in quello di Arturo Ui, dove, invece, è proprio la realtà a ribaltare il mondo ideale. Nulla, comunque, è perduto per sempre e la speranza, come spesso accade, sembra risiedere nella risposta individuale dell’essere umano e nella sua capacità di reagire. Ma la chiave di volta di questa speranza sta nella possibilità di contenere, più che prevedere, i momenti di crisi, ed è proprio in questa [img_assist|nid=15545|title=|desc=|link=none|align=left|width=640|height=429]forbice che si colloca la possibilità che l'uomo ha di incidere per modificare il corso degli eventi. Spesso, in mezzo al caos e allo smarrimento di alcuni valori, il teatro ci aiuta a vedere più chiaro. E di questa lucida consapevolezza, che sembra rasentare quasi la preveggenza, l'arte costituisce un potente strumento per la riflessione. Sul palco i futuri attori professionisti (terzo anno) Fabrizia Boffelli, Lorenza Calza, Nicola Canal, Daniel De Rossi, Natalie Fella, Lodovico Guenzi, Luca Marchioro e Luigi Rizzo, insieme con i “colleghi” del secondo anno Sara Allevi, Nicola Borghesi, Luca Damiani, Dominic De Cia, Anna De Franceschi, Edoardo De Piccoli, Oscar Ferrari, Gabriele Paolocà e Valeria Rinaldi. La collaborazione per le scenografie è affidata a Claudio Mezzelani e Stefano Chiarandini.   Sabato 1° novembre 2008, ore 20.45 Teatro Nuovo Giovanni da Udine, via Trento 4 – UDINE Alice, Arturo nei giardini Europa di Claudio de Maglio regia di Claudio de Maglio in collaborazione con Giuliano Bonanni. Con gli allievi della Civica Accademia d'Arte Drammatica Nico Pepe.   L’ingresso allo spettacolo è libero, ma con prenotazione obbligatoria. Per informazioni e prenotazioni è possibile rivolgersi direttamente alla biglietteria del Teatro Nuovo “Giovanni da Udine” (dal lun al sabato dalle 16 alle 19) tel 0432 248418. Nella sera dello spettacolo la biglietteria aprirà alle 19.30. Info: accademiateatrale@nicopepe.it   Foto Luca d'Agostino