...Allora è jazz! Libri, fotografia, teatro e musica a Pordenone

Jazz Vibes
[img_assist|nid=16246|title=|desc=|link=none|align=left|width=130|height=130]PORDENONE - Due giorni a tutto jazz, con appuntamenti ininterrotti. Un jazz suonato e ascoltato, ma soprattutto un jazz da vedere, da riconoscere e percepire attraverso le immagini di grandi fotografi, le parole di importanti scrittori, la musica, le emozioni del teatro e il divertimento dei bambini. Accadrà sabato 6 e domenica 7 dicembre, da mattina a sera, nei diversi foyer del Teatro Verdi di Pordenone, con …Allora è jazz! Non una nuova rassegna jazz, in un panorama già piuttosto ricco in questo senso, ma un happening tra letteratura, teatro e musica, quest’ultima concepita non come elemento portante ma integrante, suonata dal vivo in un contesto “blue note”. Un evento unico, reso possibile da una felice sinergia tra il Teatro Verdi e Thesis Associazione culturale (con il sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia, la collaborazione del Comune di Pordenone e di Phocus Agency e con il patrocinio di “Musica jazz”), un’iniziativa che coinvolgerà il meglio della produzione friulana in ambito jazz e durante il quale si alterneranno occasioni per tutti: grandi e piccoli, musicofili e curiosi, fotografi e appassionati, che potranno trovare la proposta più adatta e lo spazio per colazioni e aperitivi con musica dal vivo. Il Teatro Verdi, come è già successo in passato per altre iniziative e accade ogni anno con Favole in festa, con …Allora è jazz! apre dunque nuovamente le sue porte per essere, oltre che lo spazio del pensiero, un teatro aperto all’incontro, al gioco e all’ascolto. Un teatro che vuole “farsi vivere” al di fuori degli spettacoli, essere percepito come un luogo aperto, punto di incontro per la città. Nel caso specifico la collaborazione con Thesis è un connubio vincente, perché alla musica e allo spettacolo si sposano aspetti di approfondimento - trasversali a generi e proposte culturali - che sono il tratto distintivo della linea culturale dell’associazione pordenonese organizzatrice del festival Dedica. Tanti gli ospiti prestigiosi che prenderanno parte all’happening: dallo scrittore londinese John Harvey al cantautore Gian Maria Testa, da Claudio Cojaniz al Trio D’Agaro/Ottolini/Castrino, dai Faxtet con Ferruccio Filippazzi al Trio Biason/Todesco/Colussi, da U.T. Gandhi al vincitore del premio Strega 2004 Ugo Riccarelli Tra i numerosi appuntamenti in programma: - Phocus sul jazz. Fotografie dagli anni '60 ad oggi. Dodici fotografi e una storia del jazz per immagini: sabato 6 dicembre, alle 17, l’inaugurazione della mostra organizzata in collaborazione con Phocus Agency. Fotografare la musica sembra un’impresa impossibile. Fermare in immagini[img_assist|nid=16247|title=|desc=|link=none|align=right|width=640|height=422] su carta, pellicola o pixel ciò che per sua natura è effimero e volatile. Eppure la magia che possiedono le fotografie di jazz è prodigiosa. La mostra propone tutta la storia del jazz, da Duke Ellington a Bill Evans, da Ben Webster a Johnny Hodges, da Chet Baker a Miles Davis, da Charles Mingus a John Coltrane, a Sonny Rollin, fino ai contemporanei Han Bennink, Archie Shepp, Misha Mengelberg, Enrico Rava, Stefano Bollani, Paolo Fresu e tanti altri. - Solea e altri soli (domenica 7 dicembre, ore 16.30): la musica e i paesaggi del Mediterraneo di Jean-Claude Izzo, scrittore marsigliese scomparso prematuramente nel 2000, considerato con Manuel Vasquez Montalban uno dei padri del noir mediterraneo. A condurci nei fili di una trama fatta di jazz, musica, amicizia, amori, mare e Marsiglia e a esplorare gli orizzonti letterari e musicali di un grande scrittore saranno il cantautore Gianmaria Testa (che su Izzo ha costruito uno spettacolo) e la giornalista Giovanna Zucconi, attualmente conduttrice di Sumo su Radio Due, ospite fissa di Che tempo che fa, sui Rai 3, con una seguitissima rubrica di libri. - Jazz and noir (domenica 7 dicembre, ore 18), con John Harvey, lo scrittore londinese che ha pubblicato più di novanta libri dei generi più svariati, ma è noto soprattutto per i suoi noir (tra cui i dieci romanzi della serie di Resnick che gli hanno dato fama internazionale), pluripremiato, grande appassionato di musica jazz (collabora con il quartetto Seconde Nature). Se i suoi romanzi fossero canzoni, a suonarle sarebbe Charlie Parker ha scritto la New York Book Review a proposito di John Harvey, che a Pordenone chiacchiererà con il giornalista e traduttore di molti maestri del noir Luca Conti e regalerà al pubblico qualche ghiotta anticipazione del suo nuovo libro, in uscita nella primavera del 2009. - Tra parola e suono (domenica 7 dicembre, ore 11), una conversazione tra uno scrittore che ama il jazz e un musicista che ama scrivere oltre che comporre: Ugo Riccarelli, autore di numerosi libri di successo e vincitore tra l’altro del premio Strega 2004 con il libro Il dolore perfetto e Claudio Cojaniz, pianista e instant composer friulano che ha pubblicato anche tre romanzi, si incontrano per conversare di letteratura e in particolare dell’ultimo libro di Cojaniz, L’angelo di Dolegna. - Aperitivi jazz (con musica dal vivo e stuzzichini) affidati ai protagonisti del jazz made in Friuli e non solo: - sabato 6 dicembre, alle 18, con il Trio D’Agaro/Ottolini/Castrini (Daniele D’Agaro al clarinetto sax tenore, Mauro Ottolini al trombone e tuba e Vincenzo “Titti” Castrino” alla fisarmonica cromatica); - domenica 7 dicembre, alle 12, con Claudio Cojaniz e alle 18.30 con il Trio Biason/Todesco/Colussi (Denis Biason alla chitarra, Romano Todesco al contrabbasso e fisarmonica, Luca Colussi alla batteria). - Not only for kids, il jazz spiegato ai bambini (con l’utilizzo di strumenti basilari e l’innata simpatia del musicista) dal batterista e percussionista U.T. Gandhi nella lezione-dimostrazione di domenica 7 dicembre, alle 15. E, ancora, i momenti Jazz caffè al book shop dei libri e cd, il masterclass di fotografia Il ritratto nel jazz, condotto da Jimmy e Dena Katz. - E per concludere Allucinescion, una storia di jazz (domenica 7 dicembre, alle 21, nel Ridotto del Teatro), un racconto teatrale in musica di Giampiero Rigosi dedicato a Chet Baker con Ferruccio Filipazzi e musica dal vivo dei Faxtet, formazione composta da Guido Leotta (sax e flauto), Tiziano Negrello (basso), Alessandro Valentini (tromba e voce), protagonista di un fruttuoso lavoro di ricerca legato all’abbinamento di letteratura e musica. Un'affascinante storia dedicata a Chet Baker - un Chet Baker "di provincia", imprevisto e imprevedibile - notturna, ricca di colpi di scena e di poesia. Un omaggio originale al grande musicista americano, scomparso vent'anni fa. [img_assist|nid=16248|title=|desc=|link=none|align=left|width=450|height=640]Sabato 6 dicembre e domenica 7 dicembre Teatro Comunale Giuseppe Verdi Pordenone, via Martelli, - PORDENONE ... Allora è Jazz! Libri, fotografia, teatro e musica Il programma .Sabato 6 dicembre 2008 ore 17.00 Phocus Sul Jazz Fotografie dagli anni ’60 ad oggi dodici fotografi e una storia del jazz per immagini: inaugurazione mostra. In collaborazione con Phocus Agency Presentazione di Flavio Massarutto La mostra Phocus sul Jazz resterà aperta fino al 15 gennaio 2009; ingresso gratuito. L’esposizione è accompagnata dalla pubblicazione “Double vision - fotografie e scritture sul jazz” a cura di Flavio Massarutto. ore 18.00 Aperitivi Jazz D’Agaro/Ottolini/Castrini aperitivi, stuzzichini e musica dal vivo Daniele D’agaro: clarinetto, sax tenore Mauro Ottolini: trombone, tuba Vincenzo “Titti” Castrini: fisarmonica cromatica A dieci anni inizia lo studio della fisarmonica cromatica. Partecipa a vari concorsi nazionali e internazionali ottenendo ottimi risultati e nel 1986 si diploma in pianoforte presso il conservatorio di Mantova. Con l’orchestra Sousaphonix ha partecipato ad Umbria Jazz 2008 e ad altri importanti festival. Domenica 7 dicembre 2008 ore 10.30 Jazz Caffè, Libri E Cd caffè, brioche e apertura book e cd shop Un’accurata selezione dei testi degli scrittori ospiti di ...Allora È Jazz! e di quegli scrittori che della musica jazz hanno fatto fonte d’ispirazione e ambito di indagine è a disposizione del pubblico nel book shop curato dalla libreria Einaudi Giavedoni di Pordenone. È disponibile anche una selezione dei cd di tutti i musicisti ospiti arricchita da una ricca proposta di musica jazz curata dall’ etichetta regionale Artesuono e Jazz Today Distribution. ore 11.00 Tra parola e suono conversazione di Ugo Riccarelli con Claudio Cojaniz, sul libro “Angelo di Dolegna” di Claudio Cojaniz Uno scrittore che ama il jazz e un musicista che ama scrivere oltre che comporre, si incontrano per conversare di letteratura e dell’ultimo romanzo di Claudio Cojaniz “Angelo di Dolegna” ore 12.00 Aperitivi jazz Cojaniz musica dal vivo con Claudio Cojaniz ore 15.00 Not Only For Kids il jazz spiegato ai bambini. Lezionedimostrazione a cura di U.T. Gandhi Si può raccontare il jazz ai bambini? Certamente, con l’utilizzo di uno degli strumenti basilari e dell’innata simpatia del musicista. È il caso del batterista e percussionista friulano U.T. Gandhi che, attraverso la batteria, proverà a spiegare il jazz ai bambini. Invitandoli pure a suonarla insieme a lui. ore 16.30 Solea e altri soli La musica e i paesaggi del Mediterraneo di Jean-Claude Izzo con Gianmaria Testa e Giovanna Zucconi Solea è il romanzo di Jean Claude Izzo che chiude la trilogia marsigliese avviata con Casino totale e Chourmo. Solea è anche il titolo di un brano di Miles Davis. Il jazz, la musica, l’amicizia, gli amori, il mare, Marsiglia costituiscono i fili di una trama attraverso la quale Gianmaria Testa e Giovanna Zucconi ci condurranno ad esplorare gli orizzonti letterari e musicali di un grande scrittore prematuramente scomparso. .ore 18.00 Jazz and noir conversazione di Luca Conti con John Harvey “ore 19.30 Aperitivi jazz Biason/Todesco/Colussi musica dal vivo con Denis Biason, Romano Todesco, Luca Colussi. ore 21.00 Ridotto Teatro Verdi Allucinescion Una storia di Jazz racconto in musica di Giampiero Rigosi dedicato a Chet Baker con Ferruccio Filippazzi, musica dal vivo di Faxtet Un’affascinante storia dedicata a Chet Baker - un Chet Baker “di provincia”, imprevisto e imprevedibile - notturna, ricca di colpi di scena e di poesia. Un omaggio originale al grande musicista americano, scomparso vent’anni fa. Ferruccio Filippazzi si è esibito in compagnia di scrittori e musicisti provenienti dai più diversi generi: John De Leo, Fabrizio Tarroni (con cui ha registrato il libro-cd Mica lo spezzi un do), Faxtet (con i quali ha inciso Storie di jazz), Mariana Ramòs. Per Mobydick ha inciso l’album di racconti e canzoni Un treno di storie. Faxtet Guido Leotta: sax e flauto Tiziano Negrello: basso Alessandro Valentini: tromba e voce Le iniziative sono a ingresso libero (escluse le consumazioni) fino ad esaurimento della capienza. ... allora è Jazz! un progetto di: Emanuela Furlan Claudio Cattaruzza Luca D’Agostino con il sostegno di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia con la collaborazione di Comune di Pordenone Phocus Agency con il patrocinio di Musica Jazz Info: tel. 0434247624 www.thesis-pn.it La foto di Duke Ellington è di Phocus Agency