Bessôl, la solitudine dell’arbitrio secondo Claudio Moretti ospite del circuito ERT per quattro repliche

[img_assist|nid=11454|title=|desc=|link=none|align=left|width=130|height=130]Fabiano Fantini nelle insolite vesti di drammaturgo e regista, Claudio Moretti solo, sul palco, a dar vita agli ultimi minuti di carriera di un arbitro, gli attimi che precedono l’ingresso sul campo di gioco. Parliamo di Bessôl – un arbitro tal bunker, la produzione del CSS Teatro Stabile d’innovazione del FVG, fresca di debutto, che sarà ospite del circuito ERT per una serie di appuntamenti nei prossimi giorni: il primo, domenica 13 gennaio, è a San Vito al Tagliamento, nell’Antico Teatro Arrigoni, con una doppia replica alle ore 16.30 e alle 21. Il monologo sarà poi martedì 15 gennaio, alle 20.45, all’Auditorium Alla Fratta di San Daniele del Friuli, sabato 19 gennaio al Teatro Comunale di Camino al Tagliamento e giovedì 24 gennaio all’Odeon di Latisana (ore 20.45). Claudio Moretti tornerà nelle stagioni ERT anche a marzo, con una replica ad Orsaria di Premariacco e una a Gemona. Quello che doveva essere il giorno di chiusura di una carriera fatta di pochi successi e tante sconfitte, ma guidata sempre da un profondo senso di giustizia, si trasforma per un arbitro di calcio in un incubo. A cominciare dallo spogliatoio che gli viene assegnato: un buco sottoterra, una specie di bunker, una cella con chiusura dall’esterno con poca luce e ancora meno acqua calda. Proprio questo bunker diventa il motivo scatenante del delirante e divertente monologo di Moretti, che si sviluppa come flusso di coscienza e che analizza, con sfoghi furiosi alternati a momenti di dolcezza, un mondo che si sta trasformando in funzione del mercato e delle televisioni. Riuscirà l’arbitro a mantenere uno spazio di libertà? Di sicuro dovrà ancora correre e sudare e fischiare e farsi coprire d’insulti, diventare capro espiatorio. Ma ci sarà qualcuno a chiedersi, ogni tanto, chi c’è dietro quella divisa? E’ un uomo semplice e concreto il nostro arbitro, si esprime con un linguaggio diretto: parla della sua famiglia, dei suoi amici, dei suoi colleghi; il calcio diventa pretesto per riflettere su un mondo che a lui pare impazzito; si sente un Don Chisciotte sconfitto da un sistema che lo ingloba e lo stritola; è uno uomo che cerca un centro, una regola, ma che trova solo un grande vuoto. Come nei personaggi tragicomici di Four o di Maratona di New York, l’arbitro-Moretti è la figura di un perdente alla ricerca di un atto eroico che possa riscattare la sua esistenza. L’unica cosa da fare è arbitrare alla grande l’ultima partita, entrare nello stadio come un torero nell’arena. Domenica 13 gennaio 2008, ore 16.30 e 20.45Antico Teatro Arrigoni - San Vito Al Tagliamento (PN) Martedì 15 gennaio 2008, ore 20.45Auditorium Alla Fratta - San Daniele Del Friuli (UD) Sabato 19 gennaio 2008, ore 20.45Teatro Comunale - Camino Al Tagliamento (PN) Giovedì 24 gennaio 2008, ore 20.45Teatro Odeon - Latisana (UD) Bessôl con Claudio Moretti Testo e la regia di Fabiano Fantini Info: ufficio cultura di San Vito al n. 0434/833295, la Biblioteca Guarneriana di San Daniele al n. 0432/954934, il Comune di Camino al n. 0432/919000, il CIT di Latisana del 0431/59288 o su www.ertfvg.it