Carta Famiglia, agevolazioni ache per i servizio scolastici

ConVoglia
Al Comune di Udine c’è tempo fino all’8 ottobre per accedere al benefit

UDINE - Dall’anno scolastico 2010-2011 l’amministrazione comunale estenderà i benefici legati alla Carta Famiglia anche ai servizi di accoglienza pre e post scolastici e alle mense scolastiche. Le misure introdotte dal Comune di Udine, che prevedono in particolare una serie di agevolazioni tariffarie per l’accesso ai servizi in questione, saranno accessibili a tutti i possessori della Carta Famiglia (in corso di validità) residenti sul territorio comunale.

Per accedere ai benefici i cittadini interessati devono presentare la propria Carta Famiglia presso gli sportelli abilitati al rilascio dei buoni pasto (gli uffici comunali di viale Ungheria 15 o le circoscrizioni comunali). In un momento di forte crisi economica, che coinvolge e condiziona anche molte famiglie udinesi – sottolinea l’assessore ai Servizi Sociali Antonio Corrias –, questi interventi di politiche sociali possono rappresentare una boccata d’ossigeno per tanti cittadini.

L’amministrazione comunale attingerà da un fondo di circa 185 mila euro per l’introduzione di queste misure, già individuati nell’ambito dei trasferimenti regionali per l’attivazione di sconti e/o benefici in favore dei titolari di Carta Famiglia. Questi nuovi benefici saranno modulati in base al numero di figli a carico. Gli iscritti ai servizi di accoglienza pre e post scolastica avranno diritto a un beneficio tariffario pari a 2 rate bimestrali con tre o più figli a carico, o di una rata bimestrale con meno di tre figli a carico. Per quanto riguarda invece il servizio di ristorazione scolastica è prevista l’erogazione di buoni pasto. Le agevolazioni corrisponderanno a 40 buoni pasto per le famiglie con tre o più figli a carico, a 20 buoni pasto per i genitori con due figli a carico e a 10 buoni pasto per i nuclei familiari con 1 figlio a carico.  I pasti potranno essere consumati durante tutto l’anno scolastico e i buoni non utilizzati non saranno rimborsabili. Il numero di buoni mensa erogati gratuitamente non potrà comunque superare i giorni di scuola o di fruizione del servizio in caso di rientri settimanali.
Questo provvedimento va incontro soprattutto alle esigenze delle famiglie numerose – continua Corrias –, con tre o più figli a carico, titolari di Carta Famiglia, iniziando così il percorso di attenzione della pubblica amministrazione a sostegno delle famiglie numerose previsto dalla recente introduzione dell’articolo 9 ter della legge regionale 7 del 2010. Si ricorda che per ottenere la Carta Famiglia è necessario avere almeno un figlio a carico del nucleo familiare e possedere un indicatore Isee non superiore a 30 mila euro.

Per maggiori informazioni su come ottenere la Carta Famiglia, ci si può rivolgere agli sportelli circoscrizionali (dalla seconda alla settima circoscrizione, dal lunedì al venerdì dalle ore 8.45 alle 12.15, il lunedì e giovedì anche dalle 15.15 alle 16.45) o allo sportello Carta Famiglia presso l’ufficio Anagrafe (da lunedì a venerdì dalle ore 8.45 alle 12.15).