Centenario del Collegio dei Ragionieri del Friuli

UDINE - Costituito fra i primi in Italia, nel 1907, il Collegio dei ragionieri del Friuli celebra quest’anno il suo centenario di fondazione, un traguardo molto importante per la categoria che si prepara a intraprendere un nuovo percorso altrettanto significativo. A partire dal 1 gennaio 2008, infatti, ragionieri e dottori commercialisti confluiranno in un unico Albo. Una svolta storica e molto attesa anche per i ragionieri friulani che venerdì 13 aprile si ritroveranno nel salone del parlamento del Castello di Udine per ripercorrere le tappe dell’evoluzione della professione e le sfide future. Primo di una serie di eventi distribuiti lungo l’arco dell’anno per festeggiare i cento anni di attività del collegio, l’incontro avrà inizio alle 17.30 con i saluti del sindaco di Udine, Sergio Cecotti, del presidente della provincia Marzio Strassoldo, del sindaco di Pordenone Sergio Bolzonello, del presidente della Camera di Commercio Adalberto Valduga e del rettore dell’Ateneo Friulano Furio Honsell. Rappresenteranno la categoria dei dottori commercialisti, Claudio Siciolitti (consigliere nazionale) e Doretta Cescon, presidente dell’ordine de commercialisti della provincia di Udine mentre per il mondo della finanza saranno presenti Flavio Pressacco (presidente di Mediocredito del Friuli Venezia Giulia) e Gianni Zonin, presidente della Banca popolare di Vicenza. Il programma prevede quindi l’intervento del presidente del Collegio dei ragionieri del Friuli, Mario Savino che analizzerà il ruolo svolto dai ragionieri friulani nello sviluppo dell’economia locale. Il professor Gianpaolo Prandstraller, ordinario di sociologia alla facoltà di scienze politiche dell’Università di Bologna, focalizzerà l’attenzione su un tema di stretta attualità: la ristrutturazione delle professioni italiane nell’attuale momento storico. Strumenti, sfide e prospettive della professione saranno invece gli argomenti sui quali si soffermerà il presidente del Consiglio nazionale dei ragionieri commercialisti William Santorelli. Le conclusioni sono affidate all’assessore regionale Enrico Bertossi.