A I mille occhi 2011 protagonista la sezione Standard & Poor

ConSequenze

TRIESTE - Giornata dedicata in larga parte alla rassegna Standard & Poor quella di mercoledì 21 settembre. Con un doppio programma che comincerà con L’età del ferro di Roberto Rossellini e terminerà, a tarda notte,  con La follia di Almayer di Vittorio Cottafavi.

Proseguono, intanto, gli incontri mattutini - dedicati ai più inventivi libri di cinema - intitolati La gaia scienza. Letture di Visioni, alle ore 11.00 presso la Stazione Rogers.  Mercoledì ancora alla presenza di Pasquale Squitieri, curatore di un volume dedicato alla sua opera.
Nell’ambito della sezione L’avventura della collezione, film italiani mai visti, dal Fondo Katholische Filmwerk Filmothek acquisito da Daniela Bartoli alla Cineteca del Friuli, verrà presentato A fil di spada di Carlo Ludovico Bragaglia.

Dal 16 al 24 settembre 2011

Teatro Miela, Piazza Duca degli Abruzzi 3, e Stazione Rogers, Riva Grumula 12, - TRIESTE

I mille occhi – Festival internazionale del cinema e delle arti - X: Vertigo

Mercoledì 21 settembre 2011

Il programma

Stazione Rogers

ore 11.00

Incontri a Stazione Rogers

Il cinema di Pasquale Squitieri, incontro con il regista, con la partecipazione di Domenico Monetti, e presentazione del volume da lui curato sul regista (Guida Editori).

Teatro Miela

ore 14.00

L’avventura della collezione, I

A fil di spada di Carlo Ludovico Bragaglia, b/n, 72’.

ore 15.15

Standard & Poor

L’età del ferro di Roberto Rossellini e Renzo Rossellini jr., b/n, 277’.

ore 18.30

Un epilogo

Fortini/Cani di Jean-Marie Straub e Danièle Huillet, col, 83’.
Schakale und Araber di Jean-Marie Straub, col, 11’, sott.it.

ore 20.30

Standard & Poor

Presentazione di Sergio Toffetti, direttore dell’Archivio Nazionale Cinema d’Impresa

Incontro con la Olivetti di Giorgio Ferroni, b/n, 23’.
Scioperi a Torino di Carla e Paolo Gobetti, b/n, 35’.
Le regole del gioco di Massimo Magrì, col, 17’.
Divisione Controllo Numerico di Aristide Bosio, col, 9’.
Progetto n. 128 di Valentino Orsini, col, 28’.
I prosseneti di Brunello Rondi, col, 101’.
La follia di Almayer di Vittorio Cottafavi, col, 92’.

Biglietti: l’accredito consente di accedere a tutte le sale del Festival, ricevere in omaggio il catalogo e il manifesto della kermesse. Costo: 22.50 Euro

Info: Anno Uno

tel. 0403498889

festival@milleocchi.com

www.imilleocchi.com