L’estate di Giacomo del cineasta friulano Alessandro Comodin in anteprima mondiale al Festival di Locarno

ConSequenze

UDINE - Il film L’estate di Giacomo di Alessandro Comodin sarà presentato in anteprima mondiale al Festival di Locarno nella sezione competitiva Cineasti del Presente dedicata alle opere prime e seconde di autori emergenti provenienti da tutto il mondo.

Prodotto da Faber Film in coproduzione con la friulana Tucker Film, la belga Les Films Nus di Bruxelles e la francese Les Films d’Ici - finanziato dal Fondo Audiovisivo del Friuli Venezia Giulia -, L’estate di Giacomo è un film documentario poetico.
Racconta la storia di un ragazzo di diciannove anni, a cui un’operazione chirurgica ha ridato l’udito perso da piccolo. Una storia d’amore e d’iniziazione alla vita adulta attraverso un vero e proprio apprendistato dei sensi: tutto attorno a Giacomo appare incantato, tutto è una nuova scoperta.
Girando nella campagna tra il Friuli e il Veneto, la macchina da presa di Comodin, trasparente, racconta Giacomo e una sua amica d’infanzia, soli e liberi, nel bosco che costeggia il fiume durante un pomeriggio che sembra durare il tempo di un’estate…

Alessandro Comodin, classe 1982, nato a San Vito al Tagliamento e originario di Teor, dopo aver studiato le tecniche del cinema a Bruxelles, si è fatto notare al Festival di Cannes nel 2009. Il suo primo film, prodotto nel 2008, Jagdfieber - La febbre della caccia aveva conquistato le attenzioni dell’allora direttore della Quinzaine Des Réalisateurs, Olivere Père (ora direttore del Festival di Locarno), che non aveva esitato a inserirlo nella selezione ufficiale legata ai cortometraggi.
Martedì 9 agosto, per Comodin, si presenta un’ulteriore sfida: il concorso di Cineasti del presente della 64° edizione del Festival Internazionale di Locarno. In gara 14 titoli, opere prime e seconde di giovani registi provenienti da undici paesi. Cineasti del presente, da sempre, è fucina di nuovi talenti e laboratorio di ricerca per nuove forme cinematografiche, alla ricerca di strade ancora inesplorate.

Info:  Tucker Film

tel. 0432/299545

tuckerpress@tuckerfilm.com

www.tuckerfilm.com