A Lagunamovies 2011 si rievoca l'isola-utopia di Giorgio Rosa

Rassegne

Grado (GO) – Dopo il successo della serata d’esordio Lagunamovies prosegue domenica 7 agosto, alle 21 nella Diga Nazario Sauro di Grado, sempre sul filo conduttore di Second life. L’altro lato della vita, tema dell’edizione 2011 del festival.

Una seconda vita di libertà echeggia nell’incontro in programma domani sera, dedicato a Un’altra vita sull’isola: l’utopia delle rose: l’occasione per ripercorrere la vicenda dell’Isola delle rose, ovvero la cronaca di un’utopia e di com’è stato letteralmente affondato il sogno di una nuova libera micronazione, quella progettata nell’estate del 1968, al largo delle coste riminesi in acque territoriali internazionali, dall’ingegnere bolognese Giorgio Rosa, che proclamò l’indipendenza di uno stato sorto su una piattaforma da lui stesso costruita. Fu l’atto di nascita della repubblica esperantista denominata Libera Teritorio de la Insulo de la Rozoj, presto divenuta curiosità per i turisti della Riviera e un caso internazionale, suscitando da una parte grandi timori, dall’altra speranze e sogni. La Marina militare decise di occuparla per demolirla ma nel febbraio 1969 una tempesta finì per abbattere la piattaforma prima che gli uomini in divisa avessero completato il loro lavoro.

Quarant'anni dopo, nel luglio 2009, dal mare riemersero i resti di quella struttura, eco di un’utopia e del desiderio di veder fiorire le rose sul mare che aveva accompagnato la nascita di uno staterello sovrano di quattrocento metri quadrati. Gli aspetti ‘tecnici’ e geopolitici di quell’utopia, ma anche e soprattutto il volto umano di un sogno accolto con aspra ostilità si ricomporranno, come in un avvicente puzzle, nella conversazione condotta al festival dal giornalista Pietro Spirito con il capitano Paolo Muner, che ha studiato per anni il caso dell’Isola delle Rose, con il docente Piergiorgio Gabassi, esperto di psicologia sociale, e con lo sceneggiatore Giuseppe Musilli, che ha curato la ricostruzione della vicenda per il film documentario diretto da Roberto Naccari, L’isola delle rose. La libertà fa paura' in proiezione a fine serata.


Lagunamovies 2011 - 8^ edizione - Second life. L’altro lato della vita

Domenica 7 agosto 2011, ore 21:00

Diga Nazario Sauro - Grado (GO) 

Un'altra vita sull'isola

L'utopia delle rose

Incontro con Paolo Muner, Piergiorgio Gabassi, Giuseppe Musilli e Roberto Naccari

ModeraPietro Spirito

All’Auditorium in caso di maltempo

Ingresso libero

Lagunamovies 2011 è promosso dal Comune di Grado con l’Assessorato alla Cultura della Regione Fvg, su progetto di Sergio Naitza, Daniela Volpe e Paola Sain, in sinergia con la Fondazione Carigo e Banca di Cividale, e con GIT, Promohotel e Consorzio Dolegna: il Collio a 7 stelle.

Info: www.lagunamovies.com