Science+Fiction 2011: al via con l'anteprima di Monsters

E20
Giovedì 10 novembre il regista inglese Gareth Edwards presenta al pubblico il suo primo lungometraggio

TRIESTE - Si apre all'insegna della migliore fantascienza indipendente l'undicesima edizione di Science+Fiction, festival della fantascienza di Trieste: giovedì 10 novembre alle ore 20, al Multiplex Cinecity  il regista inglese Gareth Edwards presenterà al pubblico l'anteprima del suo lungometraggio d'esordio Monsters.

Un film di science fiction innovativo pronto a diventare fenomeno di culto. Dopo la partecipazione in concorso al festival di Trieste, Monsters sarà distribuito nelle sale italiane da One Movie Entertainment.

Una sonda artificiale, inaspettato habitat di microrganismi alieni, si schianta al confine tra Stati Uniti e Messico. Sei anni dopo quelle forme di vita elementari si sono adattate al nostro mondo, evolvendosi in creature mostruose. Le autorità terrestri sono costrette a mettere in quarantena la zona, creando una spaccatura tra i due paesi. Un reporter e la figlia del proprietario del giornale per cui lavora devono attraversare la zona proibita. I due si ritrovano in un paesaggio ormai completamente alieno. Riusciranno ad adattarsi e a sopravvivere?

L’idea di Monsters nasce da un’immagine colta dal regista durante una vacanza: un gruppo di pescatori alla prese con un enorme polipo impigliato in una rete, un altro gruppo che ride divertito. Il film comincia a prendere forma nella sua testa: un mostro gigante che dimena i tentacoli distruggendo quello che incontra sul suo cammino e annientando ogni presenza umana, facendo proprio l’habitat che prima era dell’uomo. Essendo cresciuto con film come Jurassic Park, ET e altri classici di Steven Spielberg, Gareth Edwards voleva fare un film che avesse come protagonisti dei mostri ma nel modo più realistico possibile. Ci voleva un giusto mix tra storia d’amore, realismo e fantascienza. Racconta il regista: «Cominciai a fare qualche ricerca in cerca di spunti e venni a conoscenza del fatto che su una delle lune di Giove, Europa, secondo gli scienziati vi è maggior probabilità di trovare qualche forma di vita. La NASA aveva inviato una sonda per cercare delle prove: era lo spunto che volevo. Immaginai una di questa sonde di ritorno sulla Terra, carica di microrganismi. E ovviamente la reazione tra il nostro ambiente e queste nuove forme di vita, che potevano proliferare indisturbate per anni. Poi mi venne l’idea del fotografo, del viaggio che dovrebbe essere un salvataggio della figlia del proprio capo e un rientro nella zona protetta, che si trasforma in un road movie nella zona infetta». Ambientato tra Guatemala, Belize e Messico, Monsters è stato girato con una troupe composta da appena quattro persone, e con due soli attori principali: Scoot McNairy e Whitney Able.   

Dopo aver lavorato con successo come creatore degli effetti visivi per Discovery Channel e per la BBC, con cui ha vinto un Bafta e un Emmy e con cui ha firmato serie importanti come Space Race e Le sette meraviglie del mondo industriale, Gareth Edwards ha deciso di intraprendere un proprio personale percorso che gli consentisse di mettere a frutto l’esperienza accumulata negli anni. Recentemente ha diretto il dramma Attila per la BBC, con più di 250 effetti speciali tutti realizzati da lui. Ha partecipato e vinto il concorso del canale Sci-Fi dimostrando che è possibile fare un film senza crew, con solo un attore e in 48 ore. La brillante performance nel concorso lo ha fatto notare dalla Vertigo Films, e il resto è presente.

Inoltre, in occasione della Giornata Mondiale della Scienza, come evento inaugurale di Trieste Science+Fiction in collaborazione con l'International Centre for Theoretical Physics verrà proiettato il documentario Abdus Salam. The Dream os Symmetry, diretto da Diego Cenetiempo e scritto da  Giuseppe Mussardo, dedicato al grande scienziato fondatore dell'ICTP di Trieste e Premio Nobel per la Fisica nel 1979. La proiezione è a ingresso libero.
 
Una grande giornata inaugurale, in attesa dell’arrivo a Trieste di  George Romero che da venerdì sarà ospite della kermesse e che nei prossimi giorni riceverà il Premio Urania d’Argento alla Carriera per mano del maestro del brivido Dario Argento. Intanto, la città si è preparata ad accoglierlo. In concomitanza con il festival e negli spazi del centro cittadino, prenderanno il via due iniziative collaterali. Sbarca SpaceOpera (dal 10 al 13 novembre), all’interno di una cupola allestita in Piazza Sant’Antonio: un viaggio virtuale interplanetario realizzato con la tecnica dello spherical rendering, un formato panoramico con visuale a 360° in computer graphic capace di ricreare, tramite molteplici proiettori digitali ed un software rivoluzionario, un "ciclorama" video perfetto. Sulle note di Op.32: Sinfonia dei Pianeti di Gustav Holst (sulla quale lo show è concepito e sincronizzato), ispirandosi alla felice unione di sci-fi e musica classica di kubrickiana memoria, "SpaceOpera" regalerà al pubblico un'esperienza unica nel suo genere, prendendo spunto dall'ipotetico ritrovamento di un disco volante nel sottosuolo, la cui tecnologia, intatta, permetterà ai passeggeri di decollare dalla Terra e visitare l'intero sistema solare in poco più di quaranta minuti, giocando coi concetti di Spazio e Tempo. Inoltre, Trieste Science+Fiction si lega ancora una volta all'arte e alla scienza promuovendo, giovedì 10 novembre alle 16.30 presso la sala Comunale d'Arte (piazza Unità d'Italia, 4), una dimostrazione del CuBIT, ideato da Alessio Iurman, nell’ambito della sua mostra personale CuBIT-La forma del pensiero razionale. L’autore dimostrerà il funzionamento di questo suo bizzarro oggetto che sta a cavallo tra l'arte concettuale e la scienza. CuBIT è un inedito “abaco” per il calcolo logico elementare, con funzioni solo in parte simili a quelle che la storica Tavola Pitagorica riveste per il calcolo aritmetico.

Dal 10 al 13 novembre 2011

Multiplex Cinecity / The Space c/oCentro Commerciale Torri d’Europa, via D’Alviano 23 - TRIESTE

Science+Fiction 11 - XI edizione

Giovedì 10 novembre

il programma della giornata inaugurale

ore 18.00

Sala 2

extra cinema e scienza
in collaborazione con ICTP

Abdus Salam. The Dream of Symmetry (Italia, 2011, col., 57’, v.o. ita.) di Diego Cenetiempo

ingresso libero

ore 20.00

Sala 2

neon concorso

Monsters (GB, 2010, col., 94’, v.o. ing. sott. ita.)] di Gareth Edwards

Sarà presente in sala il regista

ore 22.15

Sala 2

neon

Cave of Forgotten Dreams 3D [Usa/Francia, 2011, col., 90’, v.o. ing. sott. ita./ted.) di Werner Herzog

Biglietti: Accredito: Il modulo d’accredito va compilato presso il cinema e permette l’accesso a tutte le proiezioni ed incontri in programma. La quota di registrazione è di euro 20 (accredito + catalogo + borsa), euro 15 per studenti. I biglietti per ogni singola proiezione sono gratuiti per gli accreditati fino ad esaurimento dei posti disponibili e vanno ritirati esibendo la tessera.

Biglietto singolo: il costo di accesso ad un singolo programma è di euro 4. Acquisto e ritiro dei biglietti
I biglietti possono essere acquistati o ritirati presso le casse esclusivamente nel giorno della proiezione. Le casse del multiplex Cinecity | The Space riservate al festival saranno aperte nei giorni 10, 11, 12 novembre a partire dalle ore 14.00; 13 novembre a partire dalle ore 10.30. Per gli spettacoli che
iniziano dopo le ore 20.00, i biglietti possono essere ritirati o acquistati a partire dalle 19.00. Tutti i posti nelle sale sono numerati, l’assegnazione verrà effettuata automaticamente secondo la migliore disponibilità dei posti in sala. L’accesso alle sale è consentito fino all’esaurimento dei posti a sedere. Le
stesse modalità di accesso si applicano anche alle proiezioni e agli incontri a ingresso libero, con ritiro del biglietto omaggio presso le casse fino all’esaurimento dei posti disponibili.

Info: Trieste Science+Fiction Festival
c/o La Cappella Underground
tel. +39 040 3220551
info@scienceplusfiction.org
www.scienceplusfiction.org