Coatto unico… senza intervallo: quattro date per il monologo di Giorgio Tirabassi nel circuito ERT FVG

Foyer
[img_assist|nid=12352|title=|desc=|link=none|align=left|width=130|height=130]Un Giorgio Tirabassi inedito, per chi lo ricorda nei panni dell’ispettore capo Ardenzi in Distretto di Polizia o di Paolo Borsellino nell’omonimo film-tv, arriva nel circuito ERT per quattro serate. L’attore romano sarà protagonista di Coatto unico…senza intervallo, un monologo con musiche che verrà ospitato dall’Auditorium Comunale di Zoppola, venerdì 22 febbraio, alle 20.45, dal Teatro Comunale di Codroipo, sabato 23 (ore 20.45), dall’Auditorium Aldo Moro di Cordenons domenica 24 (ore 21) e, infine, dall’Auditorium Alla Fratta di San Daniele del Friuli lunedì 25, alle ore 20.45. In scena, con Tirabassi (impegnato anche alla chitarra e regista dello spettacolo), ci saranno Daniele Ercoli al contrabbasso e Giovanni Lo Cascio alle percussioni. La produzione è affidata alla Due punti. Prima di qualsiasi presentazione, vale la pena ricordare che nell’accezione comune con “coatto” s’intende chiunque mostri un atteggiamento bullo, invadente, volgare. Detto con superiorità a qualcuno, è una constatazione di diversità sociale, economica e culturale. “Coatto unico…senza intervallo” è uno spettacolo nuovo che, però, ha già compiuto dieci anni. La contraddizione si spiega perché fino alla scorsa stagione il monologo non era mai uscito dal confini segnati dal Grande Raccordo Anulare ed era stato rappresentato principalmente in quei teatri che si definiscono “off”. Ora – spiega Tirabassi - sento che siamo maturi, i miei personaggi ed io, per uscire da Roma e andare in giro per l’Italia”. In “Coatto unico” si fondono le due grandi passioni di Tirabassi: la musica e la recitazione. “Ho sempre cercato – continua l’attore romano - di abbinare la musica al mio lavoro, ma non era facile trovare l’occasione per unirla alla prosa. Poi, scrivendo delle canzoni, giocando un po’ con la forma dello ‘stornello’, contaminandolo con il blues e il jazz, ho scovato una via che dava identità al tutto. Trovata l’ossatura centrale, non mi restava che raccontare i personaggi di quelle canzoni, i protagonisti di quelle storie. Così è nato lo spettacolo. Le storie di questo monologo appartengono alla Capitale ma[img_assist|nid=12353|title=|desc=|link=none|align=right|width=640|height=494] potrebbero aver luogo in una qualsiasi periferia cittadina: c’è il “tossico” che ironizza sulla sua difficile quotidianità; l’evasore fiscale arrogante e strafottente; “Nello” e “Rufetto”, due maldestri ed esilaranti rapinatori; e pure un padre alle prese con le domande incalzanti e, talvolta, imbarazzanti del figlio. Tutti sono nati dall’osservazione della realtà, da discorsi rubati al bar o in autobus o magari restando imbottigliati nel traffico romano. Tirabassi, prima di ottenere grande notorietà con le già citate interpretazioni nella serie televisiva Distretto di Polizia e nel film-tv Borsellino, è stato per quasi 10 anni un componente della compagnia di Gigi Proietti, alla quale era arrivato dopo alcuni anni di apprendistato fatto di teatro di strada, animazioni, teatro d’avanguardia. Dopo le stagioni di Distretto – conclude Tirabassi - sono tornato immediatamente a teatro, per fare quello che mi piace. Venerdì 22 febbraio 2008 - ore 20.45 Zoppola – Auditorium Comunale Sabato 23 febbraio 2008 – ore 20.45 Codroipo – Teatro Comunale Domenica 24 febbraio 2008 – ore 21 Cordenons – Auditorium Aldo Moro Lunedì 25 febbraio 2008 – ore 20.45 San Daniele Del Friuli – Auditorium Alla Fratta Coatto unico… senza intervallo con Giorgio Tirabassi Maggiori informazioni al sito www.ertfvg.it o contattando la Biblioteca Comunale di Zoppola al n. 0434/979947, il Teatro Comunale di Codroipo al n. 0432/908467, l’Ufficio Cultura del Comune di Cordenons 0434/586939 e la Biblioteca Guarneriana di San Daniele al n. 0432/954934.