A èStoria 2012 la consegna del Premio FriulAdria Il romanzo della storia a Corrado Augias

Rassegne

GORIZIA – Cartellone ricchissimo sabato 19 maggio, per la seconda giornata di èStoria 2012 - VIII Festival internazionale della storia di Gorizia. Come sempre ad aprire il programma sarà, alle 8.45, la Colazione con la storia condotta da Giorgio Dell’Arti, seguita stamane da un pubblico straordinariamente generoso e partecipe.

Fra gli eventi più attesi della giornata di domani spicca senz’altro la premiazione – alle 18 nella Tenda Erodoto - del giornalista, scrittore e conduttore televisivo Corrado Augias, vincitore della IV edizione del Premio FriulAdria Il romanzo della storia, promosso dai festival èStoria e pordenonelegge.it nel segno dell’intreccio fra storia e narrazione, grazie all’ispirazione e al sostegno di Banca FriulAdria Crèdit Agricole.

Nella sua vasta opera Corrado Augias - enunciano le motivazioni del Premio -  ha affrontato, girovagando con il gusto del flaneur, il passato di grandi personaggi, città e culture, narrandone spesso le pieghe nascoste e i segreti. Il piglio dissacrante, l’acribia della ricerca, il gusto dell’aneddoto e la sensazione di un affresco appassionato rendono i suoi libri godibili e sorprendenti, restituendoci le epoche narrate per sprazzi narrativi pregni di senso. Il vastissimo pubblico che da anni lo segue testimonia l’abilità di Augias nel cogliere l’oggetto narrato con tutta la ricchezza e la forza suasiva del romanziere. L’assegnazione a Corrado Augias del Premio Il romanzo della storia segue quelle a Daniel Goldhagen nel 2011, a Edward Luttwak nel 2010 e a Luciano Canfora nel 2009. Subito dopo la premiazione Corrado Augias sarà protagonista al festival di un intervento sul tema La speranza e l’attesa della libertà, ispirato ai contenuti del suo recente libro Il disagio della libertà.
 
E sempre domani, alle 16.30 nella Tenda Apih,  è in programma la proclamazione dei vincitori del Premio Antonio Sema – Concorso Banca Popolare FriulAdria-Crédit Agricole per la scuola, rivolto alle scuole secondarie italiane di primo e secondo grado. Il Premio, ideato per coniugare gli elementi fondamentali del lavoro di ricerca e della didattica, è intitolato ad Antonio Sema (Pirano 1949 – Gemona 2007), rigorosa figura di storico e insegnante. Dall’edizione 2012, una grande novità caratterizza il Premio Sema: si tratta della nuova sezione per giovani laureati, promossa da èStoria con la rivista di geopolitica Limes e l’associazione Historia di Pordenone. Presidente della Commissione giudicatrice è il direttore di Limes, Lucio Caracciolo, che domani interverrà alla premiazione.
Porzûs, violenza e resistenza titola l’incontro cui parteciperanno domani al festival (ore 10, Tenda Erodoto) Ugo Berti, Ernesto Galli Della Loggia, Tommaso Piffer e Paolo Mieli; Le profezie della Voce dell’oracolo saranno ripercorse nel dialogo fra Luciano Canfora, Monica Centanni e Gino Bandelli (ore 9, Tenda Erodoto). Citazioni profetiche dalla Divina Commedia risuoneranno nell’intervento di Marco Santagata per la voce recitante di Walter Mramor (ore 9, Tenda Apih). La visione illuminata di Adriano Olivetti sarà analizzata da Furio Colombo, Marco Peroni, Giulio Mellinato e Piercarlo Fiumano’ (ore 10.30, Tenda Apih). E sempre Furio Colombo sarà protagonista dell’incontro dedicato al Sogno americano e i suoi protagonisti, con Tiziano Bonazzi, Massimo Teodori, Elisabetta Vezzosi (ore 14.30, Tenda Apih). E ancora le Olimpiadi di Monaco e il tragico attentato del 1972 raccontati da Pietro Mennea, in una conversazione con l’esperto di politica internazionale  Ely Karmon, e con Aaron Klein e Georg Meyr (ore 15, Tenda Erodoto). Il Concilio Vaticano II (1962) sarà riletto, cinquant’anni dopo, da Giovanni Miccoli, Sergio Romano, Aldo Maria Valli e Luca Gallesi (ore 11.30, Tenda Erodoto); La crisi di Cuba (1962) discussa da Francesco Bascone, Georg Meyr, Ferdinando Sanfelice Di Monteforte, Demetrio Volcic e Pier Giorgio Gabassi (ore 12, Tenda Apih).
Il passato davanti a noi. cospirazione e violenza come interpretazione del mondo passato: dialogano al festival gli scrittori Tullio Avoledo, Alberto Garlini e Pietro Spirito (ore 20.30 Tenda Apih).
Il mondo in pugno: Nino Benvenuti ripercorre la sua straordinaria carriera pugilistica in una conversazione con il giornalista Gianni Declev  a (ore 21, Tenda Erodoto).

Grande novita’ editoriale domani in prima presentazione al festival: L’arte della guerra di John Boyd, per la prima volta nella nuova pubblicazione Leg, con prefazione del generale Fabio Mini, il pensiero dello studioso che e’ considerato il massimo stratega della guerra tecnologica contemporanea. a presentare il libro, in anteprima assoluta domani, saranno l’autore in dialogo con il curatore della prefazione, il generale Fabio Mini, con il traduttore, generale Basilio Di Martino, e il giornalista Antonio Gnoli (Tenda Apih ore 16.30). 

èStoriabus 2012  esplora gli itinerari verso Caporetto e il Sabotino. Radiouno Rai sarà in diretta dalle 10.35 con il programma La terra: dal campo alla tavola, a cura di Sandro Capitani. 
 
 Dal 17 al 20 maggio 2012

GORIZIA - location varie

èStoria 2012 – VIII Festival internazionale della storia - Profeti

Sabato 19 maggio

Il programma

Ore 08.45

La Cicchetteria, Ai Giardini, via Petrarca

Colazione con la storia
 Rassegna stampa commentata
Per iniziare la giornata confrontandosi con lo strumento principe della nostra storia quotidiana: il giornale. Una lettura e un commento guidati per approfondire criticamente, in senso anche storico, le notizie di ciò che accade intorno a noi.
A cura di Giorgio Dell’Arti. Intervengono storici e giornalisti ospiti del festival.

Ore 9.00-10.00

Tenda Erodoto

Epoche e profeti
 
La voce dell’Oracolo
Il profetismo fu un fenomeno intenso e vitale anche nel mondo classico: una conversazione che ne pone in risalto conseguenze politiche e storiografiche insospettate, in grado di gettare nuova luce su momenti fondamentali della storia antica.
Intervengono Luciano Canfora, Monica Centanni .
Interviene e coordina Gino Bandelli.

Ore 9.00-10.00

Tenda Apih

Culture e profeti
 
Noi veggiam, come quei c’ha mala luce, le cose che ne son lontano...
Nella Commedia dantesca, non mancano cenni all’esperienza profetica: un’occasione per riproporli in una lectio accompagnata da lettura, per gustare le parole del Sommo Poeta e comprenderne il senso.
Interviene Marco Santagata.
Voce recitante Walter Mramor.

Ore 9.30

fermata autobus Corso Verdi, 12 · èStoriabus RISERVATO PMI-NIC info e prenotazioni su www.pmi-nic.org

 Partenza itinerario
La lesson learned di Caporetto
In collaborazione con PMI-Northern Italy Chapter
Guidano: Marco Cimmino e Walter Ginevri.

Ore 10.00 – 11.30

Tenda Erodoto

La Storia in Testa
 
Porzûs. Violenza e Resistenza
Nel febbraio del 1945 avviene il più grave e sanguinoso scontro interno alla Resistenza italiana. Nei decenni successivi le responsabilità morali e materiali dell’eccidio sono state al centro di un infuocato dibattito, soprattutto per quanto riguarda il ruolo del Partito comunista italiano e i suoi rapporti con la Resistenza jugoslava. Un incontro per fare il punto sulle più recenti acquisizioni della storiografia in proposito e per riflettere sulle categorie finora utilizzate per analizzare la storia della Resistenza italiana.
Intervengono Ugo Berti, Ernesto Galli della Loggia, Tommaso Piffer..
Interviene e coordina: Paolo Mieli.

Ore 10 - 10.30

Tenda Apih

Consegna del Premio Antonio Sema - FriulAdria per la scuola

Ore 10.30 – 12.00

Tenda Apih

Culture e profeti
 Intuizione ed economia: il caso Olivetti
Intervengono Furio Colombo, Giulio Mellinato, Marco Peroni.

Ore 11.30

Tenda Erodoto

La Storia in Testa

La Chiesa verso il futuro: il Concilio Vaticano II, 1962
La Chiesa cattolica, nel più grande concilio ecumenico della storia, sotto la guida di Giovanni XXIII prima e di Paolo VII poi, affronta la sfida del dialogo col mondo e della riforma. Una tappa fondamentale nella lotta tra conservazione e rinnovamento tra attese e delusioni, speranze e rigidità.
Intervengono Giovanni Miccoli, Sergio Romano, Aldo Maria Valli..
Interviene e coordina: Luca Gallesi.

Ore 12.00

Tenda Apih

La Storia in Testa
 
Braccio di ferro a Cuba: la crisi dei missili, 1962
Lo scontro più acuto della guerra fredda rivisto a mezzo secolo di distanza, per esaminarne le premesse politiche, le dinamiche diplomatiche e le conseguenze strategiche. Protagonisti della storia come Kennedy, Chruščëv e Castro in una panoramica complessiva e attenta.
Intervengono Francesco Bascone, Georg Meyr, Ferdinando Sanfelice di Monteforte, Demetrio Volcic..
Interviene e coordina: Pier Giorgio Gabassi.
In collaborazione con Istituto per la Ricerca sul Negoziato di Gorizia.

Ore 14.00

Fermata autobus Corso Verdi, 12

èStoriabus - su prenotazione
Partenza itinerario
Il Collio e l’Antica Contea
In collaborazione con Likof – Śteverjan-San Floriano del Collio.

Ore 14.30 - 16.00

Tenda Apih

Epoche e profeti
 
Il sogno americano e i suoi protagonisti
Dal tempo dei Pilgrim Fathers a quello dei pionieri, dai fasti di Hollywood alle lotte per i diritti civili, la cultura americana si è spesso imperniata sull’idea di sogno, che molte volte uomini e donne hanno realizzato contro ogni previsione. E oggi cosa resta del sogno americano?
In collaborazione con CISPEA - Centro Interuniversitario di Storia e Politica Euro-Americana
Intervengono Tiziano Bonazzi, Furio Colombo, Massimo Teodori.
Conversa Elisabetta Vezzosi.

Ore 15.30

Infopoint

Passeggiate su prenotazione
 Partenza passeggiata Alla scoperta del Tempo sospeso
Guida Lucia Pillon.

Ore 15.00 - 16.30

Giardini pubblici Tenda Erodoto

La storia in testa

Attentato alle Olimpiadi: Monaco, 1972
Una riflessione sulla tragica vicenda della morte degli atleti israeliani alle Olimpiadi di Monaco del 1972, causata da un attentato terroristico dell’organizzazione palestinese Settembre Nero, ripercorsa anche attraverso i ricordi di uno dei protagonisti dello sport, e riesaminata in un’analisi lucida e accurata.
Intervengono Ely Karmon, Aaron Klein, Pietro Mennea..
Coordina Georg Meyr.

Ore 16.00 – 16.30

Tenda Apih
 
Consegna del Premio Antonio Sema – Concorso Banca Popolare FriulAdria - Crédit Agricole di analisi geopolitica e di storia militare per giovani laureati
Intervengono Luciano Bozzo, Lucio Caracciolo.

Ore 16.30 - 18.00

Giardini pubblici Tenda Erodoto
 
Su di Lui si poserà lo spirito del Signore
All'origine del cristianesimo, la vita di Gesù di Nazareth ha segnato per sempre la storia dell’umanità. Una ricostruzione degli avvenimenti così come li ha registrati la storia, in una riflessione sul mondo di Gesù nella sua esperienza terrena.
Intervengono Gianantonio Borgonovo, Adriana Destro, Mauro Pesce.
Conversa Armando Torno.

Ore 16.30 -18.00

Giardini pubblici Tenda Apih

La storia in testa
 
Per la prima volta tradotto in maniera integrale in Italia, il pensiero del profeta della strategia bellica nel XXI secolo, tra scienza, complessità, velocità.
Intervengono Basilio Di Martino, Fabio Mini, Frans P.B. Osinga.
Interviene e coordina Antonio Gnoli.

Ore 18.00 - 19.00

Tenda Erodoto

Culture e profeti

Assegnazione del Premio FriulAdria Il romanzo della storia a Corrado Augias.
Interviene Corrado Augias.

A seguire La speranza e l’attesa della libertà.
Una riflessione sugli italiani e sul loro rapporto con la libertà vera, faticosa, fatta di coscienza e impegno. Con essa sembriamo trovarci a disagio, pronti a spogliarcene in favore di un qualunque Uomo della Provvidenza. Pesa su questo atteggiamento la particolarità di una storia difficile e divisa. Lo spirito civico, infatti, non si improvvisa. Un’indagine colta e curiosa su una pericolosa debolezza del nostro carattere, ma anche un appello a ritrovare il senso alto della politica e della condivisione di un destino. La libertà, intesa come il rispetto e la cura dei diritti di tutti, non è un’utopia da sognare ma un traguardo verso cui tendere.

Ore 18.00 – 19.00

Giardini pubblici Tenda Apih

La storia in testa
 
Il tempo dei confini
L'attenzione ai confini, alla loro storia e all'opportunità politica o economica della loro configurazione è sempre stata presente nel dibattito culturale. Le modalità, con cui tale attenzione si è espressa, sono determinate alle diverse epoche e quindi alle circostanze storiche. Un incontro per presentare in modo chiaro ed ordinato le variazioni dei confini in un territorio complesso come l'Alto Adriatico, dove nel Ventesimo secolo si sono alternate almeno sei formazioni statali ed un numero maggiore di regimi politici.
Intervengono Franco Ceccotti, Paolo Malni, Fulvio Pappucia.
in collaborazione l’Istituto per la Storia del Movimento di Liberazione nel Friuli Venezia Giulia.

Ore 19.00

Tenda Erodoto

Culture e profeti

2012, aspettando l’Apocalisse.
Al di là del progresso tecnologico e scientifico, gli uomini dei nostri giorni sono ancora desiderosi di interrogare l’ignoto: come nel recente caso dei maya, si va dalla riscoperta di antiche tradizioni e mitologie alla creazione di nuove superstizioni, nell’attesa di un’Apocalisse catartica.
Dinamiche, radici ed effetti di fenomeni così significativi anche nel nostro terzo millennio.
Intervengono Leandro Cantamessa, Gianfranco de Turris, Gianni Zaffagnini.
Coordina Armando Torno.

Ore 19.00

Tenda Apih

Culture e profeti

Una diversa modernità?
Quello tra intellettuali e modernità è un rapporto che oltre agli entusiasmi ha sollevato anche contrarietà e dubbi, quando non aperta ostilità. Dalla fin de siécle alla Grande Guerra, ma proiettandosi anche sul futuro, una conversazione dai risvolti inattesi.
Intervengono Marina Cattaruzza, Emilio Gentile.
Coordina Luca Gallesi.

Ore 19.00

Tenda Apih

Epoche e profeti
 
Il passato davanti a noi. Cospirazione e violenza come interpretazione del mondo passato.
Una conversazione con gli autori di due romanzi che propongono delle visioni distopiche della realtà contemporanea. Partendo dal recente passato con le trame occulte che lo hanno determinato, si arriva a un futuro declinato in forma cospirazionista, suscitando il timore che forse il domani non ci riserverà l'apocalissi biblica, ma di certo sfide difficili.
In collaborazione con Banca Popolare FriulAdria e pordenonelegge.it.
Intervengono Tullio Avoledo, Alberto Garlini.
Coordina Pietro Spirito.

Ore 21.00

Giardini pubblici Tenda Erodoto

La storia in testa

Il mondo in pugno.
Un incontro per ripercorrere l’esperienza straordinaria di Nino Benvenuti, il pugile istriano che con la sua determinazione e le sue capacità costruì una carriera tra le più folgoranti, dai primi successi dilettantistici alla medaglia d’oro, dalle Olimpiadi del 1960 fino al titolo mondiale dei pesi medi.
Interviene Nino Benvenuti.
Intervista Gianni Decleva.

Ore 21.30

Tenda Apih

Proiezione

Gloria: Apoteosi del Soldato Ignoto.
Come il cinema costruisce il mito: l’epopea del Milite Ignoto nella copia restaurata e musicata di un rarissimo documentario italiano del periodo muto.
In collaborazione con Banca Popolare FriulAdria e Cineteca del Friuli.

Ingresso libero e gratuito a tutti gli eventi

Gli eventi del festival si potranno seguire in diretta web collegandosi al sito www.estoria.it

Info: Leg Gorizia

tel: 0481.539210

eventi@leg.it

www.estoria.it