Lina Wertmuller, Enrico Bronzi e un'inedito di Pasolini a Mittelfest 2013

E20
Domenica 14 luglio a Cividale nella terza giornata del festival della Mitteleuropa

Cividale del Friuli (UD) -  Si arricchisce ancora di grandi nomi la terza giornata, domenica 14 luglio, della 22.ma edizione di Mittelfest, il festival della Mitteleuropa diretto da Antonio Devetag.

A partire dalla forza della natura e dall'avventuriera della poesia Lina Wertmüller che con Un'allegra fin de Siècle sarà in scena alle 20.30 al Teatro Ristori oggi domenica 14 luglio, una produzione Promomusica su musiche e canzoni di Italo “Lilli” Greco e Lucio Gregoretti, con Andrea Bianchi al pianoforte e la voce di Nicoletta Della Corte. Regista spregiudicata, autrice di film unici nel loro genere, ha diretto anche spettacoli teatrali. A Mittelfest scopriamo la Wertmüller in un'altra veste ancora: narratrice e compositrice di parole e canzoni. Un’allegra fin de siècle è un viaggio festoso e acido nel Novecento. Il titolo sa di can can e giarrettiere, ma racconta tutt’altro: dall’amore cieco di Eva Braun per Hitler al fumo nero del crollo delle Due Torri. Martoriato da guerre mondiali, terrorismo e dittature, il secolo breve mostra il suo volto terribile e giocoso, se a raccontarlo è l'ironia sottile, la leggerezza, il timbro di disincanto dell’impareggiabile Lina.

Il dissidio annunciato dal titolo è anche tra corpo e linguaggio, così Pier Paolo Pasolini parlava della sua opera inedita rimasta incompiuta e oggi messa in scena da Luca Veggetti. “Vivo e coscienza”, alle 22.30 al Chiostro di San Francesco, è l’unico progetto coreografico di Pier Paolo Pasolini, che lo concepì prevedendo la collaborazione musicale di Bruno Maderna. Questa sorprendente rarità, offerta da Mittelfest in prima assoluta, avrà per protagonisti i giovani danzatori del Corso di Teatrodanza di Milano Teatro Scuola Paolo Grassi coordinato da Marinella Guatterini, in coproduzione con Mittelfest, cui si aggiunge la voce registrata di Francesco Leonetti, poeta e amico personale di Pasolini e attore emblematico in alcuni suoi film.  La registrazione sonora è un documento di valore inestimabile, che sembra riportare in vita Pasolini stesso nella toccante presenza vocale del suo amico e collaboratore.
 
E chi non ricorda la mitica finale dei mondiali di Spagna con l'Italia che batte la Germania 3 a 1. A ricordarla anche il presidente della federazione calcistica del Mali che disse Io dico che domani Italia vince è da qui che prende il titolo lo spettacolo tratto da Il racconto dell'Italia di Mario Sconcerti da un progetto di Giuseppe Passoni, che ne cura anche la regia, che va in scena sempre domenica alle 18 nella Chiesa di Santa Maria dei Battuti. Lo spettacolo ricostruisce l’esaltante scalata al titolo mondiale, tra letture da testi poetici di Verlaine, Neruda, Byron, Alceo e ascolti di radiocronache d’epoca la voce, oltre a quella dello stesso Passoni e di Raffaella Adani, è quella indimenticabile di Bruno Pizzul che tra l'altro sarà ospite dopo lo spettacolo per ricordare quei momenti. Con lui, moderati da Edi Fabris di Tremila sport, un'altra pietra miliare del calcio italiano degli anni Ottanta Pierino Fanna. Unico tra i pochi calciatori ad aver vinto tre scudetti con tre squadre diverse (Juventus, Verona e Inter).
 
Al centro della giornata anche il concerto di un virtuoso del violoncello come Enrico Bronzi, in programma alle 19 nella Chiesa di San Francesco. Apprezzato componente del Trio di Parma (che ha contribuito a fondare nel ’90), Enrico Bronzi è tra i  più attivi violoncellisti della sua generazione. Musicista di caratura internazionale, docente al Mozarteum di Salisburgo, oltre che direttore d’orchestra, svolge un’intensa attività concertistica sin dal 1990.
 
Nella splendida cornice della Basilica di Aquileia, inoltre, alle 20.45 la Mitteleuropa Orchestra diretta da Paolo Paroni propone il sacro friulano dal Settecento ai giorni nostri in collaborazione con Terra dei Patriarchi.

Mittelfest 2013 - Microcosmi

Cividale del Friuli (UD) - location varie

Domenica 14 luglio 2013

Il programma

ore 11.45

Piazza Duomo - Cividale del Friuli (UD)

 èVento Sacro in Terra Forojuliensis
per il 150° anniversario dell’incoronazione della Madonna di Barbana

Coro Città di Cervignano del Friuli “Vincenzo Ruffo”
con la collaborazione dell’Orchestra Mikrokosmos
esecuzione di brani per coro, strumenti e gruppi strumentali
di Daniele Zanettovich, Vincenzo Ruffo, Giampaolo Coral, Marco Sofianopulo, Bartolomeo Cordans, Jacopo Tomadini

ore 18:00

Chiesa di Santa Maria dei Battuti - Cividale del Friuli (UD)

Io dico che domani Italia vince
tratto da Il Racconto dell’Italia di Mario Sconcerti
progetto e regia Giuseppe Passoni
voci recitanti Giuseppe Passoni, Raffaella Adani, Riccardo Mattei
voce registrata Bruno Pizzul
Una produzione Associazione Variabile

ore 18:00

Pozzo di Callisto - Cividale del Friuli (UD)

Concerto del Quintetto di fiati Euritmia

Giulia Delle Vedove, flauto
Pietro Savonitto, oboe
Ashanti Collarini, clarinetto
Stefano Brusini, corno
Yana Kotlyarenko, fagotto
eseguono
György Ligeti, Bagatellen
Enre Szervanszky, Quintet for winds, I mov.
Ferenc Farkas, Antiche danze ungheresi
Franz Danzi, Quintetto op. 56 No.1 in B-Dur
Paul Hindemith, Kleine Kammermusik fur funf Blaser
Jacques Ibert, Trois pieces breves

ore 19:00

Chiesa di San Francesco - Cividale del Friuli (UD)

Enrico Bronzi - Da Britten a Ligeti
Enrico Bronzi, violoncello
esegue
Johann Sebastian Bach, Suite No. 3
György Ligeti, Sonata per violoncello
Iannis Xenakis, Kottos per violoncello
John Dowland / Melchior Schildt, Paduana lachrymae (trascr. Bronzi)
Benjamin Britten, Suite No. 1

ore 20:00

Foro Giulio Cesare - Cividale del Friuli (UD)

Verdi tra vecchi e nuovi echi d'Europa

L'Orchestra di fiati del Conservatorio “J. Tomadini”, Udine
Massimo Grespan, direttore
Domenico Lazzaroni, trombone solista
Elisa Iovele, soprano
Omar Siega, tenore
esegue
Franz von Suppè, selezione da Cavalleria Leggera
Giuseppe Verdi, selezione da Aida
Johannes Brahms, Danze Ungheresi, No. 5, 6, 1
Launy Grondahl, Concerto per Trombone   
Giuseppe Verdi, selezione di brani da Il Trovatore, Luisa Miller, Rigoletto, Traviata
Ferenc Lehár, selezione di brani da La Vedova Allegra

ore 20:30

Teatro Ristori - Cividale del Friuli (UD)

Un'allegra fin de siècle
testo e regia Lina Job Wertmüller
musiche e canzoni Italo “Lilli” Greco e Lucio Gregoretti
in scena Lina Job Wertmüller
Andrea Bianchi, pianoforte
Nicoletta Della Corte, voce
Una produzione Promo Music in collaborazione con Teatro Comunale di Cagli

ore 20.45

Basilica - Aquileia (UD)

Armonie riscoperte (musica sacra dal 700 ai giorni nostri)

FVG Mitteleuropa Orchestra
Coro Panarie, Artegna
Coro del Rojale, Reana del Rojale
direttore Paolo Paroni

 ore 21:00

Centrale Idrodinamica - TRIESTE

Outside Anomalies IV
Conservatorio “G. Tartini”, Trieste
Scuola di Musica e Nuove Tecnologie
in programma
Giacomo Bisaro, Cosmogonia
Alberto Caruso, Nyx – Il dilemma dell’origine
Carlo Marzaroli / Marco Godeas, La Venere nell’olio
Paola Pisani / Alessandro Fogar, Amitai. Le mie verità
Francesco Gavosto, Arcano avvolto d’argento
Edoardo Dilani, Stardust
Francesco Garbo, Nǚ zǐ
Annalisa Metus / Fabrizio Fiore, Casta, Bianca, Vaga luna
Federico Mullner, La carne di Ipazia
Francesca Bergamasco / Alessandro Fogar, Stella
Ivan Penov, Senza Traiettorie

ore 22:30

Chiostro di San Francesco - Cividale del Friuli (UD)

Vivo e Coscienza
da Vivo e Coscienza di Pier Paolo Pasolini (1963)
coreografia, regia e dispositivo scenico Luca Veggetti
musica e progetto sonoro Paolo Aralla
luci Paolo Latini
voce Francesco Leonetti
con Vito Carretta, Silvia Dezulian, Laura Ghelli, Angela Papagni, Marco Pericoli, Alice Raffaelli, Giulia Rossi, Jonathan Tabacchiera, Gabriele Valerio
del Corso di Teatrodanza di Milano Teatro Scuola Paolo Grassi coordinato da Marinella Guatterini
coproduzione Milano Teatro Scuola Paolo Grassi e Mittelfest 2013

Prima Assoluta

Info: Mittelfest
tel. 0432730794
info@mittelfest.org
www.mittelfest.org