Marzo a Udine è Calendidonna 2012

Rassegne
Dall'8 all'11 marzo incontri, spettacoli, proiezioni sul tema Cittadine Altrove

UDINE - È dedicata alle Cittadine Altrove la IX edizione del Festival Calendidonna, in programma a Udine, dall’8 all’11 marzo 2012. Come sempre, protagoniste saranno le donne: la loro storia, cultura, la fatica di vivere, ma questa volta osservate all’interno dell’ampio e complesso mondo dell’immigrazione e nel loro non sempre facile rapporto con il nostro Paese.

La novità dell’edizione 2012 è un ribaltamento prospettico: l’obiettivo non inquadra paesi lontani (nelle precedenti edizioni,  ci si è concentrati sulla condizione femminile in Cina, India, Maghreb, Giappone, Iran, Sudafrica), ma individua l’Italia come luogo di osservazione e indagine e affida allo sguardo delle donne straniere un focus sul nostro Paese oggi.

Conversazioni, incontri, testimonianze si concentreranno su di loro, donne che sono diventate o che aspirano a diventare cittadine; non nel paese di origine, ma in terra straniera, altrove: preziosa parola, che contiene in sé il segno dell’appartenenza perduta e il desiderio di un luogo estraneo che divenga proprio.

Viene ripreso idealmente il percorso dal punto in cui si era arrestato nel 2011, sulle sponde del Mediterraneo in rivolta. Nel 2012, per celebrare la Giornata della Donna a Udine, si parlerà di accoglienza e integrazione. Entrando nel vivo del dibattito contemporaneo, si affronterà il tema dei diritti: alla cittadinanza, al lavoro, alla salute, all’integrità del corpo.

Dai laboratori verranno poi fertili occasioni di incontro con antichi saperi e pratiche della quotidianità: il cibo e la sua preparazione, i capelli e l’arte di acconciarli.
Una mostra fotografica e un’esposizione artistica costruiranno uno stimolante percorso attraverso le immagini. Spettacoli e performance teatrali, film e documentari moltiplicheranno i punti di vista, scavando nella storia delle donne immigrate e svelando il loro coraggio nell’andar via e ricominciare altrove.

Dall'8 all'11 marzo 2012

UDINE - location varie

Festival Calendidonna 2012 – IX edizione - Cittadine Altrove

Il programma

Le conversazioni

Giovedì 8 marzo, ore 19:00

Sala Astra del Visionario, via Asquini 33

Inaugurazione con i saluti delle autorità

a seguire fino alle 20.30

1_Donne migranti, nuove cittadine

Protagonisti della prima conversazione: Pierluigi Di Piazza, fondatore, direttore e animatore dal 1992 del Centro di accoglienza e di cultura della solidarietà “Ernesto Balducci” di Zugliano (Ud). È autore di Fuori dal tempio (2011), Veronika Martelanc, come avvocato si occupa di diritto d’asilo, collaborando con varie organizzazioni non governative. Rappresenta l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati – UNHCR presso la Commissione per il riconoscimento della protezione internazionale di Gorizia, Ribka Sibhatu, esperta di immigrazione e cultura orale eritrea, è dottoressa di ricerca all’Università La Sapienza di Roma. Il numero esatto delle stelle (2012) è la sua ultima raccolta di racconti orali dell’Eritrea, Victoriya Skyba, presidente dell’Associazione culturale “Ucraina-Friuli”, Nabila Zayati, giornalista e reporter freelance tunisina. Specialista nel campo delle relazioni euromediterranee, vive a Roma. è collaboratrice dell’Ansa per i Paesi del Nordafrica e del Medioriente (Ansamed).

Venerdì 9 marzo

dalle ore 18:00 alle ore 19.45

Sala Astra del Visionario, via Asquini 33

2 Lavoro bianco, lavoro nero

Protagonisti della seconda conversazione: Marina Brollo, professore ordinario di Diritto del lavoro, è presidente del Comitato Pari Opportunità dell’Università di Udine, Anna Cattaruzzi, come avvocato si occupa di diritto dell’immigrazione, e in particolare della condizione della donna e dei minori stranieri, di diritto all’unità familiare e dei problemi della famiglia transnazionale, Claudio Magnabosco, giornalista e scrittore, ha fondato insieme alla sua compagna nigeriana l’Associazione La ragazza di Benin City, che aiuta le prostitute straniere a uscire dalla schiavitù. È autore di Akara-Ogun e la ragazza di Benin City (2002), Stefania Ragusa, giornalista e scrittrice, è stata una delle fondatrici della rete antirazzista “Primo Marzo”. Le Rosarno d’Italia (2011) è il suo ultimo libro, Chiara Sasso, fa parte del Coordinamento della Rete dei Comuni Solidali. Vive in Val di Susa. E’ autrice di Trasite, Favorite. Grandi storie di piccoli paesi. Riace e gli altri (2009).

Sabato 10 marzo, ore 17:00

Teatro S. Giorgio, via quintino sella 4

3 I diritti. Cittadinanza, salute, integrità del corpo

Protagoniste della terza conversazione: Majda Badaoui, trasferitasi dal Marocco in Friuli Venezia Giulia, vi svolge l’attività di mediatrice culturale con una specializzazione in ambito socio-sanitario, scolastico e legale,  Daniela Gerin, ginecologa presso i consultori familiari di Trieste, si occupa delle problematiche legate all’immigrazione, alla salute delle donne e alla violenza di genere contro donne e minori. È consigliere comunale a Trieste, Arminda Hitaj, presidente dell’Unione delle comunità e associazioni degli immigrati della provincia di Udine (Ucai-Fvg), ha al suo attivo diverse pubblicazioni su minori stranieri e donne immigrate, Laura Montanari, professore di Diritto pubblico comparato all’Università di Udine, si è occupata, tra l’altro, della tutela dei diritti, con particolare attenzione ai rapporti tra il sistema nazionale e quello della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali.

Gli spettacoli

Sabato 10 marzo, ore 21:00

Teatro Palamostre, Piazzale Paolo Diacono 21

Joyce Elaine Yuille & Band in concerto

Gospel, soul, blues e jazz: è questo il background di Joyce Elaine Yuille, artista di New York ed entertainer di altissimo livello. Joyce è una solista dalla voce calda, raffinata e ricca di sfumature che interpreta non solo jazz ma anche soul e funk con la classe di un’artista che ha vissuto in prima persona il jazz metropolitano newyorkese, l’energia delle chiese Gospel e le influenze melodiche europee. Accompagnata in scena da Sandro Gibellini alla chitarra, Pietro Taucher al pianoforte e all’organo Hammond, Simone Serafini al basso elettrico e al contrabbasso e Carmine Bloisi alla batteria.

Domenica 11 marzo, ore 16:00

Teatro S. Giorgio, via Quintino Sella 4

La nave di Penelope
spettacolo teatrale
progetto e regia Andreina Garella
testo Elide La Vecchia
ambientazione Mario Fontanini
con Leyla Akgul, Valentina Ceclu, Mariama Diakhatè, Andreina Garella, Sara Jerdouh, Eugenia Michel, Mina Hamsas, Fatna Hamsas, Teresa Portesani, Viorica Revenco
Dal 2003 Festina Lente Teatro e Vagabonde hanno intrapreso un importante percorso teatrale rivolto a tutte le donne del mondo, migranti e native, per dare spazio allo scambio creativo tra le diverse culture. Da queste premesse è nata La nave di Penelope, progetto di teatro rivolto a donne coraggiose, viaggiatrici, migranti, a donne sensibili, curiose, moderne “Penelopi”, che lasciano la casa di Ulisse e si mettono in viaggio, a volte fuggono, arrivano, desiderose di fare.

Domenica 11 marzo, ore 21:00

Teatro S. Giorgio, via Quintino Sella 4

Scintille con Laura Curino - lettura scenica
anteprima nazionale per Calendidonna
con Laura Curino
testo e regia Laura Sicignano
ricerca storica Silvia Suriano
musiche originali Edmondo Romano
una produzione Teatro Cargo/debutto Festival Borgio Verezzi 2012

New York, sabato 25 marzo 1911, ore 16.40: manca un quarto d’ora alla chiusura della fabbrica Triangle Waistshirt, produttrice di camicette, nella quale lavorano circa 600 persone, per lo più donne giovanissime. Sono immigrate italiane o dall’Europa dell’Est, conoscono a malapena l’inglese e rappresentano il principale sostegno economico per le loro famiglie. All’improvviso una scintilla. In un attimo, all’ottavo piano del grattacielo che ospita la fabbrica, prendono fuoco le camicette appese sopra le teste delle lavoratrici, gli avanzi di tessuto ammucchiati in enormi cumuli negli stanzoni, i rocchetti di filo. La tragedia si svolge in 18 minuti: 146 morti, quasi tutte ragazze. L’attrice Laura Curino rievoca questa terribile vicenda, che diventerà uno dei precedenti storici per la Giornata della Donna, dal punto di vista delle protagoniste, una madre e due figlie, emigrate dall’Italia in cerca di fortuna.

a seguire

Calendiparty con Henrietta’s Group (Nigeria)
11 marzo teatro s.giorgio | via quintino sella 4
Canti e danze tradizionali e un assaggio africano

Film e documentari

Giovedì 8 marzo, ore 17:00

Sala Astra del Visionario, via Asquini 33

Almost Married -Come dire a mio apdre che voglio sposare un ragazzo italiano

Documentario
di Fatma Bucak e Sergio Fergnachino
Italia 2010, durata 60’, video

Fatma è una ragazza turca arrivata in Italia per studiare fotografia e per sfuggire al controllo di una famiglia tradizionalista. Ritorna a casa per affrontare il padre e comunicargli di voler sposare un ragazzo italiano. Gli occhi di Fatma ci guidano attraverso un divertente e toccante viaggio nell’universo femminile della Turchia contemporanea, raccontandoci il delicato confronto tra due generazioni in lotta tra modernità e tradizione. Nel 2011 il documentario è stato presentato con successo al MOMA di New York.

Giovedì 8 marzo, ore 18:00

Sala Astra del Visionario, via Asquini 33

Io, la mia famiglia Rom e Woody Allen
Documentario
di Laura Halilovic
Italia 2009, durata 50’, video

Laura è una ragazza rom che abita con i suoi a Torino. La sua è la vita di una ragazza di oggi che cresce inseguendo i propri sogni di adolescente, combattendo contro i pregiudizi e le tradizioni di una cultura difficile da accettare. Il racconto, in prima persona, esplora i cambiamenti e le difficoltà della nuova vita stanziale, le relazioni con i parenti che ancora vivono nomadi, i contrasti e le incomprensioni che fin da bambina l’accompagnano nelle relazioni con gli altri, i gagé.

Nel segno di Calendidonna

Giovedì 8 marzo, ore 21:00

Sala Astra del Visionario, via Asquini 33

A Simple Life
Film
di Ann Hui
Hong Kong 2012, durata 119’, Proiezione a pagamento
La storia vera della delicata amicizia tra il giovane produttore cinematografico - interpretato dalla star di Hong Kong Andy Lau - e la domestica di famiglia che ha il volto struggente di Deanie Ip, Coppa Volpi alla Mostra del Cinema di Venezia.

Venerdì 9 marzo, ore 20:15

Sala Astra del Visionario, via Asquini 33

Il volo
Docufilm
di Wim Wenders
Italia 2010, durata 30’, video
Alla presenza di Claudio Gabriele, produttore esecutivo del film

Il racconto toccante di come alcuni comuni della Locride, in Calabria, hanno saputo accogliere dalla fine degli anni ’90 a oggi molti migranti sbarcati su quelle coste. Una storia del Sud, dell’Italia e del mondo, cui Wim Wenders ha voluto rivolgere il suo sguardo, raccogliendo il patrocinio dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati. Questi piccoli paesi hanno saputo trasformare l’immigrazione in risorsa: i migranti da tempo stanno contribuendo, in perfetta armonia con la popolazione locale, a rivitalizzare l’economia di borghi altrimenti destinati a un futuro di decadenza e spopolamento.

Venerdì 9 marzo, ore 21:00

Sala Astra del Visionario, via Asquini 33

Le Alesssandrine
Docufilm
di Metod Pevec
Italia/Slovenia/Egitto 2011, durata 90’, video
sloveno con sottotitoli in italiano
Il racconto della dolorosa emigrazione delle donne che dal Friuli, dal Carso e dall’Istria, partirono per fare le balie o le governanti ad Alessandria d’Egitto. Molte di loro tornarono quando ormai era troppo tardi per godersi i propri figli e la casa costruita con le loro rimesse. Un fenomeno poco conosciuto, nato all’indomani dell’apertura del Canale di Suez, che si concluse solo con il secondo conflitto mondiale. Il film ha vinto il 23° Trieste Film Festival.

Venerdì 9 marzo, ore 22:30

Sala Astra del Visionario, via Asquini 33

Badanti – Sidelki
Documentario
di Katia Bernardi
Italia 2010, durata 50’, video

Sidelki, “le sconosciute”: un documentario per raccontare la storia di un’immigrazione silenziosa, quella di migliaia di donne dell’Est Europa, che per necessità primarie o per accedere a un tenore di vita migliore lasciano la loro terra, compiendo un viaggio tra due mondi: quello delle proprie radici e quello dell’ignoto, sospese tra speranza e nostalgia.
“Sono storie di donne che lasciano i propri cari per venire ad accudire i nostri familiari. Donne che rinunciano a vivere nelle proprie famiglie, a veder crescere i propri figli per assumersi il carico di altri affettiall’interno delle nostre case” (Katia Bernardi).

Le mostre

Anteprima Calendidonna

Sabato 3 marzo, ore 18.30

spazio espositivo del Visionario, via Asquini 33

CalendiColôrs
Inaugurazione
Mostra fotografica di Andrea Bernardis
Interviene Roberta Altin

APERTURA MOSTRA DAL 3 AL 13 MARZO NEGLI ORARI DELLA PROGRAMMAZIONE CINEMATOGRAFICA

CalendiColôrs mostra la vita quotidiana e l’esperienza di integrazione delle donne immigrate nella città di Udine. Ma queste immagini in bianco e nero costituiscono anche, nel loro insieme, una mappa esemplare, una presa d’atto complessiva dei mutamenti e delle trasformazioni che l’intera provincia italiana ha subito negli ultimi vent’anni in virtù dei flussi migratori. CalendiColôrs è un invito a “vedere” le sfumature esistenti oltre il bianco e il nero. Un invito ad accettare e a riconoscere a queste cittadine altrove il diritto di “essere” e di “essere viste” nello spazio condiviso di una città ormai irreversibilmente multietnica.
Roberta Altin, antropologa e ricercatrice dell’Università di Udine, ha concentrato la sua attività scientifica principalmente sullo studio dei fenomeni migratori e sull’antropologia visuale e museale. La sua più recente pubblicazione su questi temi è Ordinarie migrazioni. Educazione alla cittadinanza tra ricerca e azione (a cura di, con F. Virgilio, 2011).
Andrea Bernardis, fotografo non professionista, da anni si dedica al reportage sociale. Nel 2009 espone per “Fuorirotta” Colôrs, 89 immagini in bianco e nero che documentano la presenza di cittadini immigrati nella città di Udine (catalogo vicino/lontano).

a seguire

Calendihour
Aperitivo

Cosa succede se chiediamo a uno chef originario del Bangladesh di preparare un orzo e fagioli a modo suo? Tigello d’orzo e couscous integrale cotto al vapore, cucinati separatamente, si uniscono per diventare una minestra, cui si aggiunge un musetto, prima lessato e poi grigliato, e una brovada friulana sminuzzata, con l’aggiunta di aringa affumicata, coriandolo fresco, olio extravergine dop Tergeste, kren grattugiato. Una forma di integrazione in cucina, “nutrita” della nostalgia per la propria terra.

Sabato 10 marzo, ore 19

Galleria fotografica Tina Modotti, via Paolo Sarpi

Udineitalian.it - visti dalle altre

Inaugurazione
Esposizione artistica a cura di Paolo Toffolutti
sedi dell’esposizione: galleria fotografica “Tina Modotti”
casa della confraternita in castello
battistero del duomo
orari: dal 10 al 18 marzo dalle 15 alle 17
domenica 11 marzo anche dalle 11 alle 13; lunedì e martedì chiuso
Opere di: Karin Andersen (Germania), Daniella Alejandra Perez Bacigalupo (Cile), Cata Gonzales (Cile), Lea Jazbec (Slovenia), Loreta Lorenzon (Argentina), Kaori Miyayama (Giappone), Giuliana Racco (Canada), Nordine Sajot (Francia), Andrea Werner (Romania)
Come ci “vedono” e come ci rappresentano le artiste “straniere”, venute nel nostro paese a cercare fortuna o un luogo migliore per vivere e crescere i propri figli? Una mostra può forse aiutarci a guardare noi stessi con gli occhi delle “altre”, può aiutarci a capire da un punto di vista rovesciato e con uno sguardo nuovo chi siamo e che cosa siamo diventati nei 150 anni della nostra storia di italiani.

Il costume

Sabato 10 marzo, ore 10:00

Palazzo Giacomelli, via Grazzano 1

Acconciare, intrecciare, adornare
Laboratorio di acconciature africane
a cura di Mah Aissata Fofana
Per partecipare è necessaria l’iscrizione, telefonando al CSS 0432 504765

Mah Aissata Fofana, trasferitasi dal Mali in Friuli, è mediatrice culturale, scrittrice e poetessa. Ha pubblicato, tra gli altri, Il linguaggio dei capelli in Africa (2010).

Domenica 11 marzo, ore 10:00

Casa della contadinanza, castello di Udine

L'integrazione in cucina
Laboratorio a cura di Theodora Hurustiati
Per partecipare è necessaria l’iscrizione, telefonando al CSS 0432 504765
Theodora Hurustiati, indonesiana immigrata in Friuli, insegna Cucina etnica al Civiform di Cividale. Il suo blog “Pura Cucina” è il risultato della fusione fra i due mondi in cui ha vissuto e vive. Nel 2011 si è classificata seconda al primo talent show culinario della tv italiana, La Scuola-Cucina di Classe, del Gambero Rosso Channel.

Calendidonna 2012 –  Cittadine Altrove è un’iniziativa del  Comune di Udine realizzata da
CSS Teatro stabile di innovazione del Friuli Venezia Giulia, C.E.C. Centro Espressioni Cinematografiche, C.O.R.E. associazione culturale, vicino/lontano associazione culturale

Tutti gli eventi in programma sono a ingresso libero eccetto la proiezione di “A Simple Life
 
Info: CSS Teatro stabile di innovazione del Friuli Venezia Giulia www.cssudine.it
C.E.C. Centro Espressioni Cinematografiche www.visionario.info
vicino/lontano associazione culturale www.vicinolontano.it