Pensiero Stupendo per l'edizione 2011 di FILI alla Filanda di Salzano

Rassegne

Salzano (VE) - Pensiero Stupendo. L'edizione 2011 di FILI - Filanda Idee Lavoro Identità è dedicata al pensiero e alla gioia del pensare, per pensare il pensiero, come diceva Giorgio Gaber. Attraverso il teatro e la danza, la musica e la convivialità, il programma si propone di avvicinare l’arte e la vita, il pensiero alla quotidianità.

Pensiero stupendo è il pensiero che può e farà stupire e che artisti di diverse discipline condivideranno con gli spettatori per dire e portare qualcosa di nuovo al progetto FILI e alla Filanda Romanin-Jacur di Salzano. Lo splendido sito di archeologia industriale è un luogo ogni anno nuovo, vivo e vissuto dai cittadini che lo frequentano ogni giorno, ma solo in alcuni periodi dell’anno trova la propria anima e destinazione di luogo della produzione artistica, dialoga con il presente e trova una relazione nuova con la comunità per produrre tanti pensieri stupendi.

Con questo spirito, dopo il rischio chiusura dell’anno scorso superato grazie all’aiuto di una rete di operatori, imprenditori e cittadini, la nuova edizione di FILI riprende con la stessa intensità e lo stesso impegno culturale e civile di nove anni fa. Venerdì 5 e sabato 6 agosto il piccolo festival rinnova l'invito ad artisti e cittadini a vivere, lavorare e godere dei pensieri, altrui e propri, nell'antica fabbrica tra lavoro e cultura.

Dal 2 al 6 agosto 2011

Filanda Romanin-Jacur - Salzano (VE) 

FILI - Filanda Idee Lavoro Identità 2011 - Pensiero Stupendo

Il programma

Dal 2 al 4 agosto

Workshop + Laboratorio creazione danza verticale

 Il Workshop, condotto da Wanda Moretti con musiche e interventi sonori di Marco Castelli, selezionerà danzatori e attori al fine di includere nuovi performer per la presentazione del primo studio del work in progress Atto Bianco, che si terrà alla Filanda di Salzano dal 2 al 6 agosto. La sessione di lavoro residenziale gratuita sarà aperta a 4 partecipanti selezionati tramite il workshop aperto a 12 danzatori e attori con una buona preparazione fisica e interessati all’esplorazione delle potenzialità coreografiche ed espressive del corpo su piani verticali.

Workshop di selezione

2 agosto ore 11.00 - 13.00, Forte Marghera - Via Forte Marghera (Mestre Venezia)

Residenza di creazione

I performer selezionati parteciperanno al laboratorio di creazione site specific per 3 giorni alla Filanda:

2 - 3 - 4 agosto Filanda di Salzano

5 - 6 agosto Presentazione pubblica del primo studio, Filanda di Salzano

Iscrizioni e informazioni

041.412500 info@echidnacultura.it

info@ilposto.org - www.ilposto.org - www.marcocastelli.org

Venerdì 5 agosto

ore 19.30

IL LIBRO CON GLI STIVALI

Da grande voglio essere felice

con Susi Danesin, Anna De Franceschi

regia Gaetano Ruocco Guadagno

finalista PREMIO SCENARIO INFANZIA 2011

teatro per famiglie - bambini dai 6 anni (posti limitati - si consiglia la prenotazione)

Thomas vede cose che nessun’altro vede; non sa come è possibile, ma è sempre stato così (...). Thomas capisce che deve necessariamente superare le sue paure perché “si è felici solo quando si smette di avere paura”. La storia di Thomas, intensa, emozionante e allo stesso tempo divertente, viene raccontata all’interno di una seconda cornice drammaturgica, dove due angeli atipici ripercorrono e rivivono le paure di Thomas con l’intento di superare le proprie. Da questa doppia narrazione prenderanno vita le figure fondamentali che aiuteranno il piccolo Thomas ad affrontare in prima persona la vita: le irriverenti vicine di casa, l’egocentrico sacerdote, la sincera Eliza, il nonno solitario e la travolgente zia Pie. L’utilizzo di una modalità clownesca restituisce le vivide immagini che abbondano nel testo cariche di una comicità diretta e genuina.

ore 20.30

danza verticale - site specific

Wanda Moretti - Compagnia Il Posto

Marco Castelli Small Ensemble

Atto Bianco - Studio 1

Ideazione e coreografia di Wanda Moretti

Musiche di e con Marco Castelli 

Prosegue la ricerca di Wanda Moretti intorno al tema della trasformazione del corpo. La drammaturgia è incentrata sulla rappresentazione della condizione umana, i danzatori in parete sono animali che cercano di salvarsi dopo aver trovato ‘un’arca’ ormai chiusa, sigillata e pronta al diluvio; animali rimasti fuori mentre la tempesta ha inizio. Si arrampicano, cercano di entrare, di salire e salire ancora, prendono tutte le identità, salgono e man mano compiono una mutazione con uno sguardo al mondo contemporaneo e alla natura che si ribella. E’ un pensiero fattosi ‘spazio cinetico’ rivolto alle architetture che nello spettacolo rappresentano l’arca come un paesaggio temporaneo sospeso a mezz’aria. E’ una performance di grande suggestione e versatilità, originale interazione tra danza, musica e architettura in cui le danzatrici sono accompagnate dal suono del sax e da ambientazioni elettroniche.

ore 21.00

Convivio tra spettatori e artisti

ore 21.30

Esistenza soffio che ha fame

Parole e musiche ispirate a Qohélet e altri testi sacri

di e con Don Andrea Gallo

e Carla Peirolero,

con Roberta Alloisio canto

e Mauro Sabbione ai fiati

Una cerimonia tra teatro e spiritualità per riflettere insieme sulla dimensione sacra dell’esistenza. Un’attrice, una cantante, un musicista e un Pastore danno vita a un rituale, una danza di parole che muove emozioni e riunisce nello stesso cerchio artisti e spettatori. Nato da un incontro tra Carla Peirolero e Don Andrea Gallo, il “prete da marciapiede” più famoso d’Italia, lo spettacolo è un cammino tra culture e religioni e restituisce il senso di comunione tra i popoli pur nella difficoltà delle diversità.

Scritti da: La Bibbia, Il Corano, Bhagavad-Gita, Il Sutra del Loto, Christian Bobin, Teresa d’Avila, Simone Weil, Emily Dickinson, Guido Ceronetti.    

ore 23.00

Il caffè della notte

 a seguire

Andrea Mazzacavallo

Ticket - Viaggio comino per stare bene

di e con Andrea Mazzacavallo

(posti limitati - si consiglia la prenotazione)

 Lo spettacolo di teatro-canzone nasce dall’esigenza di mescolare la canzone, nelle sue variegate forme stilistiche, con il linguaggio della comicità e del racconto. Si tratta di uno show divertente ed energico, di un recital che vede Andrea Mazzacavallo alternarsi al pianoforte o alla chitarra per dar vita ad una sorta di microfilm.   

“La musica di Andrea Mazzacavallo ha la definitività, la perfezione di un classico. I suoi brani sono così belli che sembrano esistere da sempre. Ci si chiede come sia possibile che non li abbia scoperti nessuno prima di lui, nonostante le migliaia di musicisti che ci sono stati fino ad oggi.” (Tiziano Scarpa)   

Sabato 6 agosto

ore 19.00

Giuliana Musso presenta

La base

Finale aperto del laboratorio Teatro d'indagine condotto da Giuliana Musso per Esperienze Giovani a Teatro 2010-11, Fondazione di Venezia - Euterpe

con Marco Artusi, Chiara Benedetti, Evarossella Biolo, Chiara Dall’Osto, Giuliana Musso, Anna Novello, Paolo Piludu, Martina Pittaerllo, Beatrice Sarosiek, Arianna Sinigaglia, Claudia Stefani 

La base è quello di cui ci siamo occupati in questi ultimi sei mesi: una base militare straniera grande come un paese costruita dentro a una città. Ci siamo occupati anche di un metodo di ricerca e scrittura, di un fare un teatro che si immerge nel reale e ne resta contaminato come una felice malattia. Ci siamo un po’ ammalati di questo modo di fare teatro e la convalescenza è uno stato di meraviglia, di indignazione, di urgenza. Abbiamo indagato e scoperto innanzitutto che ci vuole tempo. Tempo per osservare, ascoltare e registrare, per attraversare a piedi un territorio, per attendere un testimone, per leggere i nessi e le contraddizioni di quel che accade, tempo e pazienza per dare voce ai dubbi e per formulare una domanda. (Giuliana Musso) 

ore 21.00

Convivio tra spettatori e artisti

ore 21.30

danza verticale - site specific

Wanda Moretti - Compagnia Il Posto

Marco Castelli Small Ensemble

Atto Bianco - Studio 1

Ideazione e coreografia di Wanda Moretti

Musiche di e con Marco Castelli

ore 22.00

Vitaliano Trevisan

Solo et pensoso

di Vitaliano Trevisan

musiche originali di Daniele Roccato

Suonerà strano, ma il fatto è che ho sempre ben presente il suolo che calpesto, anche e soprattutto quando scrivo. Una sorta di atteggiamento – non saprei come altro chiamarlo, che mi porta ad aver sempre coscienza della mia gravità e del suolo che mi sostiene. Camminare/pensare/scrivere, tre cose che, per l’autore, vanno sempre insieme. Lo ammetto: la triade contiene una contraddizione: malgrado le meraviglie della scienza e della tecnica, scrivere camminando, o camminare scrivendo, non è ancora così semplice. Ma se, dopo una pausa, uniamo i due estremi con la parola andatura, ovvero ritmo, ecco che, in un momento, la contraddizione si dissolve. (Vitaliano Trevisan)

Info: Echidna

tel. 041412500

 info@echidnacultura.it

Tel 041. 5709742

cultura@comune.salzano.ve.it

mobile 340. 9446568

www.echidnacultura.it

www.filandadisalzano.it