Arte e Ambiente

A partire dalla seconda metà degli anni Sessanta una nuova generazione di artisti produce sul territorio avvenimenti di carattere effimero destinati ad allargare il più possibile i confini dell'arte, certa che la ricerca di un ideale di bellezza in generale non esista e che l'attenzione sia piuttosto rivolta al rapporto tra arte e vita.
E' l'epoca in cui l'arte esce dal contesto dei musei e delle gallerie.
L'attività negli spazi aperti, architetture ideali per un gesto che nell'atto stesso di farsi pone nuove e straordinarie prospettive, attua quella spinta vitalistica che è il motore di tutta questa ricerca, non solo nell'ambito delle azioni "in situ" ma anche, attraverso l'esplorazione del pensiero che diviene "flessibile", di tutto il Concettuale.
"Ciò di cui si occupa l'arte - afferma Robert Morris - è qualcosa di mutevole, che non ha bisogno di arrivare in un punto che sia definitivo rispetto al tempo e allo spazio. L'idea che il lavoro sia un processo irreversibile che si conclude con uno statico oggetto-icona, ormai è superata".
Questa mostra pone l'accento sulla forza creatrice di questi artisti che, in modo diverso, individuano nella natura un luogo della memoria e un universo al quale attingere.
Nel testo di presentazione del suo "Stripe Rake", Gina Pane afferma:

"Oppongo al gesto decadente, il gesto primitivo,
al dinamismo, la lentezza,
alla superficialità, l'interiorità,
al vuoto, il profondo".

Il rapporto con la natura assume forma poetica, e il gesto che vi si compie l'affermazione di un pensiero che si fa universale.
La maggior parte di questi lavori sono stati documentati attraverso immagini fotografiche.

Scheda Evento

Quando:
Dal 31 marzo al 5 maggio 2012
Location:
Galleria L'Elefante, Via Roggia 52 - TREVISO
Tel.:
0422419550