Claudio Marino Moretti - Coro del Teatro La Fenice - Petite messe solennelle

Stagione sinfonica 2010-2011

Sabato 25 giugno 2011, ore 20.00

Claudio dirige il Coro del Teatro La Fenice

nella Petite messe solennelle

di Gioacchino Rossini

Sabato 25 giugno 2011 alle ore 20.00 il Teatro La Fenice ospiterà il penultimo concerto della Stagione sinfonica 2010-2011, che avrà come protagonisti il Coro del Teatro La Fenice e il suo direttore Claudio Marino Moretti.

Il concerto, che prosegue l’itinerario iniziato nelle scorse stagioni attraverso i grandi capolavori sinfonico-corali della spiritualità europea, sarà infatti interamente dedicato alla Petite messe solennelle per soli, coro, due pianoforti e harmonium di Gioachino Rossini, capolavoro della tarda età del pesarese, eseguito per la prima volta a Parigi nel 1864.

Le parti solistiche saranno interpretate da quattro artisti del Coro del Teatro La Fenice, il soprano Lucia Raicevich, il contralto Claudia Clarich, il tenore Raffaele Pastore e il basso Claudio Zancopè. Ai pianoforti vi saranno Jakub Tchorzewski e Carlo Rebeschini; all’harmonium Ulisse Trabacchin. Completata nel 1863 e dedicata alla contessa Louise Pillet-Will, la Petite messe solennelle fu eseguita per la prima volta nella residenza privata dei Pillet-Will, alla presenza dell’alta società parigina e del fior fiore della musica francese, da Meyerbeer a Auber e Thomas. Il settantaduenne Rossini batteva i tempi e voltava le pagine e gli esecutori erano quattro prominenti solisti del Théâtre Italien di Parigi e un piccolo coro di studenti del Conservatorio, accompagnati da due pianoforti e un harmonium. Dal 1829, da quando a 37 anni e con una quarantina di opere scritte per l’Italia e per la Francia si era ritirato dalle scene, Rossini non aveva più composto quasi nulla, a parte lo Stabat Mater del 1841 e varie serie di brani cameristici: le Soirées musicales dell’inizio degli anni Trenta e i Péché de vieillesse degli anni Cinquanta e Sessanta. La Petite messe solennelle, che alla maestria contrappuntistica unisce stupende melodie e una scrittura aggiornatissima per l’elaborato cromatismo e la sorprendente audacia armonica, è l’opera più importante dell’ultimo periodo della vita di Rossini, installatosi nel 1856 a Parigi dove sarebbe morto nel 1868: nelle sue autoironiche parole «l’ultimo peccato mortale della mia vecchiaia».

Claudio Marino Moretti Inizia gli studi musicali al Conservatorio di Brescia. Si diploma in pianoforte al Conservatorio di Milano con Antonio Ballista. Collabora per alcuni anni con Mino Bordignon ai Civici Cori e successivamente con Bruno Casoni al Teatro Regio di Torino. Fonda il Coro di Voci Bianche del Teatro Regio e del Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino con il quale svolge un’intensa attività didattica e concertistica. Dal 2001 al 2008 è maestro del Coro al Teatro Regio di Torino. Dal 2008 è maestro del Coro al Teatro La Fenice di Venezia.

Scheda Evento

Location:
Teatro La Fenice, Campo San Fantin, San Marco 1965 - VENEZIA