Concerto di Natale

Concerto di Natale

Orchestra dell’Accademia Musicale di San Giorgio

direttore e concertatore Mario Merigo

Nabila Chajai, arpa 

esegue

Igor Stravinski,Concerto in re per orchestra d?archi
Vivace
Arioso: Andantino
Rondo: Allegro

 

Claude Debussy, Due danze per arpa e orchestra d?archi
Danse sacre
Danse profane

 

Gustav Mahler, Adagietto dalla Sinfonia n. 5 in do diesis minore

 

Ottorino Respighi, Antiche danze ed arie per liuto: Suite n. 3
Italiana
Arie di corte
Siciliana
Passacaglia

 

Si terrà venerdì 16 dicembre 2011, alle ore 20, alle Sale Apollinee del Teatro La Fenice, la settima edizione del Concerto di Natale promosso dalla Cooperativa Sociale il Cerchio in collaborazione con l’Associazione culturale Musica & Musica. Sul podio dell’Orchestra dell’Accademia Musicale di San Giorgio, in veste di direttore e concertatore, ci sarà Mario Merigo mentre quale solista si potrà ascoltare Nabila Chajai, attuale prima arpa dell’Orchestra del Teatro La Fenice. Verranno eseguite musiche di Stravinskij (Concerto in re), Debussy (Due Danze per arpa), Mahler (Adagietto dalla Quinta Sinfonia), Respighi (Antiche danze ed arie, Terza suite).
L’evento è dedicato alle attività di recupero e reinserimento lavorativo (Progetto “Rjuscire”) delle detenute del Carcere Femminile della Giudecca. All’interno dell’istituto opera infatti un laboratorio sartoriale che ha già realizzato il costume di Rosina per il Barbiere di Siviglia di Rossini, andato in scena nella stagione 2008 della Fenice, e quello per Santuzza per la Cavalleria rusticana di Mascagni, con la regia di Ermanno Olmi, rappresentata nel 2009. Promuovono la serata il Fondo Sociale Europeo, il Ministero del Lavoro, il Comune di Venezia, la Regione Veneto, la Fondazione Teatro La Fenice.

Mario Merigo inizia  giovanissimo gli studi musicali, dedicandosi dapprima al pianoforte e, successivamente, al violino con Sirio Piovesan. Compie gli studi di composizione con Ugo Amendola, frequentando contemporaneamente la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Venezia dove si  laurea con una tesi in storia della musica. Si perfeziona in Direzione d’orchestra con Karl Österreicher, successore di Hans Swarowski all’Accademia di Vienna, e frequenta il corso di Canto e interpretazione vocale tenuto da Massimo Pradella e Anne Doré. Fondamentale è poi l’incontro con il direttore d’orchestra Carl Melles con il quale, divenendone dapprima allievo e poi assistente, approfondisce la conoscenza del grande repertorio sinfonico. Si segnala a Roma nel 1989 al Concorso internazionale Carlo Zecchi per direttori d’orchestra, iniziando giovanissimo una brillante carriera che lo porta a dirigere prestigiose orchestre europee,  facendosi apprezzare in un repertorio vastissimo che spazia dalla musica antica a quella contemporanea. Ha diretto prime esecuzioni di Sylvano Bussotti, Curt Cacioppo, Aldo Clementi, Luis De Pablo, Alessandro Solbiati, registrate e trasmesse dalla Rai. Da Giancarlo Menotti è stato invitato a dirigere al Festival dei Due Mondi di Spoleto. Dopo aver diretto nella Basilica di San Marco, a Venezia, il Requiem di Mozart,  ha iniziato un progetto mozartiano che è proseguito con le Nozze di Figaro e Così fan tutte. Attivo anche in Francia, Germania e Austria, applaudito interprete del repertorio italiano,  nel 2002 è stato invitato, come borsista,  ai Bayreuther Festspiele  su segnalazione di Carl Melles e dell’Associazione Wagner di Venezia. Impegnato anche in campo didattico e musicologico, è stato docente di storia della musica al Conservatorio B. Marcello di Venezia. Ha pubblicato saggi e articoli; più volte è stato  membro di giuria in concorsi internazionali di canto e per strumentisti, nonché presidente di commissione al Teatro Carlo Felice di Genova. Come direttore artistico degli Amici della Musica di Venezia ha organizzato due apprezzate stagioni cameristiche al Teatro La Fenice. Curatore di numerosi cicli concertistici e dei corsi di canto di Bad Gastein (Austria), è stato consulente artistico per il Festival di Lille (Francia). La sua collaborazione con l’Accademia Musicale di San Giorgio è iniziata nel 2003, con l’opera  Don Giovanni di Giuseppe Gazzaniga.

Nabila Chajai studia alla Scuola nazionale di musica di Colmar dove ottiene due primi premi, in arpa e violino. Da quel momento si afferma subito in alcuni concorsi internazionali (Géliot, Tournier). Prosegue gli studi al Conservatorio di Parigi nella classe di Isabelle Moretti ottenendo il premier prix all’unanimità; si perfeziona poi al Conservatorio di Lione con Fabrice Pierre. Nel 2004 vince il secondo premio al Concorso internazionale di Monaco (ARD) che le offre l’opportunità di suonare con i più valenti musicisti della sua generazione (Quartetto Ebene, Antoine Tamestit, Jérôme Pernoo). Parallelamente all’attività di solista, suona regolarmente nelle orchestre francesi e all’estero (Orchestra del Festival di Lucerna, Mahler Chamber Orchestra, Orchestra Mozart sotto la direzione di Claudio Abbado, le Filarmoniche di Radio France, di Anversa e Berlino, della RAI di Torino, della Radio di Berlino, di Strasburgo e Lille). Attualmente è prima arpa dell’Orchestra del Teatro La Fenice. Fa parte inoltre di diverse formazioni come l’ensemble Laboratorium (musica contemporanea), il duo Shérazade con la flautista Julie Huguet e il duo “senza misura” con il mezzosoprano Isabelle Druet (secondo premio al concorso Regina Elisabetta), con la quale ha ottenuto il primo premio di musica da camera al Conservatorio di Parigi. Il suo eclettismo la porta ad accostarsi all’etnomusicologia e alla pratica della musica extra-occidentale, come la  musica giavanese.

Scheda Evento

Quando:
Venerdì 16 dicembre 2011, ore 20:00
Location:
Sale Apollinee del Teatro La Fenice, Campo San Fantin, San Marco 1965 - VENEZIA