Implicazioni scientifiche e bioetiche sulla creazione della vita in laboratorio

Le strade della ragione

Venerdì 25 febbraio 2011,  ore 17:30

Implicazioni scientifiche e bioetiche sulla creazione della vita in laboratorio

iincontro a cura di Pietro Benedetti

Nuovo appuntamento,  venerdì 25 febbraio alle ore 17.30, con il ciclo Le strade della ragione organizzato in collaborazione con UAAR – Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti - Circolo di Venezia.
Craig Venter e Synthia, il suo microrganismo artificiale:  implicazioni scientifiche e bioetiche sulla creazione della vita in laboratorio è il titolo dell’incontro, a cura di Pietro Benedetti dedicato al batterio che Craig Venter ha già presentato alla stampa internazionale nel maggio del 2010. Una creazione sua, e del team di scienziati che collaborano con lui, nel suo laboratorio, a San Diego negli Stati Uniti. Il nuovo batterio ogm sarebbe in grado di sintetizzare gli idrocarburi aprendo nuove frontiere nella produzione di energia biotech.
Venter non è nuovo a questi proclami, (ricordiamo quello sulla ricerca del genoma umano), che suscitano sempre polemiche e dibattiti tra gli stessi scienziati, ma soprattutto tra chi vede in queste sperimentazioni un’intrusione profana sulla “vita”. Lo studioso utilizza, infatti, il termine “creazione” e alcuni lo accusano di “giocare a fare Dio”, con le mani tra i dollari più che nell’etica.
È certo che si tratta di tecnologie sofisticate ed utili ma potenzialmente anche molto pericolose che fanno di Craig Venter un uomo che ha oggi tra le mani un grande probabile potere. La scienza non si può fermare, si sa, ma forse si può controllarne l’uso.
A Pietro Benedetti, professore del Dipartimento di Biologia dell’Università di Padova, va quindi l’onere di introdurci alle problematiche scientifiche ed etiche che comportano questi complessi e nuovi prodotti sintetici e queste nuove sperimentazioni di laboratorio.

Scheda Evento

Location:
Centro Culturale Candiani, Piazzale Candiani, 7 - Mestre (VE)
Contatto:
Centro Culturale Candiani