Lo sguardo di Nino Dardi sulle infrastrutture

Dal 12 aprile al 5 maggio 2011

Nino Dardi - Lo sguardo di Nino Dardi sulle infrastrutture

Due mostre e un convegno

Il programma

Martedì 10 aprile

Sala espositiva Gino Valle

ore 10:00 inaugurazione della mostra Lo sguardo di Nino Dardi sulle infrastrutture

Dal 12 aprile al 15 aprile

atrio

Finestre sul paesaggio del nord-est: tre aree di sosta autostradali
Progetti del Laboratorio integrato 3B laurea specialistica in Architettura del paesaggio
mostra a cura di Marialuisa Dus e Alice Pesce
inaugurazione ore 10.15
introduce Giancarlo Carnevale, preside facoltà di Architettura
docenti del laboratorio Serena Maffioletti, Mario Virano, Paolo Ceccon, Dario Trabucco, Bruno Zan
ore 10.30

Auditorium

Paesaggi e infrastrutture: relazioni possibili
convegno a cura di Massimo Venturi Ferriolo, Serena Maffioletti, Roberto Sordina, Mario Virano

saluti
Amerigo Restucci Rettore Università Iuav di Venezia
Giancarlo Carnevale Preside Facoltà di Architettura, Università Iuav di Venezia

interventi
Marc Augé antropologo Scuola di Alti Studi delle Scienze sociali, Parigi
Renato Bocchi Università Iuav di Venezia
Giovanni Castellucci AD Autostrade per l’Italia e Atlantia spa
Nico Luciani Fondazione Benetton Studi Ricerche
Enzo Siviero Università Iuav di Venezia.

ore 11:00

prima parte, mattino
presiede
Marco Tamaro Fondazione Benetton Fondazione Benetton Studi Ricerche
Massimo Venturi Ferriolo Politecnico di Milano, Possiamo considerare il paesaggio un’infrastruttura?
Daniela Perrotti Larep - ENSP Versailles, Fra le ragioni del paesaggio e quelle dell'infrastruttura: Paysage-Infrastructure o della dimensione infrastrutturale del paesaggio

ore 13.00

buffet

ore 14.00

seconda parte, pomeriggio
presiede
Ettore de la Grennelais ANAS spa
Luigi Latini Università Iuav di Venezia, Pietro Porcinai e l’autostrada del Brennero. Esplorazioni di un paesaggista italiano
Gabriele Paolinelli Università degli Studi di Firenze, La progettazione paesaggistica: l’Autostrada Tirrenica nella Maremma
Roberto Sordina Università Iuav di Venezia, Ricomporre antiche e nuove strade
Serena Maffioletti Università Iuav di Venezia, Da Nino Dardi ad oggi: le aree di servizio delle autostrade italiane nel futuro delle reti europee
Emilia Wanderling Autogrill Italia, “Progettare per tutti”: progetti di Autogrill Italia
Mario Virano Università Iuav di Venezia, Le aree di servizio autostradale tra locale e globale

A cura dell’Unità di ricerca Infrastrutture per la mobilità: il progetto sostenibile nella costruzione dei paesaggi italiani contemporanei, Università Iuav di Venezia, è programmato per il giorno 12 aprile 2011 un incontro dedicato alla riflessione sul progetto dell’interazione tra paesaggi e infrastrutture della mobilità.

Questo seminario è soprattutto inteso come colloquio tra persone e istituzioni interessate a un tema importante e complesso dai punti di vista sia teorico sia operativo.

La giornata (h. 10-17) è focalizzata su due centri di riflessione, che caratterizzano i contributi della mattina e del pomeriggio.

La giornata è introdotta da due mostre.

La mostra Lo sguardo di Nino Dardi sulle infrastrutture rivisita l’ampia ricerca che negli anni ’60-’70 questo Maestro dell’architettura italiana dedica agli spazi della mobilità e all’esplorazione per essi di un progetto territoriale e figurativo che li connoti come luoghi riconoscibili della contemporaneità. Nella mostra, realizzata in collaborazione con l’Archivio Progetti presso le cui strutture si trova il Fondo Archivistico Costantino Dardi, sono presenti non solo progetti di stazioni di servizio e sosta, alberghi e motel autostradali proposti e realizzati per AGIP, ma anche progetti di ridefinizione di piccole stazioni ferroviarie e tracciati stradali.

 Se la riflessione di Nino Dardi mira alla qualità architettonica e all’identità dei luoghi attraverso un processo compositivo teso tra tipizzazione e variazione e attraverso l’espressione di tecnologie contemporanee, oggi un’attenzione a più stratificate relazioni territoriali e paesaggistiche apre a nuovi spunti, che il Laboratorio integrato 3B della Laurea specialistica in architettura del paesaggio (proff. Mario Virano, Serena Maffioletti, Bruno Zan, Paolo Ceccon, Dario Trabucco, Far, Università Iuav di Venezia) ha inteso cogliere e sviluppare. Per il laboratorio sono state scelte tre aree di servizio lungo l’Autostrada A4 (Limenella, Bazzera, Duino) come campi di sperimentazione di un approccio che, superando la condizione di “non luoghi” propria di questi spazi, li interpreta come dispositivi di contatto formale e funzionale con i paesaggi attraversati, come finestre attraverso cui il turista si affaccia in un brano di territorio in cui il nostro paese si rappresenta. Nuove condizioni si pongono oggi come basi opportune per una riflessione aperta su questo tema, importante per una nazione che non può che valorizzare il proprio patrimonio naturale e culturale, prevalentemente accessibile proprio attraverso la rete autostradale.

All’apertura delle due mostre segue un seminario articolato in due capitoli tematici. Nella mattina saranno affrontati con approccio teorico e respiro documentale alcune tappe del dibattito internazionale e i principali contributi offerti sul tema del rapporto tra progetto di paesaggio e delle infrastrutture, evidenziando prospettive diverse che spaziano dal paesaggio infrastrutturale al paesaggio come infrastruttura, come rete di relazioni.

Il pomeriggio, introdotto da una riflessione sulle proposte per gli spazi autostradali avanzate dal paesaggista Piero Porcinai, sarà dedicato a esperienze di progettazione paesaggistica per strade e autostrade in Italia e all’estero. Saranno presentate anche ricerche sviluppate nello IUAV: il ridisegno di due strade del Veneto – la Romea SS305 e la Tangenziale di Mestre – e di alcune aree di sosta/servizio dell’Autostrada A4 – Limenella, Bazzera, Duino. I progetti di ridisegno delle due strade venete sono stati elaborati dall’Unità di ricerca e da laboratori didattici nella prospettiva di un più forte radicamento nei caratteri dei paesaggi attraversati e di più aggiornate prestazioni funzionali: la tangenziale di Mestre come “gran viale” metropolitano, la Romea come strada a forte vocazione locale e turistica.

Scheda Evento

Location:
sala Gino Valle dello IUAV, Cotonificio Santa Marta, Dorsoduro 2196 - VENEZIA
A cura di:
Serena Maffioletti e Claudio Mistura
Tel.:
0412571011