Medea

Stagione Teatrale 2011-2012

Medea di Euripide

traduzione e adattamento Michele Di Martino e Maurizio Panici

con Renato Campese, Maurizio Panici, Silvia Budri Da Maren, Andrea Bacci, Evelina Meghnagi

Progetto scenico: Michele Ciacciofera elaborato da Giorgio Gori

costumi: Michele Ciacciofera

musiche: Luciano Vavolo

luci: Emiliano Pona

Una produzione Associacione Teatrale Pistoiese/Argot Produzioni/Teatro dei due Mari

Medea ci riporta – a partire dai tragici greci – alle donne di oggi. Sono infatti le donne a mettere in discussione la vecchia cultura facendosi portatrici di un nuovo pensiero. Ed è proprio attraverso Medea (figura totalmente inedita e significativa) che Euripide pone all'interno delle rappresentazioni tragiche un elemento di assoluta modernità. Medea, infatti, è la prima donna a mettere in discussione i rapporti tra uomo e donna, evidenziando una situazione di forza, contestando l'esistente, aprendo un contenzioso e lasciando intravedere nuove possibilità. Medea è per questo uno dei più estremi e affascinanti personaggi della tragedia classica e moderna in quanto, prima fra tutte, non agisce spinta da un impulso erotico o sentimentale ma per rispondere ad una ingiustizia: "ecco Medea… ecco la sventura di una donna" dice di sé al termine di un lunghissimo e straziante monologo. Le modalità del suo atto trascendono ogni consuetudine. In Medea l'azione tragica coincide con la sua stessa rovina poiché, mentre punisce il padre dei suoi figli, colpisce con uguale violenza se stessa: pur riconoscendo l'impatto del suo agire, lo persegue con determinazione e lucida consapevolezza. Il conflitto per la prima volta in una tragedia non è fuori, ma dentro il personaggio, come risulta dal ruolo decisivo dei monologhi nello sviluppo della struttura drammaturgica.

Scheda Evento

Quando:
Martedì 6 dicembre 2011, ore 21.00
Location:
Teatro Comunale, via Nazario Sauro, 17 - Cormòns (GO)
Contatto:
A.Artisti Associati
Tel.:
0481.532317
Teatro Comunale di Cormòns 0481630057