Rain Man

Stagione Teatrale 2012-2013
Rain Man
adattamento per il teatro di Dan Gordon
tratto dal film della MGM basato sulla sceneggiatura di Ronald Bass e Barry Morrow
prodotto su licenza speciale di MGM ON STAGE - Darcie Denkert - Dean Stolber
con Luca Lazzareschi, Luca Bastianello Valeria Monetti Gian Paolo Valentini, Irene Valota e con Beppe Chierici
Scene: Gabriele Moreschi
Costumi: Carla Accoramboni
disegno luci di: Valerio Tiberi;
disegno fonico di: Enrico Porcelli
Regia di Saverio Marconi
regia associata di Gabriela Eleonori
Una produzione Compagnia della Rancia

«Un appello a imparare a riconoscere e rispettare le differenze negli altri, trattandoli come vorreste essere trattati voi» questo è stato l’obiettivo di gran parte dell’esistenza di Kim Peek, morto nel 2009 dopo aver sofferto della rara “sindrome del saggio”, alterazione che colpisce una piccola parte dei malati di autismo. Kim Peek è l’uomo a cui si è ispirato Barry Morrow, sceneggiatore del film Rain Man, per il personaggio di Raymond. Ci piace iniziare a presentare proprio con queste parole la versione teatrale, in scena nella nuova e ammirata produzione della Compagnia della Rancia. Dopo tanto musical il regista Saverio Marconi ritorna alla prosa, dunque, con uno spettacolo intenso, impegnato e sensibile, dove impera la regola di “sottrarre” ogni orpello, ogni sovrabbondanza e facile esteriorità, per concentrarsi sul potente messaggio del testo: il valore e il coraggio della diversità e la scoperta dell’amore incondizionato. Tematiche che lo Stabile regionale fa proprie nella stagione 2012-2013, percorsa dall’esigenza di pensare “diverso”, da un invito a spalancare sempre più il cuore e la mente.
Nel 1988 il film meravigliosamente interpretato da Dustin Hoffman e Tom Cruise, aprì gli occhi al mondo sull’autismo, malattia che impedisce di stabilire una relazione normale e soddisfacente fra sé e l’esterno. La scenografia a settori, concepita da Gabriele Moreschi vuole evocare forse anche questa dolorosa “gabbia interiore”, oltre all’ordine, ai dettagli incasellati, tanto importanti per la mente degli autistici. Su tale sfondo avviene la vicenda dei due fratelli Charlie e Raymond, il primo sano, scapestrato ed egoista, il secondo malato d’autismo eppure “geniale”, capace di memorizzare tutto Shakespeare o i prefissi telefonici degli USA, e di mettere in scacco l’inespugnabile protezione di un Casinò... I fratelli vengono in contatto alla morte del padre, quando Charlie, sconvolto dall’eredità lasciata a Raymond, tenta di rapirlo per farsene interessato tutore. Il loro viaggio attraverso l’America però diviene un itinerario di conoscenza, rispetto ed amore che molto ha da insegnarci.
Straordinari gli interpreti scelti da Marconi per lo spettacolo: Luca Bastianello (Charlie) per l’evoluzione che dà al suo personaggio, e Luca Lazzareschi per l’impeccabile lavoro compiuto per esprimere l’inespugnabile mondo interiore di Raymond e per averlo reso toccante, anche attraverso i tic, i silenzi, i dondolii e le iterazioni che lo connotano. Nel copione, Rain Man ripete quasi 90 volte “sì” in modo incolore: e Lazzareschi sa commuovere anche attraverso quei “sì”.

Scheda Evento

Quando:
Dal 19 febbraio al 21 febbraio 2013
Location:
Politeama Rossetti, Largo Giorgio Gaber 1 - TRIESTE
Contatto:
Teatro Stabile del Friuli-Venezia Giulia
Tel.:
040 3593511