Film musicali, la retrospettiva su Rogério Sganzerla oltre ai film in concorso al Festival del Cinema Latino Americano 2009

ConSequenze
TRIESTE - I film in concorso, assieme alla retrospettiva sul regista italo-brasiliano Rogério Sganzerla, a film musicali, e a varie opere per le Sezioni Contemporanea, Cinema e letteratura, Colombia racconta Colombia e sul Bicentenario dell’Indipendenza dell’America Latina dalla Spagna, giovedì 29 ottobre al Teatro Miela per il 24° Festival del Cinema Latino Americano. Le opere in concorso nella Sala Cinema inizieranno alle ore 11.00, con il film drammatico argentino Andrés no quiere dormir la siesta, di Daniel Bustamante. Durante la dittatura militare, un bambino vive vicino a un centro di detenzione clandestina, e i rapporti familiari si sviluppano a fianco di quella realtà segreta. Il film ha vinto nel 2008 il Premio Opera Prima al Festival de L’Avana, e verrà replicato la sera alle 22.Le proiezioni in Sala Cinema riprenderanno alle 16.00, con il documentario di Joel Pizzini e Paloma Rocha “Elogio da Luz”, sul regista brasiliano Rogério Sganzerla. Il documentario ripercorre il corso artistico ed umano del regista, indagandone il processo creativo. Alle 17.15, in concorso per la Sezione Contemporanea, il cortometraggio cileno dai toni onirici El sueño del muerto Padilla, di Pablo Vial.Seguirà alle 18.00, per la Sezione ufficiale a concorso, il film argentino Días de Mayo, di Gustavo Postiglione. Ambientato nel 1969, si sviluppa attorno alla storia d'amore di due giovani, durante i movimenti di contestazione. Il regista, Gustavo Postiglione, è stato uno dei rinnovatori della cinematografia argentina nell'ultimo decennio, ed è oggi uno dei suoi punti di riferimento nazionali.Alle 20.00, per la Sezione “Contemporanea” a concorso, seguirà l’argentino Luisa, di Gonzalo Calzada, con la storia di una donna solitaria, sofferente per un trama del passato, che giunge a scoprire nuove ragioni di vita. Alle 22.00 replica del film del mattino, Andrés no quiere dormir la siesta.Le proiezioni video nella Sala Birri del Teatro Miela inizieranno invece alle 9.00 del mattino, per proseguire fino a mezzanotte. S’inizia con due titoli musicali: Déjame entrar, di Andrés Lübbert, documentario sul gruppo musicale cubano Contrabando, stabilitosi in Belgio, seguito alle 9.45 da Melodía de arrabal, di Louis J. Gasnier (del 1933), con protagonista il grande cantante di tango Carlos Gardel. Dalle 11.10 vari cortometraggi per le Sezioni Colombia racconta Colombia e Contemporanea.Le proiezioni video riprenderanno il pomeriggio con la Sezione Contemporanea: alle 15.30 con La tierra sin mal di Ana Recalde Miranda, documentario sulla storia politica recente del Paraguay, alla vigilia dell’elezione a Presidente dell’ex vescovo Fernando Lugo, seguito dal documentario Oro Verde, di Ignacio Busquier, sui coltivatori di the immigrati in Argentina. Alle 17.10 il documentario Sin título, di X Alfonso Valdés, su noti musicisti e artisti popolari cubani. Segue la Sezione Cinema e letteratura: alle 18.30 con Alfonsina, documentario del 1957 di Kurt Land sulla grande poetessa argentina d’origini italiane Alfonsina Storni, e alle 20.00 con Del Viento y del Fuego, documentario di Adolfo García Videla e Humberto Ríos sui rapporti tra cinema, letteratura e ideologia nell’arte, con varie interviste, e letture dalla voce di Gabriel García Márquez. Alle 21.00 cortometraggi per la rassegna-omaggio a Rogério Sganzerla, e dalle 21.30 a mezzanotte documentari per la sezione Colombia racconta Colombia, interrotti alle 22.30 dal film América Tierra Incógnita, di Diego Rísquez, per la Sezione sul Bicentenario dell’Indipendenza dell’America Latina dalla Spagna. Il film illustra l’impatto dell'Europa dei conquistadores sull'America indigena, in una visione metaforica della colonizzazione.