Girotondo: Arthur Schnitzler e il cinema in una rassegna da mercoledì 14 novembre al Visionario

UDINE - Mercoledì 14 novembre al Visionario inaugura Girotondo, Arthur Schnitzler e il cinema, retrospettiva ospitata in tre città del Friuli Venezia Giulia - Udine e Pordenone, in novembre, fino a giungere in gennaio a Trieste - che rende omaggio ad Arthur Schnitzler, scrittore, drammaturgo nonché medico austriaco, vissuto a Vienna a cavallo tra 1800 e 1900 e che in quegli anni poté godere della fortuna di vedere nascere il mondo del cinema. Si rifletterà sul rapporto tra l’artista e il cinema, sottolineando la dedizione del medico viennese all’arte e all’amore che sempre conservò per essa, espressa in ogni forma. Il magico mondo in cui capeggiano macchina da presa, attori e sceneggiature affascinò sin dai suoi albori Schnitzler ed è per questo che con tale mondo collaborò molto attivamente, redigendo scenari, adattando i propri drammi e novelle, riflettendo con inusitata originalità sui mezzi propri del cinema, sottolineando la specificità estetica del nuovo mezzo e non celando mai il suo interesse per la nuova arte e le nuove potenzialità comunicative offerte da essa. La sua passione venne ricompensata: sono otre 70 le pellicole direttamente o indirettamente ispirate ai suoi libri, alcune delle quali realizzate da registi italiani, come Pasquale Festa Campanile e Roberto Faenza. Dai suoi testi vennero traslati nel “magico mondo” La signorina Else e Girotondo, Amoretto ed anche Doppio sogno (in questo ultimo caso fu niente di meno che Stanley Kubrick a rendere in immagini le pagine del suo libro con Eyes Wide Shut). Mercoledì 14 novembre alle ore 21.00 presso il Visionario, si aprirà il sipario della retrospettiva partendo da un lavoro ad opera di Paul Czinner e tratto dall’omonimo e affascinante racconto firmato da Schnitzler, l’ineguagliato Fräulein Else (La signorina Else). Questo capolavoro del muto, risalente al ’29, esiste in copia unica, conservata presso il Danish Film Institute, e sarà visibile nel formato da 35 mm, in copia restaurata e con l’accompagnamento musicale al pianoforte di Carlo Moser. Il film racconta la storia di Else, nel cui ruolo il regista scritturò Elisabeth Bergner, la propria moglie, ancor’oggi indimenticata attrice del cinema muto tedesco. Else è una ragazza molto vivace e piena di vita che, al culmine della sua spensieratezza si trova schiacciata da un fatto inaspettato: il crac finanziario del padre, che costringe tutta la famiglia a fare i conti con il proprio destino e futuro. L’evento sconvolgerà la vita della protagonista e la trasformerà per sempre: il passaggio da giovane gioiosa a disperata sarà istantaneo ed Else si troverà costretta a sottoporsi ad ogni tipo di sacrificio ed umiliazione, compresa quella fisica, per salvare il padre e la famiglia. A seguire, la proiezione del lavoro cinematografico del grande maestro tedesco Hans-Jurgen Syberberg su Fräulein Else, firmato nel ‘87. Si tratta di un appassionato monologo di cui protagonista è l’attrice Edith Clever, che, strano a dirsi, ha origini friulane. È previsto un unico biglietto per entrambi gli spettacoli. La serata si ripeterà giovedì 15 novembre a Pordenone presso Cinemazero. L’intero percorso di approfondimento e di riflessione sulla relazione tra Schnitzler e il cinema si muove attraverso diverse occasioni di studio e approfondimento: oltre alla retrospettiva presso il Visionario, all’Università degli Studi di Udine si terrà un Convegno Internazionale su letteratura e cinema “schnitzleriani”, una mostra fotografica sarà ospitata nei locali del Visionario fino al 25 novembre ed una mostra bibliografica sui libri del letterato e drammaturgo austriaco sarà visitabile presso la Biblioteca Civica Joppi di Udine. La rassegna cinematografica (4 appuntamenti sia a Udine che a Pordenone) ideata e curata dal Professor Francesco Pitassio e Clara Buonanno, con progetto curato da Alpe Adria Cinema di Trieste, Centro Espressioni Cinematografiche di Udine, Cinemazero di Pordenone e la Cineteca del Friuli di Gemona, gode del sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia. Mercoledi’ 14 Novembre ore 21.00 Cinema Visionario - UDINE Fräulein Else (La signorina Else) di Paul Czinner, Germania, 1929, 90’ con Elisabeth Bergner 35mm, copia restaurata, did. ted. con sottotitoli in italiano con accompagnamento musicale di Carlo Moser A seguire Fräulein Else di Hans-Jurgen Syberberg, Germania, 1987, 115’ con Edith Clever Biglietto unico per l’intera serata