Hello Pina! Prospettiva Danza Teatro ricorda la figura della Bausch a Padova

Deep Focus
[img_assist|nid=28046|title=|desc=|link=none|align=left|width=130|height=130]PADOVA - Prospettiva Danza Teatro ricorda Pina Bausch, scomparsa un anno fa, con una mostra intitolata Pina..., che espone gli scatti del fotografo, Francesco Carbone, che sarà inaugurata, sabato 8 maggio nello spazio del Centro Culturale Altinate/S. Gaetano di Padova, un seminario e un incontro/brindisi in memoriam della grande coreografa.
A un anno dalla scomparsa di Pina Bausch, continuano le manifestazioni per ricordare una grande coreografa e interprete che, con il suo lavoro e la sua sensibilità umana, ha cambiato il mondo della danza: la mostra fotografica Pina… è un omaggio a questa donna, potente ed energica capofila del genere teatrodanza, un artista che è riuscita a modificare gli orizzonti della danza del nostro tempo. L’evento fa parte dei numerosi appuntamenti di Potenza/Corpo, l’edizione 2010 della rassegna Prospettiva Danza Teatro, un progetto dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova e Circuito Teatrale Regionale Arteven, con la direzione artistica di Laura Pulin e la collaborazione dell’Associazione Spaziodanza, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, e la Regione del Veneto.
Sabato 8 maggio alle ore 18.00, alla presenza dell’Assessore alla Cultura, Andrea Colasio, il Centro Culturale Altinate/S. Gaetano di Padova diverrà lo scenario ideale per la serata d’inaugurazione della mostra fotografica Pina…, aperta al pubblico fino al 30 maggio. L’evento sarà impreziosito da Un brindisi con Pina, alle ore 20.30, un incontro curato dalla critica di danza Eugenia Casini Ropa con assaggi, racconti e testimonianze di alcuni danzatori, tra cui Malou Airaudo e Lucrezia Zazzera, che hanno collaborato per anni con questa grande artista e ne hanno condiviso l’esperienza artistica e di [img_assist|nid=28047|title=|desc=|link=none|align=right|width=640|height=403]vita; sarà inoltre presentato un estratto dallo spettacolo Schwarze katze (coreografie di Malou Airaudo su musiche di DJ Krush). Racconti e ricordi, immagini e commenti da vedere e “gustare” insieme in una serata che ha lo scopo di risvegliare la memoria, anche sensoriale, della personalità e delle opere di Pina Bausch, per chi l’ha conosciuta ed amata ma anche per i curiosi che si avvicinano per la prima volta al suo lavoro.
L’esposizione offre un’affascinante traversata visiva dell’opera teatrale di questa artista – eccezionale coreografa/regista e maestra del Tanztheater tedesco, il cui lavoro ha contribuito a mutare il volto della danza e del teatro del secondo Novecento - raggruppando una copiosa serie di immagini che abbracciano tutte le maggiori creazioni del Tanztheater Wuppertal dal 1974 (Iphigenie auf Tauris) al 2000 (Wiesenland). Con l’alternanza di foto di gruppo e primi piani degli interpreti, figure in rapido movimento e particolari congelati dall’obiettivo, il percorso avvolge e stimola attivamente l’osservatore, trasportandolo all’interno del suggestivo universo espressivo e dinamico di Pina Bausch, in un viaggio di incessante bellezza e intensa passione per la vita e l’arte.

Le foto di Francesco Carbone, fotografo di fama internazionale che dal 1982 ha dedicato gran parte della sua opera al teatro della Bausch, rappresentano lo sguardo privilegiato di chi ha seguito con costanza la sua evoluzione coreografica ed estetica sin dagli esordi degli anni Settanta, e celebra in questa mostra un’artista e un’amica. Le immagini, di grande impatto visivo, esaltano e valorizzano la gestualità originale e le emozioni che scaturiscono dalle sue coreografie. Un occasione unica per il pubblico di conoscere non solo la Bausch insigne e profonda regista/coreografa, ma anche la Pina più tenera e leggera, ironica e piena di gioia di vivere. La mostra è stata curata da Lucrezia Zazzera, danzatrice e coreografa, formatasi, tra gli altri, con alcuni dei maestri e danzatori della Bausch (Malou Airaudo, Hans Zullig, Jean Cebron, Dominique Mercy), che da anni collabora con Francesco Carbone per la progettazione e l’allestimento di mostre fotografiche.

Dal 9 al 30 maggio 2010

Centro Culturale Altinate/San Gaetano - PADOVA

Francesco Carbone - Pina… 

A cura di Lucrezia Zazzera 

Vernissage: sabato 8 maggio, alle 18.00

Orario: da martedì a domenica, dalle 10 alle 19

collaborazione tecnica Arch. Marcello Muciaccia
supporto video Francesco Lopergolo

Ingresso libero

Eventi collaterali

Sabato 8 maggio, ore 20.30

Ceantro Cultura Altinate, San Gaetano

Un brindisi con Pina
serata - incontro con assaggi, racconti e testimonianze
a cura di Eugenia Casini Ropa
con Malou Airaudo e Lucrezia Zazzera
estratto dallo spettacolo Schwarze katze
coreografie Malou Airaudo
musiche DJ Krush
interprete Elena Friso, diplomata in Danza presso la Folkwang Hochschule di Essen
 
Racconti e ricordi, immagini e commenti, piccole sorprese bauschiane da vedere e gustare insieme, in una serata che risvegli la memoria, anche sensoriale, della personalità e delle opere di Pina Bausch, per chi l’ha conosciuta ed amata e per chi impara ora a conoscerla e rimpiangerla.
 
Eugenia Casini Ropa
Già docente di storia del teatro al DAMS di Bologna, ha introdotto nel 1992 la storia della danza nell’università italiana. Studiosa, in particolare, della cultura teatrale del Novecento, ha condotto ricerche e pubblicato saggi e volumi, come La danza e l’agitprop e Alle origini della danza moderna.
Da oltre vent’anni volge intorno alla danza un'intensa attività culturale, che ha dato luogo a un gran numero di convegni e manifestazioni e alla nascita di collane specializzate, promuovendo in particolare i giovani studiosi e dando decisivo impulso all'editoria di settore. Dal 2001 presiede la D.E.S., l’Associazione Nazionale Danza Educazione Scuola, che promuove esperienze di danza nelle scuole di ogni ordine e grado e nel sociale. Nel 2008, con un gruppo di ex-allievi, ha fondato "Danza e Ricerca”, prima rivista universitaria on-line di studi sulla danza.
 

Venerdì 8 maggio, ore 13.00 - 17.00 e domenica 9 maggio. ore 10.00 - 14.00

Sala prove del Teatro Comunale Giuseppe Verdi

Seminario tecnica contemporanea ed improvvisazione coreografica
a cura di Malou Airaudo
 
Malou Airaudo, storica interprete del Wuppertal Tanztheater di Pina Bausch  e indimenticabile danzatrice di numerose pièces rimaste come caposaldo della danza contemporanea, sarà ospite alla Sala Prove del Teatro Comunale G. Verdi per tenere due giorni di seminario di tecnica contemporanea ed improvvisazione coreografica. Il seminario è rivolto a danzatori di livello intermedio
– avanzato ed è teso ad esplorare le infinite possibilità espressive del corpo, sviluppare una coscienza corporea capace di far dialogare e fondere il linguaggio della danza e del teatro dando così  libertà al movimento e alle emozioni al di là di ogni codice ed abitudine. Sarà lasciato spazio all’improvvisazione, all’ascolto e al pensare con il corpo per arrivare ad un sentire alto e altro.
 
Malou Airaudo
Danzatrice, insegnante e coreografa, ha legato indissolubilmente il suo nome al "Wüppertaler Tanztheater" di Pina Bausch, partecipando alla sua fondazione nel 1973 e diventandone la solista più rappresentativa in tutte le creazioni più importanti e significative. Ha collaborato con compagnie prestigiose e più volte con Carolyn Carlson, nel 1994 ha insegnato al Rudra di Maurice Bèjart.
Insegna improvvisazione e composizione coreografica alla Folkwang Hoschschule di Essen - Werdendove è anche stata direttrice e coreografa del FolkwangTanzstudio.
 
Il seminario è rivolto a danzatori di livello intermedio - avanzato, è aperto ad un massimo di 30
iscritti. Svolgimento: sabato 8 maggio dalle ore 13 alle 17 e domenica 9 maggio dalle ore 10 alle
14. Costo di partecipazione: € 80,00. Iscrizione: entro e non oltre 4 maggio.
 

Info: Settore Attività Culturali del Comune di Padova

tel. 049.820 5611 – 5624

www.padovanet.it/padovacultura