I Modena City Ramblers al New Age di Roncade

ConCerti

[img_assist|nid=5846|title=|desc=|link=none|align=left|width=130|height=130]Roncade (TV) – Saranno i Modena City Ramblers i protagonisti del prossimo live in programma al New Age di Roncade. Lo storico gruppo emiliano, probabilmente il maggior esponente della musica folk italiana, farà tappa  a Roncade venerdì 20 aprile per presentare il nuovo cd intitolato Dopo il lungo inverno, pubblicato su etichetta Mescal e distribuito dalla Universal.

Ad un anno dall’abbandono del carismatico leader Stefano Cisco Bellotti, la band, non ha perso tempo e ha dato vita ad un nuovo lavoro nato proprio sull’idea della rinascita, il cui titolo altro non è che la metafora dell’inizio di una nuova stagione.

La novità principale è rappresentata dall’ingresso di due nuovi voci, Davide Dudu Morandi ed Elisabetta Betty Mezzani, che si sono aggiunti alla formazione storica composta da Arcangelo Kaba Cavazzuti (tastiere, batteria, percussioni, chitarra), Franco D’Aniello (tin whistle, flauto, trombe), Massimo Ghiacci (basso, chitarra), Francesco Moneti (chitarra, violino, mandolino), Roberto Zeno (batteria, percussioni, tastiere, mandolino), Luca Giacometti (bouzouki, mandolino, banjio, chitarra).
L’album, registrato tra la primavera e l’estate del 2006 nello[img_assist|nid=5847|title=|desc=|link=none|align=right|width=640|height=361] storico studio Esagono di Rubiera, nella campagna emiliana, prodotto ed arrangiato dall’inglese Peter Walsh (noto per la sua collaborazione con musicisti del calibro di Simple Minds, Peter Gabriel, Pulp solo per citarne alcuni) presenta atmosfere che spaziano dal folk europeo, celtico, balcanico a ritmi propriamente latini, sudafricani, mediorientali, conditi da una sana miscela di rock e musica d’autore.

L’album è stato impreziosito da collaborazioni con Terry Woods, sulla scena folk irlandese dei primi anni Settanta con i suoi Pogues, la band macedone Original Kokani Orkestar, il rapper bolognese – catalano Luca Lombardo, il fisarmonicista Massimiliano Farinelli, il quartetto d’archi Koinè, il trio di fiati Giardina – Bolognesi – Castagnetti, la cantante Lucia Tari, l’armonicista Enzo Ciliberti ed infine il coro delle voci bianche del Teatro Comunale di Modena. Ascoltando l’album non si può fare a meno di apprezzare le novità assolute introdotte dalla band, che ha saputo prendere nuovi spunti da un cambiamento così importante, quale l’abbandono del suo storico frontman, senza però dimenticare la sua precisa identità. I testi trattano come sempre temi rivolti all’attualità politica e sociale, argomenti per cui i Modena hanno sempre mostrato una spiccata sensibilità, legati al tema del viaggio, visto in chiave intimista e poetica.
Tante novità insomma per un concerto che si preannuncia interessante e suggestivo.

Info: New Age – Roncade (TV)
Tel. 0422841052
www.newageclub.it