Il Grande Gatsby nell'allestimento del Hrvaško kazalište mladih in scena al Teatro Sloveno di Trieste

Foyer
[img_assist|nid=12212|title=|desc=|link=none|align=left|width=130|height=130]TRIESTE - Il Teatro Stabile Sloveno di Trieste, recente ospite del teatro croato Hrvaško kazalište mladih a Zagabria con lo spettacolo Porcile di Pier Paolo Pasolini per la regia di Ivica Buljan, ricambia l'ospitalità. La compagnia croata sarà infatti ospite dello Stabile Sloveno di Trieste giovedì 21 febbraio con lo spettacolo Il Grande Gatsby tratto dal celebre romanzo di Francis Scott Fitzgerald e messo in scena dallo stesso Buljan.

Nel grande affresco dell’epoca d’oro del jazz vengono coinvolti, oltre al grande cast di attori del Hrvaško kazalište mladih, anche un gruppo di musicisti e la nota cantante pop croata Gabi Novak. Le musiche originali sono del cantautore Arsen Dedi?, la scenografia della raffinata équipe di designer Numen, i costumi sono stati firmati da Ana Savi?-Gecan, le coreografie da Nicolas Quesnoit, la realizzazione luci è di Aleksandar ?avlek.
Il romanzo da cui è tratto lo spettacolo è stato definito come l’autobiografia spirituale dell’autore, il racconto della caduta del “mito americano”. Il Grande Gatsby è la storia di un giovane di modeste origini che sogna di cambiare completamente la propria vita, di costruirsi una nuova identità in una parabola che lo porterà dal grande successo a una tragica conclusione. Gatsby guadagna il proprio denaro e l’amore con affari sporchi ed è “grande” in quanto coltiva l’idea dell’amore eterno, crede nel sogno americano e vive in un mondo di illusioni; come gli emigranti è convinto che si possa ottenere un riscatto dal passato, che sia sempre possibile ricominciare daccapo. La su[img_assist|nid=12213|title=|desc=|link=none|align=right|width=640|height=559]a storia è il riflesso della storia americana nel periodo della grande crescita economica del XIX secolo. Protagonista del romanzo è l’utopia della giovinezza e della fortuna, avvolta in un’illusione romantica, vivacizzata dall’ironia, minata dal dubbio e colorata di pessimismo.
Fitzgerald ha definito l'epoca come il periodo incantato degli eccessi e della satira nel quale il dieci per cento della nazione viveva lussuosamente come principi e liberamente come ballerine da night-club. Nella sua visione il termine jazz indicava prima di tutto sesso, poi ballo, musica, edonismo, legati alla consapevolezza della potenza americana e a una situazione di stress nervoso estremo. In questi affascinanti labirinti dell'America degli anni '20 si sono persi i personaggi del romanzo come anche Fitzgerald stesso.
Il desiderio del divertimento a tutti i costi, unito alla speranza di mantenere la preziosa, ma fragile magia della giovinezza, lo scivolamento nel baratro della violenza e dell'autodistruzione, sono gli elementi della storia de Il Grande Gatsby che ha lanciato Fitzgerald nel firmamento letterario come una stella di prima grandezza.
Buljan fa rivivere sul palcoscenico un'epoca della storia americana e le atmosfere dei party esclusivi dove incontrare una galleria di personaggi dell'alta società newyorchese.
Lo spettacolo in replica unica sarà sopratitolato in italiano e sloveno. La prevendita presso la biglietteria del Teatro Stabile Sloveno in via Petronio 4 è aperta dal lunedì al venerdì con orario 10-13/17-20 (numero verde 800214302 oppure 040362542).

Stagione di prosa 2007/2008

Spettacolo fuori abbonamento con sopratitoli in italiano

Giovedì 21 febbraio 2008, ore 20:30

Teatro Stabile Sloveno, via Petronio 4 – TRIESTE

Il Grande Gatsby

di Francis Scott Fitzgerald

con la Compagnia Hrvaško kazalište mladih di Zagabria e la cantante Gabi Novak

Regia di Ivica Buljan

Scenografia a cura di Numen

Musiche di Arsen Dedi?

Costumi di Ana Savi?-Gecan

Coreografie di Nicolas Quesnoit

Luci di Aleksandar ?avlek

 

Info: tel. 040632664/5

organizacija@teaterssg.it

www.teaterssg.it