Il respiro di una vita: l'arte di Aldo Tavella al Palazzo della Ragione di Verona

Verniss@ge
[img_assist|nid=25285|title=|desc=|link=none|align=left|width=130|height=130]VERONA - E’ dedicata ad uno dei più significativi rappresentanti della tradizione pittorica novecentista veneta la mostra che Itaca Investimenti d’Arte firma, con il patrocinio del Comune, al Palazzo della Ragione di Verona. Aldo Tavella.Il respiro di una vita celebra, nella città natale e a pochi anni dalla sua scomparsa (2004), il centenario della nascita di un maestro della pittura ad olio e dell’affresco.
La mostra, in programma dal 14 novembre al 13 dicembre 2009, è curata da Mario Guderzo e contempla un centinaio di opere che documentano una carriera ricca di riconoscimenti e una ricerca impegnata a ritrarre lo spettacolo quotidiano dell’umanità.

Artista veronese, Aldo Tavella (1909-2004), docente e direttore della storica Accademia Cignaroli, si è dedicato, durante la sua lunga carriera, alla pittura ad olio e all’affresco. Legato alla grande tradizione pittorica veneta, derivata da una sistematica frequentazione dell’Accademia di Belle Arti di Venezia, dove si è diplomato con il maestro Guido Cadorin, Tavella non ha mai abbandonato quella componente legata alla tradizione novecentista italiana. La sua è stata una ricerca intensa di soluzioni a problemi esistenziali, fatta con l’uso di quegli strumenti che più gli appartenevano: l’arte e la pittura. Presente in molte collezioni pubbliche e private nonché nelle più importanti manifestazioni d’arte italiane ed internazionali, la sua attività artistica è segnata da un susseguirsi di rinomati riconoscimenti: dalla partecipazione alla Biennale d’Arte di Venezia, nel 1950, quando viene insignito del Premio la “tavolozza” d’argento, alle varie iniziative che portano il nome di “Premio Nazionale F. Michetti”, alla “Quadriennale d’arte” di Roma e di Torino, dalla Prima Biennale Internazionale d’Arte Marinara

di Genova; dalla Mostra nazionale di Messina, Roma, Monza, Gallarate; alle diverse “Biennali d’arte Triveneta” di Padova e a tutte le “Biennali Nazionali”.
La ricchezza materica delle sue tele e delle sue tavole lo hanno legato inscindibilmente al colore quale elemento determinante per la sua arte tanto che lo stesso Remo Brindisi ha evidenziato nella pittura di Aldo Tavella i valori luministici [img_assist|nid=25287|title=|desc=|link=none|align=right|width=640|height=531]che dall’impasto pittorico, scaturisce in un’analisi segreta sugli oggetti, più che sui paesaggi e le figure (A-Tavella, Verona 1975, p. 2),un’importante considerazione fatta da un maestro indiscusso del valore della tradizione.
Tavella non esita ad utilizzare quali colori primari il grigio ed il nero ferrigno, come del resto sa sospingersi oltre gli azzurri ed i rossi sanguigni; così i suoi soggetti si dilatano oltre lo spazio del supporto con una grande capacità di convogliare la luce che muta a seconda delle diverse stagioni della sua vita artistica. I temi sono i più variegati, a volte quasi magici, altre in perfetta sintonia con la realtà. Sempre, comunque, vi traspare una ricerca ed uno stile personalissimo. Su questa caratteristica si è fissata l’attenzione di Licisco Magagnato, storico e critico d’arte, direttore del museo veronese di Castelvecchio, che così si è espresso I dipinti di Tavella sono gremiti e densi, quasi li ispirasse un ‘horror vacui’, di ascendenza popolare; mazzi di fiori compatti, come certe ghirlande di fiori secchi, tessiture strettamente intrecciate come i ricami dei cuscini della nonna, tinte spente e corpose segnate da velature e graffiti che sembrano esaltarne la matericità (A-Tavella, Verona 1975, p. 7). Questo avviene, per esempio, quando affronta la figura umana che si lascia rappresentare fedelmente e, nello stesso tempo, è capace di subire deformazioni ed interpretazioni.
Non manifesta nemmeno perplessità quando si cimenta con l’arte sacra. Il tema del Cristo crocefisso è ricorrente nelle sue tele, come del resto la rappresentazione delle figure dei santi di cui sa evidenziare soprattutto l’umanità. Ugo Ronfani, del resto, aveva già evidenziato come il Tavella del periodo più avanzato, portato a fissare sulla tela aspetti del costume o a trarre allegoriche rappresentazioni dalle storie o dalle cronache dell’epoca, in un certo senso dipinge proprio come il veneziano Goldoni scriveva le sue commedie: con divertito stupore, con smaliziata indulgenza. Trovo che come Goldoni, (del cui teatro il nostro pittore è affezionato lettore) Tavella goda del quotidiano spettacolo della vita con una giocondità ilare, con una invidiabile capacità di meraviglia che è cresciuta, anziché scemare, con l’avanzare dell’età (Aldo Tavella. Tra estatica e magia, Verona 1996, p. 5).
Il giorno dell’inaugurazione verrà presentato il catalogo Aldo Tavella (1909 – 2009) Il respiro di una vita, curato da Mario Guderzo con un’introduzione del maestro Paolo Levi.
E’ in fase di lavorazione presso la casa editrice Giorgio Mondadori il volume monografico dedicato ad Aldo Tavella, curato da Paolo Levi e Mario Guderzo.

 
Dal 14 novembre al 13 dicembre 2009

Palazzo della Ragione, Piazza Delle Erbe - VERONA

Aldo Tavella - Il respiro di un vita

A cura di Mario Guderzo, Paolo Levi

Vernissage: sabato 14 novembre, alle ore 18:00

Orario: ore 9.30 – 19.30. Chiuso il lunedì.

Ingresso libero

Organizzazione: Itaca Investimenti d’Arte

Info: info@itagallery.com
www.itacagallery.com