Il ruolo del dialogo interculturale per lo sviluppo di una nuova cittadinanza in un seminario a Padova

ConVegni
PADOVA - Venerdì 2 e sabato 3 marzo nell’Aula Magna “Galileo Galilei” del Palazzo del Bo si tiene la Conferenza internazionale che conclude il Progetto europeo di Ricerca su Il ruolo del dialogo interculturale per lo sviluppo di una nuova (plurale, democratica) cittadinanza organizzata dal Centro Interdipartimentale di Ricerca e Servizi sui Diritti della Persona e dei Popoli dell’Università degli Studi di Padova. L’assoluta esigenza di una promozione del dialogo interculturale che emerge dalla ricerca pone la ormai ineludibile esigenza di allargamento del diritto di cittadinanza a coloro che vivono in uno spazio “progettato” sotto l’aspetto educativo, sociale e lavorativo cioè nella “città inclusiva”.Dopo il saluto del Rettore, Vincenzo Milanesi, i lavori saranno introdotti dalle relazioni di Michael Frendo, Ministro degli Esteri della Repubblica di Malta e da Luigi Lombardi Vallauri dell’Università di Firenze. La Conferenza presenta il lavoro di ricerca condotto da quattro gruppi transnazionali attivi presso le Università di Lodz, Atene, Malta e Padova nel quadro di un “Progetto Jean Monet” co-finanziato dalla Commissione Europea e dalla Regione Veneto e si pone come primo contributo scientifico qualitativamente elevato all’Anno Europeo del Dialogo Interculturale del 2008. Il Convegno sarà l’occasione per presentare il volume, frutto della ricerca, titolato Dialogo Interculturale e cittadinanza. Tradurre i valori in azione, progetto comune per gli europei e i loro partners.I lavori continuano, dalle 9.00, sabato 3 marzo nell’Archivio Antico del Palazzo del Bo. Il prof. Antonio Papisca sarà a disposizione della stampa per illustrare le linee guida della ricerca venerdì 2 marzo alle ore 12.30 in Sala della Nave del Palazzo del Bo.