Il sentiero dei passi pericolosi di Michel Marc Bouchard in Sala Bartoli per il cartellone altri percorsi

Foyer
[img_assist|nid=18816|title=|desc=|link=none|align=left|width=130|height=130]TRIESTE - È uno degli appuntamenti portanti del cartellone altripercorsi dedicato alle nuove istanze del teatro contemporaneo, Il sentiero dei passi pericolosi di Michel Marc Bouchard che sarà in scena da mercoledì 18 a domenica 22 marzo alla Sala Bartoli dello Stabile regionale. Prodotto dal Nuovo Teatro Nuovo di Napoli, lo spettacolo si avvale della regia da Tommaso Tuzzoli, regista poco più che trentenne, talentuoso ed emergente, assolutamente incisivo ed essenziale nel linguaggio scenico. Scritto nel 1998, il dramma è concepito come una tragedia classica, scritta però secondo la sensibilità moderna, secondo lo stile di Bouchard, un drammaturgo fra i più noti e nitidi del nostro tempo: Perché scrivere un’opera triste? Perché scrivere della morte? sostiene Perché non esiste pensiero più lucido del pensiero spogliato dagli scudi-bugie della vita; il pensiero di chi è baciato dalla morte, di chi non ha più nulla da perdere ma una cosa sola da guadagnare, la franchezza. Perché osare scrivere? Per osare vivere! e sintetizza in queste righe il proprio manifesto poetico affidandoci la chiave per comprendere il suo Il sentiero dei passi pericolosi. Bouchard usa un linguaggio alto, ricco, per disegnare la realtà segreta ed esistenziale dei tre protagonisti, rivelata attraverso tagli di luce impervi, violenti, disincantati, anche cattivi, ma mai privi di emozione. Ad incentivare quest’intensità è una regia adamantina, che disegna lo spettacolo nell’efficacia di una scena spoglia e sapientemente illuminata, e oppone alla preziosità della drammaturgia una recitazione fisica, che “scolpisce” le battute e gli stati d’animo sul corpo degli attori. I tesi confronti verbali fra Victor, Ambroise e Carl – i fratelli al centro dell’opera di[img_assist|nid=18817|title=|desc=|link=none|align=right|width=640|height=386] Bouchard – si traducono infatti in scontri fisici nella koiné recitativa a cui Andrea Capaldi, Andrea Manzalini, Silvio Laviano – questi i nomi dei tre interpreti – sono giunti attraverso una preparazione intensa, che è passata tramite un attento lavoro sull’improvvisazione e addirittura un training di boxe. L’assunto dell’autore, secondo cui il passaggio dalla vita alla morte è il momento estremo in cui poter guardare la verità dentro e fuori di noi, senza mistificazioni o filtri di sorta, si sostanzia in una messinscena costruita sul sottile confine fra morte e vita: la dimensione è infatti misteriosa al punto che i tre fratelli potrebbero essere già morti, e rivivere episodi del loro passato attraverso déjà-vu chiarificatori. La trama de Il sentiero dei passi pericolosi (che porta come sottotitolo Una tragedia stradale) vuole che essi si riuniscano per compiere un viaggio: uno di loro sta infatti andando a sposarsi. La vita reale li attende, ma invano: incorrono infatti in un incidente automobilistico e restano prigionieri per sempre d’una foresta, nello stesso punto “pericoloso” dove quindici anni prima erano stati testimoni (volutamente inerti?) della morte per annegamento del loro padre. Un padre artista, poeta, ebbro… presenza ingombrante e ossessiva di cui hanno avuto la tentazione di liberarsi, ma che rappresentava per loro – lo capiranno troppo tardi, dopo averlo abbandonato ai flutti e aver vissuto anni nel senso di colpa – l’unica via di fuga dall’omologazione. E davanti al loro “ultimo sentiero” ecco i tre fratelli dialogare, finalmente senza veli, in merito a questo misfatto condiviso e ad altre dolorose ombre dei loro profili e dei loro rapporti. Carl – che avrebbe dovuto sposarsi – è il più giovane e quello che ha maggiori ambizioni a inserirsi in un ambito piccoloborghese: è commesso in una grande centro, “paradiso” del consumismo del Québec. Ambroise, gallerista ed esteta, è omosessuale e in passato ha avuto un’insana attrazione per il fratello piccolo: nelle sue battute dissacranti è da cercare il punto di vista dell’autore. Infine Victor, il maggiore, apparentemente un semplice taglialegna, ma in realtà il personaggio più misterioso e complesso, a cui è affidato il compito d’innescare il meccanismo drammatico delle rivelazioni. Altripercorsi Dal 18 al 22 marzo 2009, ore 21:00 Sabato 21 marzo, anche alle ore 17:00 Domenica 22 marzo, solo alle ore 17:00from 18 to 22 march 2009 Sala Bartoli del Politeama Rossetti, Viale XX Settembre, 45 - TRIESTE Il sentiero dei passi pericolosi Una tragedia stradale diAuthor: Michail Marc Bouchard traduzione di Francesca Moccagatta regia di Director: Tommaso Tuzzoli con Andrea Capaldi (Victor), Andrea Manzalini (Ambroise), Silvio Laviano (Carl)   luci di Simone De Angelis suono di Franco Visioli   Una produzioneProduction: Nuovo Teatro Nuovo Teatro Stabile di Innovazione Pim Spazio Scenico in collaborazione con Festival Internazionale Castel dei Mondi di Andria Biglietti: interi 15 euro, ridotti 12,50 euro   Info: tel. 0403593530 info@ilrossetti.it http://www.ilrossetti.it