Inquisizione: tra storia e immaginario, una due giorni a Trieste

ConVegni
[img_assist|nid=6037|title=|desc=|link=none|align=left|width=130|height=130]TRIESTE - Sull’Inquisizione esiste una produzione storiografica vera e propria a cominciare dal Seicento, ma sono anche usciti romanzi di ogni tipo, dal Settecento in poi, e parecchi film a partire dal Novecento. La storia dell’Inquisizione inoltre è sempre rimasta inestricabilmente intrecciata al mito, in particolare alla leggenda nera. Nell’immaginario collettivo l’Inquisizione è comunque legata al potere, al sangue e al sesso. Gli ultimi autori importanti di romanzi storici sull’argomento sono Leonardo Sciascia, Fulvio Tomizza, Sebastiano Vassalli e sul doppio piano del romanzo storico e della science fiction Valerio Evangelisti. Il cinema fa appello più ancora della letteratura alle emozioni, ai simbolismi, alla forza delle immagini e dei suoni, perfino al silenzio. I film su temi inquisitoriali non sono documentari asettici, ma sono opere che coinvolgono lo spettatore nelle problematiche più generali del controllo delle idee e dei rapporti con le autorità costituite, riguardano le scelte della vita, le questioni della razionalità umana, del potere, dei valori del cristianesimo e della civiltà occidentale. Storiografia, romanzi e cinema sono strade comunicative divergenti: lo storico cerca di smontare i miti e gli stereotipi, lo scrittore e il regista invece sfruttano l’immaginario collettivo onestamente, ma forse il discrimine non è così netto e manicheo. La storia si presenta a prima vista come fredda, razionale, distaccata, la letteratura e il cinema appaiono invece caldi, emotivi, partecipativi. Ma anche lo storico racconta, cerca di avvincere il lettore e di far presa sui sentimenti, e al contrario lo scrittore e il regista spesso si attengono ai fatti storici, ricostruiscono non solo ambienti e costumi, ma ugualmente paure e speranze. Inquisizione: tra storia e immaginario è il titolo della due giorni di incontri, tavole rotonde e proiezioni organizzata dal Centro di ricerca sull’Inquisizione dell’Università degli Studi di Trieste in collaborazione con La Cappella Underground e con il Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia.  Venerdì 4 e sabato 5 maggio, alla sala Bartoli del Politeama Rossetti, il Professor Andrea Del Col (suo il monumentale[img_assist|nid=6038|title=|desc=|link=none|align=right|width=640|height=363] L’Inquisizione in Italia, in Oscar Mondadori 2006) assieme a un folto gruppo di storici, andrà a sviscerare l’argomento nell’ambito di due tavole rotonde: Storia, rappresentazione e iconografia delle Inquisizioni romana, spagnola e portoghese e Inquisizione e dissenso nel medioevo tra storia e letteratura. Previsti anche ospiti illustri come lo scrittore Valerio Evangelisti e il regista Paolo Benvenuti; inoltre, in calendario, quattro titoli di film: Galileo (1968) di Liliana Cavani, Giordano Bruno (1973) di Giuliano Montaldo, Gostanza da Libbiano (2000) di Paolo Benvenuti e Il processo di Giovanna D’Arco (1962) di Robert Bresson. In questi due giorni sarà proposto un confronto e un dialogo tra il fare storia professionalmente, scrivere testi letterari, produrre film su un tema che, per quanto lo si voglia “raffreddare”, resta sempre affascinante, coinvolgente e scottante. Come nell’ultimo film in programma: una giovane guerriera bruciata sul rogo come strega nel Quattrocento è diventata santa e patrona della Francia nel Novecento. Venerdì 4 e sabato 5 maggio 2007 Sala Bartoli del Politeama Rossetti - TRIESTEL’Inquisizione: tra storia e immaginario Il programma Venerdì 4 maggio 2007  Ore 15.00 Indirizzi di saluto Antonio Calenda, direttore del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia Paolo Giangaspero, preside della Facoltà di Giurisprudenza Presentazione dell’iniziativa Andrea Del Col, condirettore del Centro di Ricerca sull’Inquisizione Ore 15.30 Moderatore: Andrea Del Col L’Inquisizione nell’immaginario collettivo Valerio Evangelisti, storico e scrittore, autore dei cicli sull’inquisitore Eymerich, Metallo Urlante, Nostradamus, storia messicana Ore 17.00 Proiezione del film Galileo (Bulgaria-Italia, 1968, col., 110’) di Liliana Cavani Ore 19.00 Pausa Ore 20.30 Moderatore: Alessandro Mezzena Lona, capo redattore cultura de Il Piccolo Incontro con Paolo Benvenuti e Paola Baroni, regista e sceneggiatrice del film Gostanza da Libbiano Ore 21.15 Proiezione del film Gostanza da Libbiano (Italia, 2000, b/n, 92’) di Paolo Benvenuti Sabato 5 maggio 2007 Ore 9.30 Moderatore: Giovanna Paolin, condirettore del Centro di Ricerca sull’Inquisizione Tavola rotonda: Storia, rappresentazione e iconografia delle Inquisizioni romana, spagnola e portoghese Vincenzo Lavenia, Università di Macerata Giuseppe Marcocci, assegnista di ricerca Scuola Normale Superiore di Pisa Pietro Spirito, scrittore e giornalista de Il Piccolo Ore 11.00 Proiezione del film Giordano Bruno (Francia-Italia, 1973, col., 123’) di Giuliano Montaldo Ore 13.00 Pausa Ore 15.00 Moderatore: Giacomo Todeschini, Università di Trieste Tavola rotonda: Inquisizione e dissenso nel medioevo tra storia e letteratura Francesco Mores, borsista post-dottorato Scuola Normale Superiore di Pisa Davide Alzetta, dottore di ricerca Università di Trieste Sergia Adamo, Università di Trieste Ore 16.30 L’immagine di Giovanna d’Arco Luciano De Giusti, Università di Trieste Ore 17.15 Proiezione del film Il processo di Giovanna d’Arco (Procès de Jeanne d’Arc, Francia, 1962, b/n, 65’) di Robert Bresson Info: La Cappella Underground tel. 0403220551 www.lacappellaunderground.org www.units.it