L’appartamento di Billy Wilder con la coppia Massimo Dapporto - Benedicta Boccoli al Teatro Bobbio di Trieste

Foyer
[img_assist|nid=27386|title=|desc=|link=none|align=left|width=130|height=130]TRIESTE - Debutta al Teatro Bobbio di Trieste venerdì 19 e  replicherà fino al domenica 28 marzo la commedia L’appartamento di Billy Wilder e I.A.L. Diamond.  In scena la straordinaria coppia formata da Massimo Dapporto e Benedicta Boccoli diretta da Patrick Rossi Gastaldi Ritratto della solitudine metropolitana, il film della Metro Goldwyn Mayer The apartment è una satira spietata sul carrierismo a tutti i costi e allo stesso tempo una riflessione sui sentimenti e sulla moralità. L’appartamento del titolo è quello di C.C. “Bud” Baxter, impiegato ambizioso di una grande società di assicurazioni. Baxter è un ragazzo buono, ma non stupido, giovale e un po’ ingenuo che trova il modo di sfruttare il costume piuttosto diffuso fra i suoi colleghi e diretti superiori di tradire la moglie, prestando loro il suo appartamento da scapolo. In cambio ne ottiene piccoli favori e vantaggi che, nelle sue migliori intenzioni, lo aiuteranno a fare rapidamente carriera. Scatti e promozioni valgono bene qualche piccolo disagio (come il dover andare a zonzo per la città, mentre il suo appartamento è occupato da qualche capo con l’amante di turno) o qualche esilarante malinteso (il vicino di casa che, dall’andirivieni di donne deduce che Baxter sia un temibile tombeur de femmes). Quando la voce arriva ai piani alti dell’azienda, è il gran capo in [img_assist|nid=27389|title=|desc=|link=none|align=right|width=398|height=640]persona, J. D. Sheldrake, a chiedere a Baxter le chiavi dell’appartamento per un tête à tête con l’amante. È un’occasione d’oro per il timido impiegato che può così ottenere una promozione importante, ma, con la più amara delle sorprese, Baxter scopre che la gentile accompagnatrice del suo capo è proprio la donna di cui è segretamente innamorato: la gentile, discreta, ricercatissima e inarrivabile “ragazza dell’ascensore”, Fran Kubelik,. A questo punto Bud dovrà prendere la decisione della sua vita: perdere l’amore o il lavoro. Sceneggiato da Billy Wilder e I.A.L. Diamond, L’appartamento uscì nelle sale cinematografiche nel 1960 e divenne da subito un successo, grazie anche all’interpretazione di Jack Lemmon e Shirley MacLaine. La pellicola vinse ben 5 premi Oscar (miglior film, regia, sceneggiatura, montaggio e scenografie), 3 Golden Globe e 3 premi BAFTA, nonché la Coppa Volpi alla MacLaine come migliore attrice alla Mostra del Cinema di Venezia. Pilastro della commedia comica americana, L’appartamento fu adattato per le scene teatrali e divenne pochi anni più tardi anche un musical di successo, Promises, promises, con l’adattamento di Neil Simon, le musiche di Burt Bacharach e le liriche di Hal David – la canzone principale, I’ll never fall in loce again ha venduto milioni di dischi in tutto il mondo. Una riedizione italiana della versione musicale (Promesse, promesse) è stata portata in scena alla Contrada nel 2003 da Gianluca Guidi, diretto dal padre Johnny Dorelli che l’aveva a sua volta interpretata nel 1970 in coppia con Catherine Spaak. Questa nuova riedizione del testo cinematografico prodotta da Antheia, si avvale dell’adattamento di Edoardo Erba (Maratona di New York, Margherita e il gallo, Michelina) e di Massimo Dapporto, che interpreta il ruolo di Baxter, con Benedicta Boccoli nei panni di Fran. Gli altri personaggi dello spettacolo sono interpretati da Rossana Bonafede, Riccardo Peroni, Carlo Ragone e Riccardo Maria Tarci. Dirige lo spettacolo Patrick Rossi Gastaldi, che si diverte a mettere a nudo una società dove le scappatelle extraconiugali sono un costume consolidato e il modo del lavoro è basato sull’ambizione, il denaro e la costante ricerca di un miglioramento sociale. In senso metaforico L’appartamento è una riconquista dell’innocenza perduta, dove il protagonista davanti all’Amore con la A maiuscola manda all’aria le sue ambizioni, i soldi e il prestigio. Rossi Gastaldi mantiene volutamente l’ambientazione negli anni ’60, come nel film, quasi a sottolineare che innocenza, candore, etica e amore fossero valori del passato. Stagione Teatrale 2009-2010 Dal 19 al 28 marzo 2010 serali 20.30, martedì e festivi 16.30, lunedì riposo   Teatro Orazio Bobbio, via Ghirlandaio 12 - TRIESTE L’appartamento di Billy Wilder e I.A.L. Diamond adattamento di Edoardo Erba e Massimo Dapporto regia di Patrick Rossi Gastaldi con Massimo Dapporto e Benedicta Boccoli musiche originali eseguite dalla Elio and Freddy’s Big Band di Antonino Armagno scenografie di Luca Nardelli costumi d1 Cristiana Ricceri luci di Mario Esposito Noctivagus Produzioni Teatrali   Info: La Contrada tel. 0431510393 contrada@contrada.it www.contrada.it