A lezione di autocrazia con L’onda del giovane regista tedesco Dennis Gansel al Visionario di Udine

ConSequenze
UDINE - Presentato al Festival di Torino e uscito poi in Italia in febbraio, L’onda di Dennis Gansel è stato un piccolo/grande caso cinematografico. In Germania nelle sue prime due settimane di programmazione è stato visto da circa 2 milioni di spettatori! Interrogandosi sulle origini del nazi-fascismo, il giovane regista teutonico ci racconta il metodo di un insegnante anarchico di un liceo che pensando di “vaccinare” i propri studenti decide di organizzare una lezione di autocrazia. Cioè propone e realizza un “singolare” e per certi verso agghiacciante esperimento per mostrare concretamente come funziona un governo totalitario. Inizia così un gioco di ruolo dalle tragiche conseguenze. Fortissima anche la presenza della musica, a cui Gansel dà un significato centrale anche perché interpretata come uno dei mezzi con cui tutti i governi autarchici cercavano di conquistare le simpatie dei propri elettori. Sparati a mille sullo schermo sono quindi i suoni synth-pop di Heiko Maile. Il film si interroga sul possibile formarsi di una nuova dittatura e la terribile risposta è contenuta quindi nella rivisitazione in chiave moderna di un esperimento di obbedienza cieca realmente avvenuto in California nel 1967. L’onda sarà riproposto mercoledì 19 e giovedì 20 al Visionario alle ore 17.00, 19.00 e alle ore 21.15 all’interno della sezione “Indelebili” del cartellone curato dal Centro Espressioni Cinematografiche per Udinestate del Comune di Udine. Per accedere alle proiezioni il pubblico potrà avvalersi della speciale promozione estate che prevede un biglietto intero a € 4,00 per i non soci e di € 3,00 per i soci del C.E.C.. UdinEstate 2009 - Indelebili Mercoledì 19 e giovedì 20 agosto, ore 17.00, 19.00 e 21.15 Visionario, via Asquini 33 - UDINE L’onda (Die Welle, Germania 2008, 101’) di Dennis Gansel con Jürgen Vogel e Frederick Lau Info: tel. 0432227798 www.cecudine.org