Lo scatenato jazz del Complexions Contemporary Ballet a Pordenone

Pas des deux
[img_assist|nid=12075|title=|desc=|link=none|align=left|width=130|height=130]PORDENONE - Nuovo appuntamento con la grande danza al Verdi di Pordenone martedì 12 febbraio alle 20.45 e in particolare con lo scatenato jazz newyorkese del Complexions Contemporary Ballet, fondato nel 1994 dagli attuali direttori artistici Dwight Rhoden e Desmond Richardson. La Compagnia è concepita con l’intento di raggruppare artisti di diversa provenienza, per dare risalto alle loro peculiarità e individualità, sotto l’aspetto culturale, razziale, e delle loro esperienze di vita. La sua missione è riflettere e condividere l’intensità, la libertà e l’energia del nostro tempo, coniugando sistemi di comunicazione assai diversi tra loro: film, televisione, moda, fotografia, poesia, teatro, improvvisazione, danza metropolitana di strada, cultura pop. Questi elementi, raggruppati tra loro, costituiscono un messaggio in grado di coinvolgere ed esaltare sia la personalità di ciascun ballerino sia l’energia collettiva del pubblico (non c’è alcuna “quarta parete” nel Complexions Contemporary Ballet). Questi danzatori rappresentano un microcosmo dell’unità globale e la loro missione artistica è una riflessione, un commento sugli sbocchi politici, sociali ed emotivi che attengono non solo alla propria generazione, ma anche a tutte le altre, in una voce senza tempo e universale.La Compagnia ha sempre cercato di distinguersi per la sue coreografie d'avanguardia su musiche piuttosto originali, pur sempre muovendosi nell'ambito della danza classica. Il direttore artistico Dwight Rhoden è stato definito dal New[img_assist|nid=12077|title=|desc=|link=none|align=right|width=494|height=640] York Times “uno dei più famosi e ricercati coreografi di oggi". Rhoden ha iniziato a danzare a 17 anni, si è esibito con la Dayton Contemporary Dance Company, Les Ballets Jazz de Montreal ed è stato ballerino principale con l’Alvin Ailey American Dance Theater. Ha creato più di 60 balletti per il Complexions Contemporary Ballet e per numerose altre compagnie. Desmond Richardson, acclamato dal New York Times come uno dei più grandi danzatori moderni di oggi, si è cimentato nella danza classica, moderna e contemporanea. Nel 1987 è entrato a far parte dell'Alvin Ailey American Dance Theater, dove è rimasto per sette anni come ballerino principale, ha ballato con il Ballet Frankfurt e lo Swedish Opera Ballet, il Washington Ballet, il Teatro alla Scala, il San Francisco Ballet e infine l'American Ballet Theater. Martedì 12 febbraio 2008, ore 20.45 Teatro Verdi, viale Martelli – PORDENONE Esclusiva nordest Complexions Contemporary Ballet Info: tel. 0434 247624 www.comunalegiuseppeverdi.it