Error message

Il file non può essere creato.

Lorenzo Arruga giovedì 12 aprile chiude il ciclo Raccontare la musica

Rassegne

[img_assist|nid=5736|title=|desc=|link=none|align=left|width=130|height=130]PORDENONE – Col titolo di Don Giovanni lui solo, nessuno o tutti noi? si terrà giovedì 12 aprile, alle ore 18.00, l’ultimo degli appuntamenti previsti nell’ambito della seconda serie del ciclo di incontri Raccontare la musica rassegna che ha visto avvicendarsi non solo competenti storici e critici della musica ma anche uomini di cultura che, nella vita, si occupano di altro e per cui la musica diviene una preziosa ed affettuosa compagna di viaggio, una passione vivida che riesce ad illuminare ed ad arricchire la loro vita e la loro stessa attività lavorativa, soprattutto quando questa è creazione artistica e letteraria.

A chiudere il ciclo di appuntamenti sarà Lorenzo Arruga, milanese, che si è avvicinato al mondo del giornalismo fin dal 1968, accompagnandolo alla sua attività di docente di lettere nei licei e di compositore di musiche di scena. Da allora, Arruga è stato critico musicale di "Panorama", del "Giorno" e di "Musica Viva", mensile da lui fondato e diretto per sedici anni. Autore di libri saggistici (da La Scala, Electa 1977, a Mozart da vicino, Rizzoli 2006), di romanzi gialli (Suite Algérienne nel 2003 e Il teatro degli enigmi nel 2004, Mondadori), pièces teatrali, traduzioni e regìe d’opera e cicli radiofonici e televisivi, oltre che di innumerevoli articoli e interventi imprevedibili, ha sempre alternato lezioni accademiche e conferenze a spettacoli in luoghi istituzionali (La Fenice, Regio di Parma…) e no (Tendone da circo per il Piccolo Teatro di Milano, Carnevale di Venezia…). Ha scritto libretti per Berio, Rendine e Cadario.

Arruga nella serata di giovedì 12 aprile  introdurrà coloro che vorranno parteciparvi alla figura di Don Giovanni, facendo pregustare l’atteso appuntamento con il capolavoro mozartiano che andrà in scena domenica 15 e martedì 17 aprile al Teatro Giuseppe Verdi di Pordenone.