Marco Travaglio con il suo Promemoria a dicembre al Palasport Forum di Pordenone

Save as...
[img_assist|nid=23559|title=|desc=|link=none|align=left|width=130|height=130]PORDENONE - La prima Repubblica muore affogata nelle tangenti, la seconda esce dal sangue delle stragi, ma nessuno ricorda più nulla. Si dice che la storia è maestra, ma nessuno impara mai niente.Dopo il pienone registrato lo scorso giugno a Udine, Marco Travaglio, il celebre giornalista scrittore tornerà in Friuli Venezia Giulia a dicembre: Promemoriaquindici anni di storia d’Italia ai confini della realtà sarà di scena sabato 12 dicembre, con inizio alle ore 21.00, al Palasport Forum di Pordenone. Promemoria è il primo spettacolo di e con Marco Travaglio, prodotto da Promo Music. Un vero fenomeno dell’ultima stagione teatrale, che ha già registrato ovunque il tutto esaurito. Promemoria non è solo lo spettacolo di Travaglio, ma anche la novità editoriale del 2009, un libro più dvd in vendita in tutte le librerie, sulla scia appunto del clamoroso successo riscosso nei teatri italiani. Il libro ed il dvd documentano l’inedita esperienza teatrale[img_assist|nid=23558|title=|desc=|link=none|align=right|width=640|height=427] di Travaglio con la ripresa video dello spettacolo e il testo scritto dal giornalista. In Promemoria sfilano i fatti ed i protagonisti degli ultimi quindici anni di cronache italiane: Tangentopoli, le stragi di mafia, i ricatti incrociati della politica, l’attacco alla Costituzione. Un promemoria per non dimenticare, proposto da un giornalista che, come ha detto Indro Montanelli, “non uccide nessuno con il coltello, ma usa un’arma molto più raffinata e non perseguibile penalmente: l’archivio”. Lo spettacolo di Marco Travaglio coniuga l’implacabile impegno giornalistico dell’autore con la musica, che intervalla le parti del testo. In questo debutto di palcoscenico Travaglio si presente nel ruolo di narratore, capace di calamitare su di sé l’attenzione del pubblico. E il Travaglio sulla scena non è molto dissimile dal Travaglio giornalista, che fa ampio ricorso alla sua tagliente, feroce ironia, quello stile corrosivo che è ormai il tratto inconfondibile del suo lavoro di giornalista. Il pubblico si appassiona e si lascia trasportare in un viaggio dalle tinte contrastanti, ora ironico, ora drammatico, a tratti senza speranza. Lo spettacolo, prodotto da Promo Music, si avvale del prezioso contributo musicale di Valentino Corvino, che insieme a Fabrizio Puglisi dà vita sul palco ad una sorta di dj set alternando la musica a documenti audio, con le voci di alcuni protagonisti della scena politica, primo fra tutti Berlusconi. La regia teatrale è curata da Ruggero Cara. Torinese, Marco Travaglio comincia a lavorare come giornalista poco dopo il diploma di maturità classica e mentre consegue due lauree, la prima in lettere moderne e la seconda in storia contemporanea. Dopo l'esperienza [img_assist|nid=23560|title=|desc=|link=none|align=left|width=640|height=427]maturata in piccole testate cattoliche e in seguito ‘Il Giornale’ passa a 'La voce', ma è soprattutto a partire dalla fine degli anni '90 che diventa un personaggio pubblico di rilievo: interessato a problemi di politica e di mafia, scrive alcuni volumi sui processi più famosi degli ultimi anni scagliandosi prima contro Giulio Andreotti e poi contro Silvio Berlusconi e i suoi collaboratori. Nonostante abbia sempre vinto le numerose cause di diffamazione che gli sono state intentate, nel 2001 desta grandi polemiche la sua apparizione al programma di Daniele Luttazzi Satyricon, su Raidue. l'Anno dopo, all'estromissione di Luttazzi e Travaglio (oltre a Enzo Biagi e Michele Santoro) dalla tv pubblica e, chiaramente, anche da mediaste, lontano dagli schermi tv, Travaglio comincia un vero e proprio tour de force che lo porta a pubblicare libri con una velocità impressionante e a girare l'Italia per promuoverli in numerosi incontri col pubblico. Pur essendosi sempre dichiarato uomo di destra, la sua avversione a Silvio Berlusconi e allo schieramento di centrodestra attuale l'ha portato a collaborare con giornali tipicamente di sinistra come 'Repubblica', 'MicroMega' e 'L'Unità'. E’ ospite fisso nella trasmissione di Michele Santoro, ‘Annozero’. Nel 2007, su invito di Promo Music, ha deciso di portare in scena Promemoria, 15 anni di storia d’Italia ai confini della realtà in cui per la prima volta all’interno di una dimensione teatrale ripercorre le vicende della seconda repubblica da Mani Pulite ad oggi. Lo spettacolo è organizzato da Azalea Promotion e Scoppio Spettacoli, in collaborazione con il Comune di Pordenone. Sabato 12 dicembre 2009, ore 21:00 Palasport Forum - PORDENONE Promemoria - 15 anni di storia d’Italia ai confini della realtà di e con Marco Travaglio regia di Ruggero Cara Una produzione Promo Music musiche dal vivo dei C-Project Valentino Corvino: violino, elettronica Fabrizio Pugliesi, tastiere, sintetizzatori Biglietti: Parterre Numerato € 28.00 + d.p. € 4.00 = € 32.00 Gradinata Libera € 20.00 + d.p. € 3.00 = € 23.00 I biglietti per l’imperdibile appuntamento sono in vendita nelle prevendite autorizzate Azalea Promotion, Box Office e nel circuito online Ticket One (www.ticketone.it). Info: Azalea Promotion tel. 0431510393 info@azalea.it www.azalea.it