Maurice Prendergast in Italia in una mostra alla Collezione Peggy Guggenheim

Verniss@ge
[img_assist|nid=24278|title=|desc=|link=none|align=left|width=130|height=130]VENEZIA - La Collezione Peggy Guggenheim rende omaggio, dal 10 ottobre 2009 al 3 gennaio 2010, all'artista postimpressionista americano Maurice Prendergast con la mostra Prendergast in Italia, curata da Nancy Mowll Mathews ed Elizabeth Kennedy, che aproda nella città lagunare, dopo essere stata ospitata dal Williams College Museum of Art di Williamstown nel Massachusetts, e che, dopo Venezia, verrà trasferita al Museum of Fine Arts di Houston nel Texas.

Maurice Prendergast (St. John's, Canada, 1858 - New York, Usa, 1924) trascorre la sua giovinezza a Boston dove, come Childe Hassam, impressionista suo contemporaneo, inizia la carriera nell'ambito della progettazione grafica. Nel 1891 si trasferisce a Parigi, deciso a diventare un pittore. Studia all'Accademie Julian e alla Colarossi, dove entra in contatto con l'arte dei Nabis e conosce Whistler. Una volta tornato negli Stati Uniti nel 1894 ottiene i primi successi come artista. All'epoca della sua morte, nel 1924, Prendergast è conosciuto come uno dei più importanti artisti modernisti americani dell'inizio del XX secolo, e in particolare il primo a essere stato sensibile all'arte post-impressionista del francese Cézanne.

La mostra riunisce oltre sessanta opere tra oli, acquerelli e[img_assist|nid=24280|title=|desc=|link=none|align=right|width=640|height=467] monotipi realizzati dall'artista durante due viaggi in Italia, il primo tra il giugno 1898 e la fine del 1899, durante il quale si recò a Venezia, tappa principale del suo itinerario, Padova, Firenze, Siena, Assisi, Orvieto, Roma, Napoli e Capri, il secondo solo a Venezia, tra l'agosto del 1911 e il gennaio del 1912. Il percorso espositivo ruota proprio intorno al nucleo di opere dedicate a Venezia, immortalata dall'artista nella sua modernità, attraverso gioiose scene di vita quotidiana. Se le acqueforti veneziane di Whistler si focalizzavano sulla pittoresca decadenza della città lagunare e le opere di Sargent si concentravano su monumenti e interni, Prendergast, cronista americano di una Venezia moderna, si sente invece attratto dall'attualità della Serenissima, dai suoi ricchi visitatori con abiti alla moda, dalle processioni, da quelle feste che erano in parte l'espressione della tradizione storica e in parte la risposta al turismo internazionale, il tutto rappresentato attraverso pittoresche vedute impressioniste, popolate da colorate folle di pedoni che si muovono tra calli, ponti e campi. Accanto agli oli e acquerelli veneziani, in mostra anche taccuini di viaggio, fotografie, lettere, guide turistiche appartenuti a Prendergast, oggi parte della collezione del Williams College Museum of Art, che contribuiscono a creare una forte impressione della topografia, delle abitudini e della società italiane dei primi del Novecento, nonché due stampe giapponesi, anch'esse di proprietà dell'artista, che rivelano la forte influenza esercitata dai maestri Kuniyoshi e Toyokun, sull'opera del pittore americano.

Se il prolifico lavoro generato dal primo soggiorno in Italia alla fine dell'Ottocento consolida l'evoluzione artistica di Prendergast derivante dalla sua vicinanza all'avanguardia parigina e afferma la sua notorietà a livello internazionale, dall'esperienza del secondo viaggio a Venezia, emerge uno stile più formale, con contenuti simbolisti, esempio di come i concetti del Modernismo, già emersi dalle opere del 1898-99, si siano ulteriormente sviluppati nel corso della prima decade del XX secolo. Nel loro complesso, le opere italiane di Prendergast sono probabilmente i lavori più ricchi da un punto di vista visivo e più stimolanti da un punto di vista estetico, che l'artista abbia mai prodotto, e la loro presentazione in Italia, luogo dove vennero creati, offre una nuova prospettiva per prendere in analisi la sua arte, contribuendo così ad una più approfondita comprensione del Modernismo degli inizi del Novecento e del ruolo rivestito dal pittore nello sviluppo dell'arte moderna in America.
Una considerevole parte delle opere esposte proviene dalla collezione, di oltre quattrocento pezzi, dei fratelli Maurice e Charles Prendergast, oggi conservata al Williams College Museum of Art e dalla Terra Foundation for American Art. Oltre a tali importanti prestiti, la mostra annovera anche lavori provenienti da collezioni private e prestigiose istituzioni americane quali il Metropolitan Museum of Art, il Museum of Modern Art, la National Gallery of Art e il Museum of Fine Arts di Boston.

[img_assist|nid=24296|title=|desc=|link=none|align=left|width=500|height=640]Il catalogo, edito da Merrell Publishers, Londra, si focalizza sulla produzione italiana di Maurice Prendergast e costituisce un importante contributo alla storia dell'arte americana moderna. I saggi principali del catalogo sono delle curatrici Nancy Mowll Mathews ed Elizabeth Kennedy e sono accompagnati da oltre 250 illustrazioni, tra opere d'arte, fotografie, mappe di viaggio, documenti, che rappresentano un ulteriore, prezioso supporto alla contestualizzazione delle opere che Prendergast creò nel nostro paese.

Per approfondire i contenuti della mostra, il 5, 14 e 28 ottobre, alle ore 19, presso l'Istituto Veneto di Scienze, Lettere e Arti di Venezia, si terrà un ciclo di 3 conferenze, che si aprirà lunedì 5 con l'intervento delle curatrici Nancy Mowll Mathews e Elizabeth Kennedy. L'ingresso è libero.

'esposizione è organizzata dal Williams College Museum of Art, Williamstown, Massachusetts, in collaborazione con Terra Foundation for American Art, Chicago, Illinois. Terra Foundation for American Art è lead sponsor, con un ulteriore contributo dell'Eugénie Prendergast Endowment del Williams College. La mostra gode del sostegno della Regione del Veneto e delle Intrapresae Collezione Guggenheim. E' inoltre resa possibile grazie a Vodafone, che realizzerà per i visitatori l'audioguida dell'esposizione scaricabile gratuitamente via bluetooth sul cellulare. Hangar Design Group ha curato l'immagine coordinata per la comunicazione. Radio Italia e Corriere della Sera sono media partner.

Dal 10 ottobre 2009 al 3 gennaio 2010

Peggy Guggenheim Collection, Dorsoduro 701 – VENEZIA

Prendergast in Italia

A cura di Nancy Mowll Mathews, Eugenie Prendergast Senior Curator of 19th and 20th Century Art

ed Elizabeth Kennedy, Curator of Collection, Terra Foundation for American Art

Vernissage: venerdì 9 ottobre, alle ore 12:00, conferenza stampa di presentazione alle presenza delle curatrici Nancy Mowll Mathews ed Elizabeth Kennedy. Segue cocktail e visita guidata della mostra.

Orario: 10.00 - 18.00; chiuso il martedì

Biglietti: Intero euro 12; seniors euro 10 (oltre 65 anni) studenti euro 7 (entro i 26 anni); bambini (0-10 anni) e soci ingresso gratuito. Il biglietto dà diritto all'ingresso alla collezione permanente, alla Collezione Gianni Mattioli, al Giardino di Sculture Nasher, alla mostra.
Tutti i giorni, alle 15.30, il museo organizza visite guidate gratuite alla mostra. Non è necessaria la prenotazione.

Info: tel. 041.2405.404/415

info@guggenheim-venice.it

www.guggenheim-venice.it

Nelle immagini: Maurice Prendergast, Gondole, Venezia, 1898-1899 ca.

Maurice Prendergast, I Canal Grande, Venezia, 1898-1899 ca.