Claudio Scimone dirige al Teatro Malibran il primo dei quattro concerti sinfonici del Progetto Mozart

Classica

VENEZIA - Venerdì 26 aprile con replica domenica 28, l’Orchestra del Teatro La Fenice aprirà il Progetto Mozart dedicato alla trilogia operistica su libretto di Da Ponte e alle ultime composizioni sinfoniche viennesi, con un concerto diretto da Claudio Scimone al Teatro Malibran.

In programma la Sinfonia n. 38 in re maggiore KV 504 Praga – così soprannominata in omaggio alla città boema che dopo aver acclamato Le nozze di Figaro avrebbe promosso e ospitato la creazione di Don Giovanni –, il Concerto per fagotto e orchestra in si bemolle maggiore KV 191 e, nella seconda parte, la Sinfonia n. 35 in re maggiore KV 385 Haffner, prima delle sinfonie del periodo viennese.
Solista nel Concerto KV 191 sarà il fagottista Roberto Giaccaglia, prima parte dell’Orchestra del Teatro La Fenice.

Il Progetto proseguirà il 30 aprile al Teatro La Fenice con la prima di Don Giovanni (in scena fino al 28 maggio); il 5 maggio al Teatro La Fenice con la prima delle Nozze di Figaro (in scena fino al 25 maggio); l’8 e 9 maggio al Teatro Malibran con la Sinfonia n. 40 in sol minore KV 550 e altri due brani diretti da Stefano Montanari; il 12 maggio al Teatro La Fenice con la prima di Così fan tutte (in scena fino al 26 maggio); il 16 e 17 maggio al Teatro Malibran con la Sinfonia n. 39 in mi bemolle maggiore KV 543 e altri due brani diretti da Rinaldo Alessandrini; il 24 e 26 maggio al Teatro Malibran con la Sinfonia n. 41 in do maggiore KV 551 Jupiter e altri due brani diretti nuovamente da Rinaldo Alessandrini.
 
Quartultimo capolavoro sinfonico di Mozart, terminato a Vienna il 6 dicembre 1786, la Sinfonia KV 504 fu eseguita per la prima volta a Praga il 19 gennaio 1787, durante il primo viaggio del trentenne compositore nella capitale boema. Fu uno dei più gloriosi concerti della sua vita, a ridosso del travolgente esito praghese delle Nozze di Figaro. La sinfonia, di costruzione complessa e linguaggio intenso e drammatico nonostante l’apparente naturalezza ed immediatezza della scrittura, è caratterizzata dalla presenza di un amplissimo adagio introduttivo che precede il radioso allegro del primo movimento, e dall’assenza del canonico minuetto fra il secondo movimento, un andante di intensa cantabilità, e il finale, un presto travolgente e dionisiaco.

Nel giugno 1774, diciottenne, Mozart compose il suo primo concerto per strumento a fiato e orchestra: il Concerto per fagotto in si bemolle maggiore KV 191, che costituisce oggi uno dei caposaldi del repertorio per questo strumento. Articolato nei classici tre movimenti, il Concerto hainizio con un Allegro a tutta orchestra da cui si dipanano i momenti virtuosistici del solista e si conclude con un elegante Rondò in Tempo di minuetto. Memorabile è la frase di apertura del movimento lento centrale, che preannuncia, con 12 anni di anticipo, il tema della cavatina della Contessa Porgi amor nel secondo atto delle Nozze di Figaro.

Scritta a Vienna nell’estate del 1782, la Sinfonia KV 385 Haffner nacque come serenata in sei movimenti scritta in occasione dei festeggiamenti in casa del borgomastro salisburghese Sigmund Haffner per il conferimento di un titolo nobiliare alfiglio. Solo in seguito, per una riesecuzione presso un’accademia viennese Mozart eliminò un minuetto e una marcia, rendendola affine alla struttura in quattro tempi della forma sinfonica. Come si addice al tono ‘leggero’ del genere originario di appartenenza, la Haffner rappresenta l’aspetto brillante e più immediato della personalità creativa mozartiana; ma lo slancio vigoroso del primo movimento, la pensosa malinconia dell’Andante, l’ironia haydniana del Minuetto e il ritmo frenetico del travolgente e variegatissimo Finale la pongono a pieno titolo fra i migliori lavori sinfonici tout court del compositore salisburghese.
 
Allievo per la direzione d’orchestra di Dimitri Mitropoulos e Franco Ferrara, Claudio Scimone ha raggiunto una reputazione internazionale come direttore sinfonico e di opera debuttando al Covent Garden con L’elisir d’amore e dirigendo in teatri quali Fenice, Arena di Verona, Terme di Caracalla, San Carlo di Napoli, Rossini Opera Festival di Pesaro, Sferisterio di Macerata, Zurigo, Parigi, Bruxelles, Liegi, New York, Houston, Melbourne. Nel 1959 ha fondato a Padova I SolistiVeneti, di cui è tuttora direttore artistico e stabile, uno dei gruppi orchestrali da camera più popolari nel mondo con quasi 6000 concerti in più di 81 paesi (fra cui più di 30 concerti al Festival di Salisburgo) e una riccaserie di registrazioni, pubblicazioni (tra cui una serie di cataloghi tematici di autori veneti del Settecento) e attività culturali. Collaboratore della Fondazione Rossini di Pesaro per l’edizione critica delle opere di Rossini, a lui si devono numerose prime esecuzioni moderne di lavori di Rossini (Mosè in Egitto, Maometto II, Edipo a Colono), Vivaldi (Orlando furioso nel 1978 con Marilyn Horne e Lucia Valentini), Albinoni, Salieri, Galuppi, Bertoni. Oltre ai Solisti Veneti ha diretto orchestre quali Philharmonia di Londra, English Chamber Orchestra, Orchestre Philharmonique de Radio France, Orchestre Philharmonique de Monte-Carlo, Bamberger Symphoniker, Orchestra Gulbenkian di Lisbona (di cui è direttore onorario), Orchestra della RAI di Torino. Fra imolti riconoscimenti ricordiamo il Premio Grammy di Los Angeles, il Grand Prix du Disque dell’Académie Charles Cros, la Elisabeth Memorial Medal di Londra, i premi della critica discografica italiana e belga, l’onorificenza di Cavaliere di Gran Croce al merito della Repubblica italiana, la Medaglia d’oro dei benemeriti della scuola, dell’arte e della cultura, il Leone del Veneto, il Premio Una vita nella musica della Fondazione Rubinstein. A Scimone e ai Solisti Veneti hanno dedicato opere compositori quali Bussotti, Donatoni, Morricone, Corghi, Malipiero, Chailly, Guaccero, Scelsi, Constant, Halffter, De Pablo, Manzoni, Corghi, De Pirro, Cadario.

Stagione sinfonica 2012/13 - Progetto Mozart 

Venerdì 26 aprile 2013, ore 20.00 e domenica 28 aprile 2013, ore 17.00

Teatro Malibran - VENEZIA

L'Orchestra Filarmonica della Fenice
Claudio Scimone, direttore
esegue
W. A. Mozart. Sinfonia n. 38 in re maggiore KV 504 Praga
Concerto per fagotto e orchestra in si bemolle maggiore KV 191
 
Roberto Giaccaglia, fagotto
Sinfonia n. 35 in re maggiore KV 385 Haffner, prima delle sinfonie del periodo viennese.

Info: Biglietteria
tel. 0412424
www.teatrolafenice.it