Con la prima edizione di Made in Trieste si chiude Trieste Loves Jazz 2012

Jazz Vibes
A conclusione di TriesteLovesJazz arriva in piazza Verdi, giovedì 26 e venerdì 27 luglio, rassegna dedicata alle musica d’autore prodotta in città

TRIESTE -  A conclusione dell’edizione 2012 di TriesteLovesJazz,  giovedì  26 luglio e venerdì 27 luglio arriva per la prima volta Made in Trieste , una breve rassegna (trasversale nei generi) dedicata alla musica d’autore prodotta in città, iniziativa costola dell’ormai affermato festival.

A fianco di ottimi musicisti ed interpreti, negli ultimi anni si sono messi in evidenza nel nostro territorio una serie di autori che stanno realizzando progetti musicali di grande interesse e di ottimo livello.  La rassegna non è certo esaustiva del panorama musciale, molti altri autori meriterebbero un loro spazio, ma siamo certi  - spiega il direttore artistico di TsLJ, Gabriele Centis  - che a questo “numero zero” seguiranno altre edizioni di “Made in Trieste” per contribuire a definire lo “stato dell’arte” della musica d’autore a Trieste, dove si trovano interessanti artisti di genere trasversale. E’ importante evidenziare i giovani autori.

Il 26 luglio, quindi, ancora in piazza Verdi, alle 21 (ingresso gratuito) la serata sarà dedicata al song writer triestino Eddie Cat, alla magica voce di Lucrezia Lo Surdo e ad una della band più interessanti degli anni ’80, i Luc Orient.

Eddie Cat  è un vero e proprio  song-writer nel senso anglosassone del termine. Anglo/italiano, cosmopolita, triestino d’adozione sta ultimando in questo periodo con la sua band e la produzione di F. Zafret un album che raccoglie il lavoro compositivo di questi ultimi anni.
Lucrezia Lo Surdo ha vent'anni. La sua è una famiglia "musicale" e fin da piccolissima ha
ascoltato i grandi del blues e del rock. A cinque anni ha iniziato a "giocare" con il pianoforte e ha frequentato in seguito il Conservatorio di Trieste. Nel 2009 ha presentato su MTV il programma “TRL on Tour” insieme ad Elisabetta Canalis e Carlo Pastore. Sta lavorando ad un suo progetto musicale, con la produzione di Sergio Cossu (autore e produttore con Matia Bazar, Miguel Bosè etc), alla ricerca di un linguaggio comune tra rhythm’n’blues, canzone italiana e jazz".
Luc Orient sono una delle new wave bands italiane più interessanti negli anni ’80, tornano in attività negli anni zero. La loro musica è un distillato di influenze del rock contemporaneo innestato di black music, elettronica, tracce di folk e velate atmosfere psichedeliche. I loro poetici testi in italiano sono un misto di impegno ed ironia. Amano definire le loro canzoni: musica per teste danzanti.

Si chiuderà il 27 luglio, in piazza Verdi alle 21 (ingresso gratuito) con Abbazabba (al secolo Alessandro Giorgiutti) con sonorità scarne e voce graffiante, Franco Ghietti e la sua Texmex Band e la violoncellista Andrejka Mozina.

Nato a Trieste Abba Zabba (al secolo Alessandro Giorgiutti) comincia da
giovanissimo a strimpellare la chitarra per band locali con attitudine al punk. Con sonorità scarne e voce graffiante offre musica che ben valorizza le sue doti di compositore. Usa la lingua inglese in modo poetico ed ermetico, con giochi di parole e concetti con diverse sfumature. ”The alphabet”
è il suo ultimo lavoro.
Franco Ghietti  e la sua TexMex Band propongono il repertorio del nuovo cd più alcuni brani tratti dall'album solista “Hard Blues”. Da sempre vicino al Rock ed al blues statunitense Ghietti, con personalità e gusto, ha trovato in questa grande tradizione musicale ispirazione per le sue composizioni e per il sound dei suoi progetti musicali.
Andrejka Mozina si è diplomata in violoncello nel 2002 presso il Conservatorio Tartini di Trieste e in canto jazz nel 2006 presso il Conservatorio di musica e balletto di Lubiana (KGBL). Dopo un primo lavoro discografico con musiche originali
su testi di poeti sloveni. A Made in Trieste Andrejka presenta con il suo quintetto il cd di sue composizioni Zarja
 
Prosegue inoltre fino all’8 agosto, all’Hotel Vis a Vis in piazza dello Squero Vecchio 1, la mostra fotografica di Massimo Goina Gli suardi sul jazz.
In concomitanza con il festival internazionale TriesteLovesJazz, viene installata una mostra con le immagini fotografiche di Massimo Goina, fotografo e grafico ufficiale del festival dal 2009. La mostra è anche corredata da una proiezione di immagini in video, dal titolo "The rhythms of jazz" presentata lo scorso marzo 2012 al Festival Internazionale di Multivisione di Parigi. La mostra può essere visitata da lunedì a venerdì dalle 9 alle 17 e sabato dalle 9 alle 15 (domenica chiuso).

Giovedì 26 e venerdì 27 luglio 2012

Piazza Verdi - TRIESTE

Made in Trieste  @ Trieste Loves Jazz 2012

Il programma

Giovedì 26  luglio 2012, ore 21:00

Eddie Cat

(Eddie Cat – voice guitar

Daniele Morelli – guit

Marco Vattovani – drums

Marco Seghene – bass

Mirco  Biasutti – guit)

Lucrezia Lo Surdo

Lucrezia – voice

Sergio Cossu – tastiere

Emanuele Graffiti – guit

Daniele Raimondi – trumpet

Luc Orient

Piero Pieri – voice, sax, synth

Rrok Prennushi – guit, voice

  Mauro Spoonfool Berardi – drums

Stefano Ciba Lesini – bass

Flavio Davanzo – trumpet, keys

Venerdì 27 luglio 2012, ore 21:00

AbbaZabba 

AbbaZabba – voice guitar

Marco Seghene – bass

Gianluca Calligaris – guitar

Moreno Buttinar – drums) Nat

 

Franco Ghietti TexMex Band

Frank Get – bass,upright bass & lead vocal

Sandro Bencich – drums & percussions

Giovanni Vianelli – piano, keyboards & vox

Matteo Zecchini – electric & acoustic guitars, vox

Marco Beccari – harp) 

 

Andrejka Mozina

Andrejka Možina – voice, cello, compositions

  Sebastiano Frattini – violin

Nicola Privato – guitar

Rosa Brunello – bass

Igor Checchini – drums

 

Ingresso libero

Trieste Loves Jazz 2012 è promosso dal Comune di Trieste nell’ambito di “Trieste Estate” ed organizzato dalla “Casa della Musica”

Info: Casa della Musica / Scuola di Musica 55

Tel. 040307309

info@scuoladimusica55.it

www.casadellamusicatrieste.it

www.triestelovesjazz.com