Ottavio Dantone dirige il Concerto di Natale nella Basilica di San Marco

E20

VENEZIA - Giovedì 15 e venerdì 16 dicembre 2011,  la Basilica di San Marco ospiterà il tradizionale Concerto di Natale dell’Orchestra del Teatro La Fenice, diretto quest’anno da Ottavio Dantone. In programma due brani vocali di Nicola Porpora e due brani strumentali di Johann Sebastian Bach.

Il concerto si aprirà infatti con il Salve Regina in fa maggiore per contralto, archi e basso continuo di Nicola Porpora; seguirà il Concerto per oboe d’amore, archi e basso continuo in la maggiore BWV 1055 di Johann Sebastian Bach; quindi il Mottetto in re maggiore In procella sine stella per contralto, archi e basso continuo di Nicola Porpora, brano marciano proposto in prima esecuzione in tempi moderni; infine la Suite per orchestra n. 3 in re maggiore BWV 1068 di Johann Sebastian Bach.

La parti solistiche saranno affidate al contralto Josè Maria Lo Monaco (apprezzato Cherubino nelle recenti Nozze di Figaro) per i due brani vocali di Porpora, e all’oboista Rossana Calvi (primo oboe dell’Orchestra del Teatro La Fenice) per il Concerto di Bach.

L’ingresso alla serata del 15 dicembre è su invito della Procuratoria di San Marco, che promuove il concerto in collaborazione con la Fondazione Teatro La Fenice; la serata del 16 è riservata agli abbonati alla Stagione sinfonica 2011-2012 (turno S) del Teatro La Fenice.
 
In occasione di celebrazioni particolarmente sontuose e importanti, fra cui le messe della vigilia e del giorno di Natale, il Doge passava dal Palazzo Ducale nella Basilica di San Marco, dove l’esposizione della Pala d’oro contribuiva a solennizzare un’evento sacro e civile al tempo stesso. In queste occasioni i cinque tradizionali brani concertati dell’ordinarium missae venivano ridotti ai primi tre (Kyrie, Gloria, Credo), per lasciar spazio e peso a due brani autenticamente virtuosistici, uno strumentale e uno vocale, riservati all’elevazione e al mottetto eucaristico, per i quali venivano ingaggiati i migliori virtuosi e i migliori compositori presenti in quel momento in città.

Nicola Antonio Porpora (Napoli 1686-1766) fu tra gli anni venti e quaranta del Settecento uno dei massimi rappresentanti del melodramma napoletano, dotato di grande eleganza e originalità compositiva. La sua carriera fu fulminea, e la presenza a Venezia, allora capitale della musica, gli garantì una presenza assidua sulle scene di tutto il mondo di allora. Maestro di coro agli Incurabili dal 1726 al 1738, alla Pietà dal 1741 al 1743 e ai Derelitti dal 1744 al 1747, fu forse l’unico grande compositore a dirigere in tempi diversi tre istituzioni musicali e assistenziali sulle quattro presenti a Venezia. Tra il 1733 e il 1736 fu tra i candidati alla successione di Antonino Biffi come maestro di cappella in San Marco (incarico conferito poi ad Antonio Lotti), e in quegli anni numerose sue composizioni furono proposte all’interno delle cerimonie marciane, per testarne l’apprezzamento del pubblico: tra esse il mottetto «In procella sine stella», che viene proposto dalla Fenice in prima esecuzione in tempi moderni accanto all’antifona mariana Salve Regina.

Sicuramente non fu tra i brani strumentali eseguiti in San Marco il Concerto per oboe d’amore di Johann Sebastian Bach, composto a Köthen tra il 1717 e il 1723 e giuntoci solo attraverso una trascrizione per clavicembalo e orchestra del 1741 (da cui è stata ricostruita per congettura la versione originale attualmente eseguita): ma nota è l’attenzione ammirata che Bach rivolgeva ai compositori della scuola veneziana, tra cui Tomaso Albinoni e Alessandro Marcello, pionieri alla fine degli anni dieci dell’uso solistico dell’oboe. Al periodo di Köthen risale anche la composizione della Suite per orchestra n. 3 BWV 1068, che concluderà festosamente e pomposamente la serata.

Giovedì 15 e venerdì 16 dicembre 2011, ore 20.00

Basilica di San Marco - VENEZIA

Concerto di Natale 2011

L’Orchestra del Teatro La Fenice

Ottavio Dantone, direttore

Josè Maria Lo Monaco, contralto

Rossana Calvi, oboe

esegue

Nicola Porpora, Salve Regina in fa maggiore per contralto, archi e basso continuo di

Johann Sebastian Bach, Concerto per oboe d’amore, archi e basso continuo in la maggiore BWV 1055

Nicola Porpora, Mottetto in re maggiore In procella sine stella per contralto, archi e basso continuo

Johann Sebastian Bach, Suite per orchestra n. 3 in re maggiore BWV 1068

Info: Tel. 041786511 

info@teatrolafenice.org

www.teatrolafenice.it