Vec Makropulos di Leos Janacek al Gran Teatro La Fenice

E20

VENEZIA - Venerdì 15 marzo 2013, debutta, al Teatro La Fenice, nell’ambito della Stagione lirica 2012-2013, l’opera in tre atti Věc Makropulos (Il caso Makropulos) di Leoš Janáček, su libretto del compositore, basato sulla commedia omonima del drammaturgo cèco Karel Čapek.

Penultimo capolavoro operistico di Janáček, andato in scena il 18 dicembre 1926 al Teatro nazionale di Brno e finora mai rappresentato a Venezia, Věc Makropulos sarà proposto in un nuovo allestimento coprodotto dalla Fondazione Teatro La Fenice con l’Opéra National du Rhin di Strasburgo e lo Staatstheater di Norimberga (dove è andato in scena rispettivamente nell’aprile 2011 e nel maggio 2012), con la regia di Robert Carsen (regista assistente Laurie Feldman), le scene di Radu Boruzescu, i costumi di Miruna Boruzescu e le luci di Peter Van Praet.

L’Orchestra e il Coro del Teatro La Fenice saranno diretti da Gabriele Ferro, maestro del Coro Claudio Marino Moretti. Nel grande ed enigmatico ruolo della protagonista Emilia Marty alias Elina Makropulos, l’affascinante prima donna vissuta trecentotrentasette anni grazie a un elisir di lunga vita scoperto dal padre alchimista nella Praga del XVI secolo, vi sarà il soprano spagnolo Ángeles Blancas Gulín, già protagonista nel 2012 dell’altrettanto impegnativo ruolo di Lou in Lou Salomé di Giuseppe Sinopoli. Intorno a lei si muoveranno il baritono cèco Martin Bárta nel ruolo del barone Jaroslav Prus, il tenore veronese Enrico Casari in quello di suo figlio Janek, il tenore cèco Ladislav Elgr in quello di Albert Gregor, il tenore svizzero Andreas Jäggi in quello del vecchio conte Hauk-Šendorf, il baritono italo-spagnolo Enric Martínez-Castignani in quello dell’avvocato Kolenatý, il tenore mantovano Leonardo Cortellazzi in quello dell’archivista Vítek e il mezzosoprano cèco Judita Nagyová in quello di sua figlia Krista. Il soprano Leona Pelešková interpreterà i ruoli della cameriera e della donna delle pulizie, il basso William Corrò quello del macchinista.

Il tema della senilità, nelle sue molteplici implicazioni e sfumature, affascinò sempre Leos Janácek fin da quando, confinato nella provincia asburgica, attendeva che qualcuno riconoscesse il suo talento. Scoperto tardi, oltre i 60 anni, dalle platee internazionali, Janáček produsse la parte più significativa del suo catalogo – cinque capolavori tra cui Kát’a Kabanova, La volpe astuta e Da una casa di morti – tra il 1920 e il 1928, quando si spense a 74 anni, nel pieno di una sorta di primavera creativa fecondata dalla passione per la giovane Kamila Stösslová, musa ispiratrice di tutti i suoi ultimi lavori.

Se la riflessione sulla vecchiaia percorre tutte le sue opere estreme, in nessuna di esse la longevità occupa il centro della scena quanto in Věc Makropulos (Il caso Makropulos, 1926), opera «storica moderna» incentrata sulla figura fantastica di Elina Makropulos. Questa donna enigmatica, nata a Praga nel 1585 da un alchimista greco che sperimenta su di lei un elisir di lunga vita, più di tre secoli dopo, a inizio Novecento, è ancora una cantante di fascino irresistibile e tecnica perfetta, idolatrata all’Opera di Vienna sotto lo pseudonimo di Emilia Marty. Ma la sua longevità è una sorta di limbo doloroso in cui la protagonista, eternamente giovane d’aspetto ma ormai vecchia dentro, vive senza più passioni né desideri, fino a quando, sopraffatta da un intollerabile senso di vanitas, decide di affrontare il trapasso a viso aperto.

Il soggetto dell’opera fu suggerito a Janáček dall’omonima commedia del drammaturgo boemo Karel Čapek, cui il compositore assistette nel dicembre 1922 al Teatro Vinohrady di Praga, rimanendone come folgorato. Chiesta a Čapek l’autorizzazione per l’adattamento operistico del suo testo, nell’autunno 1923 Janácek cominciò a scrivere l’opera in un flusso continuo – dalla prima stesura terminata nello stesso 1923 alle due successive del 1925 –, fino alla prima dell’opera avvenuta a Brno il 12 dicembre 1926 e alla sua ripresa a Praga il 1° marzo 1928, ultima rappresentazione di un suo lavoro cui il compositore poté prendere parte, solo cinque mesi prima della sua scomparsa.

Da sempre affascinato dalla scienza reale mescolata alla science fiction, Čapek – ammiratore di H. G. Wells e inventore tra l’altro del termine robot – era riuscito a raggiungere nella sua commedia una sintesi perfetta tra una trama contemporanea degna di un romanzo giallo (nella quale gli indizi sulla vera identità della protagonista si accumulano in modo inquietante chiarendosi solo nell’ultima scena), uno sfondo storico di grande suggestione (la Praga esoterica del Cinquecento e trecento anni di storia teatrale percorsi attraverso le diverse incarnazioni della prima donna), e un’invenzione narrativa ispirata in chiave fantascientifica alle ricerche sulla longevità del biologo russo Il’ja Il’ič Mečnikov, premio Nobel nel 1908. A questi ingredienti Čapek aggiunse una riflessione sul senso della vita e sulle terribili conseguenze di un’innaturale longevità, riflessione che Janáček riprese nella sua opera – direttamente basata, con qualche taglio e qualche condensazione, sul testo in prosa della commedia –, trasformando però nel finale il dibattito filosofico in struggente sostanza drammatica.

Tramutando l’orrore per la tricentenaria protagonista (che suggella la pièce di Čapek con un’estrema risata di scherno) in profonda compassione per un essere costretto suo malgrado a una vita artificiale (che in una sorta di regressione all’infanzia muore mormorando le prime parole del Padre nostro in greco), Janáček fa di Elina Makropulos un paradigma della condizione umana e della sua vicenda laprova tangibile che non è l’eternità in sé, ma solo il suo anelito, a dare un senso pieno alla vita.

Dal punto di vista musicale Janácek sviluppò ulteriormente il suo originalissimo linguaggio basato sull’esigenza interiore di fissare, in una sorta di istantanee dell’anima, motivi tra loro incatenati in una sorta di eloquio combinato fra canto e orchestra, con lo scopo di aderire il più strettamente possibile alla cadenza della lingua parlata e di dare all’ascoltatore l’impressione di udire un lungo discorso, con tutte le sue inflessioni (di tono alto e basso) e atteggiamenti (sentimentali, pubblici, ecc.). Impostato secondo un persistente e rigoglioso fluire di cellule tematiche ritmico-melodiche che, seppur nella loro brevità, agiscono da suggestivo contrasto alla caratteristica asprezza del declamato vocale, l’apporto orchestrale è inteso quale mutevole e vivido commento di un dramma ‘di parola’ che però si accende qua e là di improvvisi slanci emotivi fino al magnifico culmine espressivo del finale.

Contribuisce poi in maniera determinante a dipingere il senso del dramma il timbro, variegato e mirabilmente duttile, che con calibratissimo dosaggio del suo peso specifico – dai silenzi reiterati con cui nell’atto secondo l’orchestra svela il crescente turbamento di Emilia di fronte all’incalzante indagine condotta da Prus, alla ricchezza a tratti ridondante che rende ancora più commosso il canto d’addio conclusivo dell’eroina – è chiamato a definire molti dei nodi della trama.

La prima di venerdì 15 marzo 2013 (trasmessa in differita su Rai Radio3) sarà seguita da quattro repliche, domenica 17 (turno B) alle 15.30, martedì 19 (turno D) e giovedì 21 (turno E) alle 19.00, e sabato 23 (turno C) alle 15.30. L’opera, proposta a Venezia con il contributo di Long Life Formula, sarà presentata in lingua originale con sopratitoli in italiano e in inglese.

Stagione lirica 2012-2013

Dal 15 al 23 marzo 2013
Venerdì 15 marzo, ore 19.00, domenica 17 marzo, ore 15.30, martedì 19 e giovedì 21 marzo, ore 19.00 e sabato 23 marzo, ore 15.30.

Teatro La Fenice, Campo San Fantin, San Marco 1965 - VENEZIA

Věc Makropulos (Il caso Makropulos)
opera in tre atti di Leoš Janáček
su libretto di Leoš Janáček dalla commedia omonima di Karel Čapek

personaggi e interpreti principali
Emilia Marty Ángeles Blancas Gulín
Albert Gregor Ladislav Elgr
Il conte Hauk-Šendorf Andreas Jäggi
Kolenatý Enric Martínez-Castignani
Jaroslav Prus Martin Bárta
Janek Enrico Casari
Vítek Leonardo Cortellazzi
Krista Judita Nagyová

maestro concertatore e direttore Gabriele Ferro
regia Robert Carsen
scene Radu Boruzescu
costumi Miruna Boruzescu

Orchestra e Coro del Teatro La Fenice
maestro del Coro Claudio Marino Moretti

in lingua originale con sopratitoli in italiano

in coproduzione con l’Opéra National du Rhin di Strasburgo
e lo Staatstheater di Norimberga

Info: Tel. 041786511
info@teatrolafenice.org
www.teatrolafenice.it