Nanni Moretti e Antonello Grimaldi ospiti del Visionario presentano Caos Calmo

ConSequenze
[img_assist|nid=11920|title=|desc=|link=none|align=left|width=130|height=130]UDINE - In occasione della presentazione di Caos calmo, Nanni Moretti e Antonello Grimaldi saranno ospiti del Visionario domenica 10 febbraio, incontrando il pubblico uscente dello spettacolo delle 20.00 e salutando quello dell’ultimo spettacolo, alle ore 22.00 circa. La sua tappa friulana lo vedrà coinvolto anche a Cinemazero di Pordenone dove sarà in sala alla fine dello spettacolo delle 15.45 e all’inizio del successivo alle ore 19.00. Dopo Il portaborse e La seconda volta, dove collaborò rispettivamente con Lucchetti e Calopresti, Moretti si riavvicina al cinema non più nella duplice veste di protagonista e regista come accadde per i provocatori Il caimano ed Aprile (tanto per citarne due fra tanti!). Questa volta si calerà nei panni di Pietro Paladini, padre di una bimba di 10 anni e neo-vedovo, costretto a metabolizzare il dolore sorto in lui dalla perdita della moglie, Lara, che muore inaspettatamente di aneurisma mentre, in un pomeriggio d’estate, è sola in casa. Il marito nello stesso istante si trova al mare col fratello e sta salvando una sconosciuta che rischia di venir travolta da una mareggiata improvvisa. Dicendosi preoccupato per il bene e la stabilità emotiva della figlioletta, Pietro l’accompagnerà a scuola e poi l’attenderà all’uscita, trascorrendo la mattinata non al lavoro come fanno tutti i genitori, ma restando seduto sulla panchina del parco antistante l’istituto in attesa del suono della campanella. La realtà è diversa: è lui, padre e giovane vedovo, ad aver bisogno di un contatto continuo con ciò che gli resta della sua famiglia, per tentare di sconfiggere quell’angoscia e quel sentimento d’abbandono che lo attanagliano. Si trova infatti in uno stato di caos calmo, si sente inchiodato, immobilizzato dalla nuova vita che gli si presenta davanti e dal dolore così grande che, in alcun modo, è in grado di somatizzare. Tratto dal romanzo di Sandro Veronesi, Caos calmo ci mette di fronte ad un Nanni Moretti del tutto differente, fino a sembrare quasi irriconoscibile: non detta più regole e certezze come ha fatto fino ad ora in numerosi film, ma ha bisogno di una mano, ha necessità di fare ordine e di compiere un viaggio nel mondo del dolore e della sua insostenibile leggerezza. La scrittura avvolgente di Veronesi e il suo percorso tra intelletto e parola aiuteranno Pietro a trovare una via d’uscita da questo caos calmo, piano piano, senza molte alternative, se non[img_assist|nid=11921|title=|desc=|link=none|align=right|width=640|height=490] l’accettazione di quella che è la natura umana, con tutte le sue forze e le sue debolezze. Dopo La stanza del figlio, ancora una volta il Nanni nazionale si concentra su una storia densa, ahime!, di dolore, affrontando il tutto con scetticismo e imprevedibilità verso un finale sbalorditivo e contemporaneamente molto naturale ma, soprattutto, senza alternative. Sulle scene di sesso e sul fondoschiena di Moretti, Grimaldi minimizza dichiarando fin prima di girarlo, tutti, intellettuali compresi, chiedevano: “Ma la scena di sesso la farete?” per cui eravamo già preparati in qualche modo a questa curiosità. Certo che il capitolo del libro che riguarda questa scena colpisce e incuriosisce molto ma speriamo che la discussione non si fermi lì. Se resta solo uno spunto in più per il pubblico ad andare a vederlo, va bene. Ma solo come spunto. Al Visionario da venerdì 8 febbraio Caos calmo di Antonello Grimaldi Italia - 2007, 112’con Nanni Moretti, Valeria Golino, Alessandro Gassman, Isabella Ferrari, Silvio Orlando Domenica 10 febbraioIncontro con il regista e il protagonista: dopo lo spettacolo delle ore 20.00 e prima dello spettacolo alle ore 22.00 circa