Operaestate Festival: il Trio Riccati porta a Bassano l’anima musicale russa

Classica

Bassano del Grappa (VI) - Domenica 2 agosto alle ore 21.00 al Castello degli Ezzelini di Bassano del Grappa Operaestate Festival porta in scena il Trio Riccati, in un concerto per pianoforte, violino e violoncello a ripercorrere l’anima musicale russa dall’Ottocento al ventesimo secolo.

Torna ad esibirsi al Festival il Trio Riccati, formazione nata dalla collaborazione con il pianista Gabriele Vinello, il violinista Stefano Pagliari e il violoncellista Marco dal Sas. Il nome che hanno scelto deriva dalla illustre famiglia di matematici e studiosi della musica vissuti nel 700 a Castelfranco Veneto, città in cui il trio si è formato.

La serata si snoda attraverso un programma dedicato alla musica classica di provenienza russa, nel nome di due autori del calibro di Peter Iljic Ciajkovskij e Dimitrij Sostakovic. Il concerto si aprirà infatti con l’esecuzione del Trio in la minore op. 50 di Ciajkovskij dedicato Alla memoria di un grande artista, l’unico per la formazione classica di violino, violoncello e pianoforte nella produzione da camera del compositore russo. Un’opera magistrale, tra le sue più riuscite per la densità di arditezze strumentali e per l’impianto monumentale. Dopo un iniziale Pezzo elegiaco che apre episodi ora lirici, ora pensierosi, ora irruenti, segue un Tema con variazioni che suddivide lo svolgimento in 2 sezioni; la prima è costituita dal tema, con 11 variazioni, la seconda dalla Variazione finale e Coda. L’opera fu scritta a Roma tra la fine del 1881 e l’inizio del 1882, dopo aver avuto notizia della prematura scomparsa dell’amico Nikolaj Rubinstein - fratello del più noto Anton – pianista e didatta di fama, amico e sostenitore di Ciajkovskij.

Anche il Trio n. 2 in mi minore op 67 di Sostakovic, secondo brano della serata, è dedicato in memoria di un amico: Ivan Ivanovich Sollertinski, erudito poliglotta, esperto di teatro e apprezzato musicologo, morto in quell’anno in un campo di sterminio nazista. Personalità sagace, spirito antidogmatico ed indipendente, Sollertinski era il più intimo amico e confidente di Sostakovic.. L’autore russo fu una delle più importanti figure della musica moderna russa e ricevette diversi riconoscimenti sia a livello nazionale che internazionale. Ebbe un travagliato rapporto con il governo sovietico: subí infatti due denunce ufficiali a causa delle sue composizioni e i suoi lavori furono periodicamente censurati (i balletti furono criticati per le tematiche troppo "disimpegnate"). Rimase tuttavia il compositore sovietico più popolare della propria generazione e ricevette numerosi riconoscimenti. Il magnifico e commovente Trio n.2, costruito sapientemente attorno a melodie popolari russe e a procedimenti melodici ebraici, rappresenta una delle più disperate e accorate denunce in musica di tutti i tempi

L’appuntamento è inserito nel ricco cartellone di Operaestate Festival Veneto, la lunga rassegna estiva promossa dalla Città di Bassano del Grappa con la Regione del Veneto e le altre città palcoscenico.

Operaestate Festival Veneto 2009

Domenica 2 agosto 2009, ore 21.00

Castello degli Ezzelini - Bassano del Grappa (VI)

Trio Riccati

Gabriele Vinello: pianoforte

Stefano Pagliari: violino

Marco dal Sas: violoncello

eseguono

Peter Iljic Ciajkovskij, Trio in la minore op. 50 “Alla memoria di un grande artista”

Dimitrij Sostakovic, Trio n. 2 in mi minore op 67

In caso di maltempo al Teatro Astra.

Info: Biglietteria del Festival

tel. 0424.524214/0424 217111/0424 217819