Opere 1942 – 2009: a Villa Manin la grande antologica dedicata a Giuseppe Zigaina

E20

[img_assist|nid=18832|title=|desc=|link=none|align=left|width=130|height=130]Codroipo (UD) - Il suo Friuli rende un atteso omaggio a Giuseppe Zigaina e lo fa con una ampia antologica allestita a Villa Manin in occasione dell'ottantacinquesimo compleanno dell'artista, che cade il prossimo 2 aprile. Zigaina. Opere 1942 – 2009, questo il titolo della personale, si compone di 130 opere, tutte di pittura, è curata da Marco Goldin e sarà visitabile da sabato 21 marzo fino al prossimo 30 agosto.

A promuovere la grande rassegna (130 le opere selezionate, tutte di pittura) sono la Regione Friuli Venezia Giulia e l'Azienda Speciale Villa Manin in collaborazione con Linea d'ombra Libri, per la cura scientifica di Marco Goldin. Le opere che Goldin ha scelto per questa grande mostra scandiscono gli sviluppi di una vicenda tra le più ricche del Novecento italiano,[img_assist|nid=18833|title=|desc=|link=none|align=right|width=479|height=640] dilatata in uno spazio vastissimo. Una pittura che, dopo gli esordi e una successiva tangenza rispetto al clima del Fronte Nuovo delle Arti e una adesione al Neorealismo, si trasforma sia nell'uso dei colori, che si fanno sempre più stridenti, sia nelle forme che si aggrovigliano sempre più in filamenti grafici. Dall'attenzione per la grafica rinascimentale tedesca deriva quello che diverrà un tratto caratteristico della pittura di Zigaina: l'importanza del segno e dell'orditura grafica e la conseguente capacità di inserire l'oggetto nello spazio dell'immaginazione pura. Un segno non gratuito ma significante, nel senso che avvia e promuove un'operazione conoscitiva nella ricerca della necessità dell'immagine. Ecco perché l'immaginazione, nei quadri di Zigaina, non è mai vaga o indefinita. Esiste sempre un fitto dialogo tra necessità di conoscenza e soluzioni pittoriche, esemplificate dal procedimento usato dall'artista: il ritornare con il colore sui grandi fogli stampati, creando così un complesso gioco di rimandi.

Questa mostra è, per quantità oltre che per qualità delle opere scelte, la più ampia e importante che sia mai stata dedicata a Zigaina. Per essa Goldin ha voluto i grandi capolavori, tutti i capisaldi dei diversi momenti del percorso artistico del maestro, ottenendo prestiti dai molti musei italiani che custodiscono le opere di Zigaina, da alcune istituzioni straniere e da collezioni private. In mostra figureranno anche importanti inediti degli anni '40, periodo iniziale dell'attività di Zigaina, che faranno da apripista ad un percorso espositivo ricchissimo ed altrettanto selezionato. A suggello di questa sua mostra, Zigaina ha voluto porre un'opera realizzata in queste ultime settimane proprio pensando a Villa Manin. Di rilievo anche il catalogo (edito da Linea d'ombra Libri, 300 pagine totali) che accompagnerà la mostra. Vi saranno pubblicati una conversazione tra Zigaina e Goldin, seguita da un lungo saggio dello stesso Goldin sull'intero percorso dell'autore friulano. A seguire saggi di Fabrizio D'Amico sugli esordi di Zigaina, di Antonio Del Guercio sulla stagione del realismo, di Guido Giuffrè sul momento informale ed "espressionista", di Mauro Corradini sugli anni '60 e '70 e di Marco Vallora sulla più recente produzione.

Giuseppe Zigaina è uno dei più importanti e significativi pittori italiani del Novecento. Nato a Cervignano del Friuli nel 1924, a undici anni entra nel collegio di Tolmin (Slovenia) e vi rimane fino all'8 settembre 1943. Instancabile disegnatore da [img_assist|nid=18834|title=|desc=|link=none|align=right|width=640|height=491]bambino, Zigaina comincia giovanissimo a dipingere e, appena diciannovenne, espone alla Fondazione Bevilacqua La Masa. Fondamentale per lui l'incontro nel 1946 con Pasolini con cui stabilisce profondi legami umani artistici destinati a sopravvivere alla morte del poeta. Nel 1948 espone alla Galleria del Cavallino a Venezia e alla Biennale. Nel 1949 espone a Roma alla Galleria d'Arte Moderna e vince il premio ISA. Nello stesso anno realizza tredici disegni per Dov'è la mia patria, una raccolta di poesie di Pasolini. Nel 1950 ottiene il premio Fontanesi alla XXV Biennale di Venezia. Nel 1953 dirige 1953. Primo maggio a Cervignano, un lungometraggio diffuso dalla RAI ventisette anni dopo. Nel 1955, in occasione di una sua mostra alla Galleria del Pincio, a Roma, Pasolini scrive per lui il poemetto Quadri friulani, contenuto, due anni dopo, nel volume Le ceneri di Gramsci. Si stacca intanto progressivamente dal neorealismo, volgendo i suoi interessi alla Nuova Oggettività tedesca. Nel 1958 per la casa editrice tedesca Volk und Welt esegue cinquantadue disegni per Pisana oder Bekennntnisse eines Achtzigjahringen, traduzione tedesca delle Confessioni di un ottuagenario di Ippolito Nievo. Nel 1960 ottiene il premio Ginori per la personale alla XX Biennale internazionale d'arte di Venezia. Nel 1962 viene invitato a far parte della Società Europea di Cultura e dell'Accademia San Luca di Roma. Tra la fine degli anni Cinquanta e i primi Sessanta tutta una serie di prestigiose partecipazioni in Italia e all'estero. Nel 1965 comincia a sperimentare l'incisione, una tecnica, nella declinazione dell'acquaforte in particolare, che diventerà sempre più importante nella sua produzione. Nel 1968 collabora al film Teorema di Pier Paolo Pasolini e nel 1971, nel Decameron, Pasolini gli affida la parte del "frate santo" che confessa Ciappelletto. Nel 1974 vince il premio speciale della Biennale internazionale della grafica di Firenze e, sei anni dopo, il premio speciale della giuria della IV Biennale internazionale della grafica di Mulhouse. Nel 1982 espone ancora una volta alla [img_assist|nid=18835|title=|desc=|link=none|align=left|width=526|height=640]Biennale veneziana. Nel 1984 inizia un periodo di insegnamento all'Art Institute di San Francisco e presenta ufficialmente alla Berkeley University la sua teoria rivoluzionaria sulla morte/linguaggio di Pasolini. Nel 1987 esce il primo libro su Pier Paolo Pasolini, Pasolini e la morte. Mito, alchimia e semantica del "nulla lucente. Nel 1989 gli viene dedicata un'importante mostra al Palazzo dei Diamanti di Ferrara. Nel 1992 il Grand prix Alpe Adria di Lubiana. Nel 1995 per i tipi di Electa esce una grande monografia in due volumi dedicata alla pittura e all'opera incisoria curata da Marco Goldin. Marsilio editore gli pubblica Hostia. Trilogia della morte di Pier Paolo Pasolini e quattordici racconti autobiografici intitolati Verso la laguna. Nel 1998 vince il Premio Terni per la cultura. Nel 1999 Marsilio pubblica il pamphlet Pasolini. Un'idea di stile: uno stilo! opera riassuntiva degli studi su Pasolini. Nel 2000 esce Temi e treni di Pier Paolo Pasolini. Un giallo puramente intellettuale, mentre nel 2001 le edizioni del Tavolo Rosso pubblicano un libro d'arte in cinquanta esemplari Giuseppe Zigaina per Friederike Mayrocker con tre acqueforti per ciascuno degli autori. Zigaina è stato accolto nella Bayerische Akademie der Schönen Künster di Monaco per il suo lavoro di ricerca su Pier Paolo Pasolini, oltre che per la sua attività di pittore.

Dal 21 marzo al 30 agosto 2009

Villa Manin, Passariano - Codroipo (UD)

Zigaina. Opere 1942 – 2009

A cura di Marco Goldin

Vernissage: venerdì 20 marzo 2009

Orario: 9-19, chiuso il lunedì

Biglietti: intero 6 euro, ridotto gruppi 5 euro, ridotto scuole 4 euro.

Mostra promossa dalla Regione Friuli Venezia Giulia e dall'Azienda Speciale Villa Manin in collaborazione con Linea d'ombraLibri.

Info: Call center tel. 0422.429999

biglietto@lineadombra.it

http://www.lineadombra.it/