Pensare libero, agire solidale. Musica e Parole. A Padova si ricorda Tom Benetollo

PADOVA – Il 20 giugno 2004 moriva a Roma, improvvisamente, l’allora presidente nazionale di Arci Tom Benetollo, il padovano che per anni ha speso il proprio impegno civile e politico in nome di valori di grande forza e oggi di significativa attualità come la pace, il dialogo, la solidarietà.

Nel quarto anniversario della sua scomparsa precoce, insieme a tante altre città italiane, Padova ricorda il suo concittadino. E lo fa giovedì 19 giugno con una serata di spettacolo promossa da Arci Padova in collaborazione con la Scuola di musica “G.Gershwin”, dal titolo Pensare libero, agire solidale. Musica e Parole.

Il palco sarà quello del Piccolo Teatro “Tom Benetollo” (presso lo Spazio Gershwin, in via Tonzig 9), diventato dal giugno dello scorso anno un luogo nuovo per la città, dove musica, teatro e danza fondono i loro linguaggi; dove la cultura – come credeva e come voleva Tom – si fa ogni volta anche incontro tra culture, momento di aggregazione, strumento di integrazione e di promozione sociale.In scena gli attori Giancarlo Previati e Loris Contarini insieme ai musicisti Maurizio Camardi (sassofoni e duduk) e Mauro Palmas (liuto cantabile), in un’alternarsi di musiche e letture di testi (di Massimo Carlotto, di Erri De Luca e dello stesso Benetollo) sui temi della pace, dei diritti umani, della solidarietà e dell’ambiente: temi particolarmente cari a Tom che ne aveva fatto il pilastro del proprio pensiero politico e dell’agire quotidiano.  Ricordare Tom oggi ha una particolare attualità - dice Marina Bastianello, presidente di Arci Padova -, un “padovano eccellente” che con la vita e l’impegno ha testimoniato valori come la non violenza e il rispetto delle differenze. Valori che ha voluto sempre cercare in ogni persona senza mai farsi condizionare dai pregiudizi, con un’incrollabile fiducia nel dialogo e nel confronto come necessario approccio alla diversità che fa crescere tutti.  Siamo di fronte a un punto di riferimento per le nuove generazioni. Tom è stato il fulcro del movimento per la pace e della solidarietà internazionale evidenzia Francesco Bicciato, assessore all’Ambiente, Cooperazione internazionale, Partecipazione, Politiche di pace del Comune di Padova, che sottolinea la grande attenzione al dialogo di Benetollo, tra parti politiche, culture, religioni: Proprio per ricordare l’impegno di Tom per la costruzione di percorsi di pace e di dialogo, la città di Padova, in collaborazione con l’Università di Hebron (Palestina), gli ha intitolato due anni fa una “borsa di studio per la Pace” destinata ad alcune studentesse dell’università palestinese. Nato a Vigonza (Padova) nel febbraio del 1951, Benetollo è stato alla guida di Arci nazionale dal 1997. Con lui l’associazione è cresciuta diventando più forte e più accogliente, punto di riferimento per la partecipazione democratica diffusa. Una risorsa al servizio della democrazia, dell’impegno per la pace, per i diritti, per le libertà.Una figura, quella di Benetollo, a cui sono stati resi importanti riconoscimenti anche a livello internazionale. A partire dal Premio "Silver Rose" 2004 di Solidar, la più grande rete di organizzazioni non governative della società civile europea che ogni anno assegna un particolare riconoscimento a singole persone o organizzazioni che hanno dedicato la loro vita alla costruzione di un mondo più giusto e di una società migliore. E ancora il Premio “Tom Benetollo per le buone pratiche locali” istituito nel 2005 dalla Provincia di Roma.Lo scorso maggio, nel quartiere Pigneto a Roma, è stata inaugurata una targa a lui dedicata del  Nuovo Cinema Aquila, una proprietà confiscata alla criminalità organizzata. E ancora, alla memoria di Benetollo è stata intitolata un’arena cinematografica nel deserto, nel campo profughi saharawi di El Ayoun, un’area in cui Arci da anni porta avanti progetti di cooperazione soprattutto per l’infanzia e l’adolescenza, favorendo anche la nascita di spazi di aggregazione. Il progetto, inaugurato nel novembre 2005, era stato accolto fin dalla sua ideazione con entusiasmo da Tom, che tanto si era impegnato a sostegno della popolazione saharawi. Proprio nella circostanza della serata di giovedì, sarà resa nota l’ipotesi di dedicare a Tom uno spazio cittadino: spazio che, secondo quanto annunciato già in altra occasione dallo stesso sindaco di Padova, molto probabilmente troverà collocazione all’interno del nuovo Parco Basso Isonzo, il più grande parco urbano del Veneto, di prossima inaugurazione.

Giovedì  19 giugno 2008, ore 21.00 

Piccolo Teatro “Tom Benetollo” c/o Spazio Gershwin, in via Tonzig 9 - PADOVA 

Pensare libero, agire solidale. Musica e Parole 

Iingresso libero, fino ad esaurimento posti