Syringa Tree

Stagione Teatrale 2010-2011

Mercoledì 15 dicembre 2010, ore 21.00

di Pamela Gien
con Rita Maffei
regia Larry Moss e Rita Maffei
traduzione di Maria Adele Palmeri
una produzione CSS Teatro stabile di innovazione del FVG
in collaborazione con Matt Salinger

Rita Maffei racconta l'esperienza dell'apartheid in Sudafrica. Un racconto che interseca le vite di 26 personaggi nella vibrante interpretazione polifonica di un'unica attrice.
The Syringa Tree intreccia le storie e i destini di due famiglie di Johannesburg in Sudafrica, una nera, l'altra di bianchi, nel susseguirsi di quattro generazioni, dall'inizio dell'apartheid all'attuale Sudafrica libero.
 Intersecando le biografie di 26 personaggi, a cui dà corpo e voce la vibrante interpretazione polifonica di Rita Maffei, The Syringa Tree è la storia intensa e profondamente evocativa del sentimento forte e contrastante che lega due famiglie, una nera, l'altra di bianchi, e di due bambine che sono nate nella stessa grande casa, ma cresciute in due ambienti del tutto diversi. Siamo nei primi anni Sessanta in un sobborgo di Johannesburg, in Sudafrica.
Narrate attraverso gli occhi di una bambina di sei anni, Elisabeth Grace, le storie dei diversi destini di queste famiglie attraversano quattro generazioni, dall'inizio dell'apartheid all'attuale Sudafrica libero. Un viaggio ironico ma venato anche da un percepibile sentimento di paura, nel tentativo di dare un senso al caos, alla magia e al lato oscuro dell'Africa.

Pamela Gien, l'autrice di questo pluripremiato testo teatrale, è nata a Johannesburg, in Sudafrica, ma da vent'anni vive e lavora negli Stati Uniti come attrice e drammaturga.
In Syringa Tree racconta l'esperienza dell'apartheid in Sudafrica dal punto di vista di una bambina.
Per l'unica attrice in scena lo spettacolo si rivela poi un'autentica sfida: quella di dare voce a tutti e 26 i personaggi di questa piéce che attraversa il tempo e una terra piena di Storia. Uno straordinario racconto polifonico capace di far coesistere sentimenti contrastanti sempre coinvolgenti ed emozionanti, e che richiede alla sua interprete la messa in campo di un ampio registro di toni, comportamenti, accenti, espressioni e stili interpretativi, in un continuo slittamento fra personaggi diversi per sesso, razza, estrazione sociale, età, accento e sguardo.
La prima protagonista di The Syringa Tree è stata Pamela Gien stessa, in una prima edizione che ha debuttato a Seattle, per due anni è stata replicata a New York, e poi in tour mondiale, a Londra come a Cape Town, accumulando ovunque premi, riconoscimenti e l'entusiasmo del pubblico. Il regista americano Larry Moss che l'ha diretta allora in quel fortunato allestimento, guida oggi Rita Maffei che sarà l'interprete della prima edizione italiana di questo emozionante spettacolo.
Rita Maffei ha ricevuto dal Centro Studi Drammaturgici Internazionali Franco Enriquez il Premio Franco Enriquez 2010 per lo spettacolo The Syringa Tree con la seguente motivazione: "Premio Franco Enriquez 2010 a un'attrice sensibile e curiosa e soprattutto non omologata a scelte facili, l'unica, bravissima interprete di un testo difficile che ti fa innamorare per il suo ritmo e la pienezza del racconto. Dall'interpretazione della Maffei scaturisce un misto di teatro verità scandito dai 24 diversi personaggi che lei fa vivere sulla scena senza cadere nel retorico siparietto. Una grande fatica che l'attrice gestisce in modo sapiente, uscendo e rientrando dai protagonisti della storia intrisi di umanità. La Maffei firma, assieme al primo regista dello spettacolo Larry Moss, la regia italiana di questo grande racconto epico, corale denuncia di un tempo che non dovrebbe mai ritornare".
Sebbene lo spettacolo preveda un'unica attrice in scena, molti degli spettatori che hanno visto lo spettacolo in America hanno affermato di aver avuto l'impressione che ci fossero più persone in scena. The Syringa Tree di Pamela Gien regalerà a voi e al pubblico un viaggio incancellabile in Sudafrica, vi farà comprendere quanto possa essere potente l'odio, ma anche quanto l'amore sia più forte e capace di guarire dal dolore (...) dalle note di regia di Larry Moss 

Scheda Evento

Location:
Teatro Pasolini, Piazza Indipendenza, 33 - Cervignano del Friuli (UD)
Contatto:
CSS Teatro stabile di innovazione del Friuli Venezia Giulia
Tel.:
0432 504765
0431 370273