Guerra al Teatro Verdi di Padova

E20
Dal 17 al 19 gennaio Manrico Gammarota e Antonella Attili impegnati nella piéce di Lars Norèn

PADOVA - Perchè alle guerre seguono altre guerre ed alla fine si dimenticano (da Piccola guerra perfetta di Elvira Dones). E' di scena da 17 al 19 gennaio 2012, al Teatro Verdi di Padova, lo spettacolo Guerra di Lars Norèn con Manrico Gammarota e Antonella Attili per la regia di Marinella Anaclerio.

Tutto è già successo. La guerra è finita. Almeno quella con le armi. Il carrozzone dei media si è spostato altrove. Non interessa a nessuno la pace che segue. Ma nel dopoguerra ogni giorno è un nuovo giorno. Con precisione da entomologo Lars Norén mette allo scoperto le ferite di una famiglia di sopravvissuti. Medaglie che non si possono strappare via. Amputazioni e cicatrici che innalzano i personaggi a un’altezza tragica.
E' la storia di una famiglia, sopravvissuta ad una guerra civile, che cerca di capire da dove e come ricominciare. Madre e due ragazzine, padre soldato che non dà notizie da due anni. All'improvviso il padre oramai inatteso appare al cancello: ha perso la vista. Così nel corso della storia si mettono allo scoperto le ferite di una famiglia di sopravvissuti, come un'aiuola malconcia.

Nel ventennale dell'inizio della guerra in Bosnia, la regista Anaclerio esplora l'opera di Norèn, analizzandone con scrupolosità temi e personaggi: tutte le ferite aperte che queste persone portano come segni indelebili, dove la cecità del reduce è forse il male minore. La speranza negli occhi della figlia più piccola è la forza di questa famiglia, la sua determinazione nel guardare al futuro ci incoraggia a credere che forse è possibile andare oltre. Forse è possibile riprendere a vivere. Anche dal punto più basso, dalla caduta più rovinosa ci si può alzare. Si può dimenticare, si può tornare a vivere!
Ritengo che Libertà Democrazia e Pace siano dei beni il cui possesso non è mai definitivo. Ritengo che l’attitudine dell’essere umano a dimenticare ciò che non lo riguarda direttamente sia la sua grande fortuna e la sua grande disgrazia. Norèn in Guerra ci parla della pace che segue la guerra. Tutto è per aria Tutto è già successo, nel senso che la guerra è finita. Almeno quella con le armi. Adesso si attende Godot. (Mariella Anaclerio)

Stagione Teatrale 2011-2012

Dal 17 al 19 gennaio 2012, ore 20:45

Teatro Verdi, via dei Livello 32 - PADOVA

Guerra
di Lars Norèn
traduzione di Annuska Palme Sanavio
scene Pino Pipoli
disegno luci Pasquale Mari
costumi Stefania Cempini
regista assistente Alberto Bellandi
scenografo assistente Marta Marrone
organizzazione Caterina Wierdis
regia Marinella Anaclerio
con Manrico Gammarota e Antonella Attili
e con Pietro Faiella, Cristina Spina, Ornella Lorenzano,

Una produzione Compagnia del Sole con il sostegno produttivo diPanart e Mittelfest 2011
con il sostegno del Comune di Bari
 
Info:: Biglietteria:
Tel. 04987770213
info@teatrostabileveneto.it
www.teatrostabileveneto.it