Lo sharing di Melanie Lomoff e Alexandre Zeldin al Garage Nardini di Bassano del Grappa

Pocket News

Bassano del Grappa (VI) - Proseguono senza interruzione le residenze coreografiche internazionali del CSC/Casa della Danza di Bassano del Grappa che apre le porte ad artisti provenienti da Paesi europei ed extraeuropei, che trovano nel Garage Nardini spazio e strumenti per portare avanti la loro ricerca coreografica.

In questi giorni sono in residenza artistica la danzatrice Melanie Lomoff e il regista Alexandre Zeldin per lavorare su Musique Interieure/Code Uunknown, progetto di teatro-danza, che pone al centro della ricerca le relazioni tra la musica e la mente umana.

Punto di partenza del lavoro è infatti l’opera di Oliver Sacks: Musicofilia. In essa il celebre neurologo esplora il rapporto tra il cervello e gli organi uditivi, tra questi e le emozioni, la relazione tra eccitazione/depressione e musica, la capacità dell’organismo di autoriparare le proprie ferite neurologiche potenziando alcune abilità per compensare quelle carenti, il rapporto tra la memoria e l’organizzazione del ritmo.

Descrivendo casi emblematici, dai pazienti malati di Parkinson, ma i cui cervelli sono animati dalla musica, al caso di un insigne musicista e musicologo colpito da una devastante amnesia che cancella totalmente il suo passato, ma che conserva intatte solo le sue capacità musicali, ai bimbi colpiti dalla sindrome di Williams ma ipersensibili alla musica.
Da questo punto di partenza del rapporto tra la musica e il cervello, Zeldin/Lonoff immaginano un carattere, nella costante costruzione di un mondo e di fili di storie.
Ispirandosi anche all’opera di Marguerite Duras, in particolare a  Il rapimento di Lol V Stein, storia dell’ossessione di una donna a cui a cui viene rapito lo sposo promesso durante un ballo, e infine al film di Agnès Varda, Senza tetto né legge che racconta gli ultimi giorni da vagabonda di una ragazza trovata morta d’inverno, in una vigna.

I due artisti in residenza sono due eminenti personalità della nuova scena euopea: Melanie Lonoff è una straodinaria danzatrice che ha lavorato soprattutto con le compgnie Montalvo / Hervieu e con Les Ballets C de la B diretta da Alain Platel e con le quali è stata in tour in tutto il mondo nei più grandi teatri  e festival internazionali. Culmine della sua esperinza con la Compagnia Montalvo / Hervieu è nel novembre del 2000, quando ha vinto il "Grand Prix" al Paris International Dance Competition. Nel 2012 ha creato una sua compagnia a Caen:  "Collectif T", la cui prima creazione "Fugue Blanche" è stata sviluppata a Deauville e Bayeux. Nel 2013 è impegnata appunto a sviluppare il suo assolo "Musique Interieure " in collaborazione con Alexander Zeldin.

Educato in Francia, Alexander ha iniziato la carriera di regista mentre era ancora studente universitario curando una produzione de “Il Principe Costante” di Calderon de La Barca al Cairo, lavorando con musicisti locali. Dopo la laurea, Alexander ha iniziato a lavorare al Teatro dell'Opera Mariinsky di San Pietroburgo, dirigendo la Première russa di Powder Her Face, così come opere di Puccini e Ravel, dirette da Valery Gergiev. Nel 2010 è stato selezionato per dirigere la European Theatre Company al Napoli Teatro Festival Italia, collaborando ancora una volta con artisti provenienti dal Medio Oriente su una produzione di Romeo e Giulietta. Nel 2011, è stato invitato in Corea del Sud per dirigere Macbeth con il Yi Youn Taek’s Goripae Group (premiato dalla Critics Korean). Nel gennaio 2012, ha creato un nuovo lavoro di musica e teatro-danza: "Shemehé", per il British Council-National Theatre Studio-Rustaveli National Thatre Georgia. Nel 2013, Alexander curerà la ripresa de “Il flauto magico” di  Peter Brook e Marie Hélène Estienne. Il suo lavoro è stato riconosciuto da una nomination al Rolex Mentor Protege Award nel 2012, dedicato ai  principali giovani artisti del futuro.

Venerdì 22 febbraio verrà presentato il loro lavoro in uno sharing gratuito aperto al pubblico.
Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti. Informazioni Ufficio Spettacolo tel. 0424 519819