A Mittelfest 2011 lo humour nero di When I was dead

E20
Martedì 12 luglio lo spettacolo dello Slovensko Narodno gledališče di Ljubljana

Cividale del Friuli (UD) - Arriva in prima prima nazionale a Mittelfest 2011-Nazioni e Identità, martedì 12 luglio, When I was dead lo spettacolo dello Slovensko Narodno gledališče di Lubiana: na spassosa variazione sul tema del finto suicidio: uno spettacolo intriso di humour nero, con esplosioni di vera comicità.

When I was dead  che sarà in scena, alle 21.30, al Teatro Ristori  è tratto da un film muto girato nel 1916 da Ernst Lubisch, fortunosamente ritrovato nel 1994 in una cantina slovena da Silvan Furlan e Lilijana Nedic, studiosi del Museo del Cinema di Lubiana.

Restaurato, il lungometraggio è stato poi presentato alle Giornate del cinema muto di Pordenone. Il regista Diego De Brea - 40enne regista e scenografo sloveno già apprezzato a Mittelfest 2010 per una icastica rilettura di Delitto e Castigo – in questo spettacolo combina lo humour nero della vicenda con paradossi, gag, esagerazioni comiche e con le famose didascalie del cinema muto.

Così, sul palcoscenico, ogni elemento acquista un valore diverso mantenendo però intatto il divertimento di una pellicola d’epoca. Il personaggio inventato da Lubitsch per uno dei suoi primi film è infatti quello di un gaudente che, invece di starsene a casa con tanto di moglie e suocera, preferisce trascorrere le serate fuori di casa fino a quando le due donne non decidono di chiuderlo fuori dall’abitazione. All’appuntamento, oltre alla regia e alle scene di Diego De Brea contribuiscono le musiche dal vivo di Jože Šalej e i costumi di Bianka Adžic Ursulov oltre al cast formato da Alojz Svete, Janez Škof, Jernej Šugman, Boris Mihalj e Jože Šalej al pianoforte.

Mentre dopo le prime tre giornate, le tre sezioni di Mittelfest, Musica, Prosa e Danza, sono ormai entrate pienamente nel vivo, cresce anche l’attesa per il percorso collaterale della rassegna: quello dedicato alle conferenze a sfondo geopolitico, realizzate anche grazie al contributo della Camera di Commercio di Udine, ideate per meglio analizzare il tema di questa ventesima edizione. Noti commentatori degli scenari del nostro tempo, tra giornalisti, opinionisti, invitati di guerra, esperti di politica internazionale, direttori di testata si confronteranno sugli eventi che hanno cambiato il mondo in questi ultimi vent’anni.Dai Balcani al Mediterraneo, fra vecchio e nuovo millennio: vent’anni che hanno cambiato il mondo”è un’occasione per approfondire le molteplici attualità che attraversano il pianeta, e al tempo stesso allargare lo sguardo alle regioni balcaniche.

Si comincia mercoledì 13 luglio alle 18.00 alla Chiesa di San Francesco con l’incontro condotto dal direttore della rivista Limes Lucio Caracciolo, in assoluto tra i massimi esperti di geopolitica nel nostro Paese. Ad affiancarlo nell’incontro Dove va la Germania?, lo storico e analista americano Jonh Hulsman, considerato uno dei più brillanti esperti di politica internazionale della nuova generazione americana, e lo storico e editorialista tedesco Micheal Stuermer, nome celebre dell’ex CDU e già consigliere di Kohl. Tema del dialogo sarà proprio il ruolo giocato dalla Germania nelle rivoluzioni arabe degli ultimi mesi. Giovedì 14 luglio (sempre alle 18.00 in San Francesco) Pino Scaccia sarà protagonista dell’incontro Sul filo delle guerre. Pino Scaccia: vent'anni da inviato. Il noto inviato del TG1 Pino Scaccia ha recentemente realizzato per Speciale TG1 il documentario “Vita da inviato”, che ricostruisce gli eventi degli ultimi vent’anni: dall’inizio della guerra nell’ex-Jugoslavia e la prima guerra del Golfo, fino all’ultimo conflitto in Libia, ancora in corso: affiancato dal caporedattore del TGR Giovanni Marzini, il giornalista ricostruirà gli ultimi vent’anni della nostra storia attraverso la sua vita da inviato. Infine, venerdì 15 luglio, il direttore del Messaggero Veneto Andrea Filippi condurrà una pubblica intervista ad uno dei più noti politologi, esperti di politica estera e di strategia militare a livello mondiale. Edward Luttwak dialogherà sul tema Balcani: da una sconfitta storica, l’occasione per la nuova Europa. Punto di partenza della riflessione del noto saggista statunitense è la situazione nei Balcani di ieri e di oggi e il ruolo giocato dall’Europa nel corso della guerra nell’ex-Jugoslavia.

Mittelfest 2011 - Nazioni e Identità - XX edizione

Martedì 12 luglio 2011, ore 21.30 

Teatro Ristori - Cividale del Friuli (UD)

When I was dead

dal film di Ernst Lubitsch

regia e scene Diego de Brea

musiche eseguite dal vivo Jože Šalej

con Alojz Svete, Janez Škof, Jernej Šugman, Boris Mihalj

Jože Šalej al pianoforte

Una produzione Slovensko narodno gledališče DRAMA Ljubljana

Prima nazionale

Un Progetto MittelFest: Elogio della Leggerezza

Spettacolo muto con sopratitoli

Info:  Mittelfest

tel. 0432733966

Biglietteria:

tel. 0432734316

www.mittelfest.org