Università di Trento: tornano gli ICT Days

Uni TN
15 ,16 e 25 marzo al Padiglione didattico della Facoltà di Scienze

 TRENTO - Successo di adesione da parte di aziende e studenti interessati a partecipare

alla due giorni dedicata alle tecnologie dell’Informazione (ICT). Grandi aziende,

ma anche apertura all’imprenditoria locale. Lo “smart corner”, novità di questa

edizione.

Torna anche quest’anno l’appuntamento a

Povo con gli ICT Days, l’evento promosso dal Dipartimento di Ingegneria e Scienza

dell'Informazione (DISI) dell’Università di Trento dell’Università di Trento per illustrare

le potenzialità e le novità del settore ICT e per far incontrare aziende, ricercatori e

studenti. Gli ICT Days si terranno martedì 15 e mercoledì 16 marzo e saranno

ospitati anche quest’anno nel padiglione didattico della Facoltà di Scienze a Povo

(via Sommarive 18).

Anche quest’anno la manifestazione si annuncia carica di aspettative, sia da parte

del mondo imprenditoriale che da parte degli stessi studenti, interessati a scoprire

quanto il loro titolo di studio possa essere spendibile nel mondo del lavoro. Gli

organizzatori hanno infatti registrato il tutto esaurito nelle domande di partecipazione

delle aziende e stanno valutando, per le prossime edizioni, di ampliare gli spazi

dell’evento per accogliere tutte le richieste. Che la manifestazione sia cresciuta lo

conferma anche l’adesione di grandi aziende, come IMB, Telecom, National

Instrument, Whirpool, Procter&Gamble.

Tra le novità, anche il rafforzamento dei legami con il tessuto imprenditoriale trentino

e con gli operatori del settore ICT attivi a livello locale. Grande sinergia, infatti, è

stata stretta con Informatica Trentina, Fondazione Bruno Kessler e il consorzio

Trento Rise, ma anche con Confindustria, Associazione Artigiani e piccole imprese,

CAT (Unione commercio e Turismo).

Novità di quest'edizione anche lo smart corner, uno spazio dedicato alle applicazioni

più avanzate, dove le aziende presenteranno in anteprima e faranno provare alcuni

dei loro prodotti più innovativi.

Il programma

Gli ICT Days si apriranno martedì 15 marzo alle 16.30 con una conferenza dedicata

a “Strategie per la ricerca, l'innovazione e l'alta formazione in ICT” a cui prenderanno

parte, oltre al direttore del DISI, Dario Petri, l’economista Pier Franco Camussone

(Dipartimento Informatica e Studi Aziendali dell’Università di Trento), Giordano

Tamanini di Confindustria Trento, Paolo Traverso (Fondazione Bruno Kessler) e

UFFICIO STAMPA

Per maggiori informazioni: Ufficio Stampa dell’Università degli Studi di Trento

Via Belenzani, 12 – 38122 Trento, Italy

tel. +39 0461/281131-1136, fax +39 0461/282899 - e-mail: ufficio.stampa@unitn.it

Alberto Sangiovanni-Vincentelli (University of Berkeley). Prevista anche la

partecipazione del Presidente della Provincia autonoma di Trento, Lorenzo Dellai.

La seconda giornata – mercoledì 16 marzo dalle 10 alle 17 – sarà dedicata a

dottorandi, neolaureati e studenti dei corsi in ambito ICT che avranno la possibilità di

incontrare aziende locali, nazionali e internazionali che utilizzano le tecnologie

dell’Informazione. I giovani potranno presentarsi e porre domande sulle attività di

ricerca svolte in ambito aziendale e sostenere brevi colloqui conoscitivi per valutare

un eventuale inserimento lavorativo ed opportunità di stage.

Ogni azienda avrà modo di presentare inoltre le proprie attività di ricerca nel corso di

una presentazione in aula e sarà presente con uno stand dedicato all’interno del

padiglione.

In vista per il 25 marzo anche una giornata interamente dedicata all’orientamento

alla scelta universitaria nel campo dell’ ICT, in occasione dell’evento Porte Aperte

promosso dall’Ateneo. Un’occasione per mostrare da vicino ai ragazzi delle scuole

medie superiori il mondo delle nuove tecnologie e dell’informatica e magari suscitare

in loro una passione che potrà portarli alla scelta di un percorso in questo campo.

Durante questa giornata saranno infatti presentati i corsi di laurea in Informatica,

Ingegneria elettronica e delle telecomunicazioni, e Ingegneria dell’informazione e

organizzazione d’impresa, i cui laureati sono particolarmente apprezzati dal mondo

del lavoro.

I partner: Informatica Trentina, FBK - Fondazione Bruno Kessler, Trento RISE

(Trento Research, Innovation & Education System)

Le aziende: 15multimedia, Accenture, Alcatel-Lucent Italia, Algorab, Altran Italia, BV

Tech, CAT Imprese Unione, Centro Ricerche FIAT (CRF), Cloudware it!, Cogito,

Dedagroup, Derga Consulting, Engeneering, eTour, Far systems, Giscover, Global

Base, GPI, Graphitec, IBM Italia, Interplay Software, Metacortex, National

Instruments, Netwise, Procter&Gamble, Saidea, STMicroelectronics, Telecom Italia,

Tretec, Whirlpool EMEA, XPeppers.

Con la partecipazione di: Advanced Digital Sciences Center (ADSC) -Singapore;

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento, Confindustria,

Unione Commercio Turismo Servizi, Create-net, Trentino Sviluppo.

ICT: il “clic” che muove il mercato del lavoro

Le parole “internet” e “web”, introdotte nel nostro vocabolario soltanto 16 anni fa,

sono entrate ormai a far parte del linguaggio comune, non soltanto dei giovani. E non

potrebbe essere che così, visto che nel mondo vengono scambiate 2 milioni di email

al secondo e scaricate 40 miliardi di pagine web da 2 miliardi di persone. Ma cosa

sta dietro al mondo di internet? Il web è forse l’ambito di applicazione più conosciuto

delle ICT, le tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Un settore che

prosegue nella sua forte espansione anche grazie alle applicazioni numerose, anche

se spesso sconosciute, nella vita di tutti i giorni.

UFFICIO STAMPA

Per maggiori informazioni: Ufficio Stampa dell’Università degli Studi di Trento

Via Belenzani, 12 – 38122 Trento, Italy

tel. +39 0461/281131-1136, fax +39 0461/282899 - e-mail: ufficio.stampa@unitn.it

Sociale, sanità, cultura, educazione, gestione e monitoraggio dell’ambiente, mobilità,

turismo, agricoltura e risparmio energetico sono soltanto alcuni dei moltissimi campi

in cui operano gli esperti di ICT. Che in futuro saranno sempre più richiesti. Da uno

studio della comunità europea sull’impatto dell’ICT nell’Europa dei 27 (settembre

2008) si calcola, infatti, che saranno complessivamente 2.112mila i nuovi posti di

lavoro ad esser creati in questo settore entro il 2015 con una crescita globale pari a

oltre mille miliardi di euro. Una stima confermata peraltro dalle previsioni del Bureau

of Labor Statistics americano, secondo cui nel periodo 2008/18 i nuovi posti di lavoro

creati nei settori delle scienze e dell’ingegneria saranno per il 60% riservati ad esperti

ICT.